MSC Crociere pubblica il Rapporto di Sostenibilità 2023

MSC Crociere pubblica il Rapporto di Sostenibilità 2023





MSC Crociere ha pubblicato il suo Rapporto di Sostenibilità 2023 valutando le sue prestazioni ambientali, sociali e di governance entro l'anno 2023.

Il rapporto include anche informazioni sulla compagnia sorella della linea e marchio di viaggi di lusso Explora Journeys, che lo scorso anno ha lanciato EXPLORA I, il primo di sei navi nella sua flotta. Sono inoltre inclusi database dettagliati con informazioni su operazioni, emissioni, acqua, rifiuti, forza lavoro e distribuzione di genere.

Il rapporto rivela che nel 2023, la flotta di 22 navi di MSC Crociere ha ospitato 4.081.393 ospiti, completato 385 itinerari in 102 paesi e fornito 2.150 escursioni a terra.

 Il rapporto include anche informazioni sulla società sorella della linea Explora Journeys, nonché tabelle di dati tra cui operazioni, emissioni, acqua, rifiuti, numero di dipendenti e distribuzione di genere.




 Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo della Divisione Crociere del Gruppo MSC, ha dichiarato: “Abbiamo iniziato a pubblicare un Rapporto annuale di Sostenibilità nel 2019, diventando questo il nostro quinto rapporto. Durante questo periodo, il nostro impegno per raggiungere i nostri obiettivi rimane più forte che mai. Il nostro approccio alle questioni ambientali, sociali e di governance è diventato più sofisticato poiché abbiamo utilizzato più modi per gestire le nostre attività in modo più dinamico.

Ciò riflette la nostra passione non solo di allinearci alle aspettative delle parti interessate e di navigare in un panorama normativo complesso, ma di apportare cambiamenti significativi e misurabili che abbiano un impatto positivo a lungo termine sui nostri ospiti, sui nostri dipendenti e sul nostro pianeta.

I punti salienti includono: 

L’intensità di carbonio della flotta è migliorata del 6,5% rispetto al 2022.

È stata varata la seconda nave alimentata a gas naturale liquefatto (GNL), la MSC Euribia, con un viaggio a emissioni nette di gas serra (GHG) dalla Francia alla Danimarca.

I collegamenti elettrici da terra riusciti sono stati 44 per le navi della linea in otto porti in Norvegia, Germania, Regno Unito e Malta. 

La gestione dell'acqua dolce ha prodotto l'87,2% del fabbisogno idrico di bordo della flotta – oltre 6,4 milioni di metri cubi – attraverso la desalinizzazione. Ciò ha comportato una riduzione del consumo di acqua a bordo da 226 litri per ospite al giorno nel 2022 a 187 litri nel 2023, in calo del 17,2%.

Ha collaborato con NatureMetrics, specialista in intelligence della natura e DNA ambientale, per analizzare campioni di acqua di mare provenienti da tre navi, identificando più di 4.000 specie animali diverse utilizzando tecniche di identificazione del DNA.

“Rimaniamo pienamente impegnati a raggiungere il nostro obiettivo di zero emissioni nette di gas serra entro il 2050, in linea con la strategia dell’Organizzazione marittima internazionale, ma raggiungere lo zero emissioni nette non può essere raggiunto da soli. 

Continuiamo a lavorare a lungo con i nostri partner più stretti, tra cui cantieri navali, fornitori di tecnologia, fornitori di carburante e molti altri e sono soddisfatto dei progressi che stiamo facendo come settore.





NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione - Oppure salva una copia dal menù del tuo Browser da utilizzare fuori linea -