SIVIGLIA - CITTA' IN AUTONOMIA - DA PLAZA DE ESPANA UNA PASSEGGIATA CON MAPPA E PERCORSI -

Siviglia puoi scoprirla semplicemente con una passeggiata, dagli edifici gotici alle mura moresche e alle chiese barocche. 

Le strade di Siviglia sono fiancheggiate da giganteschi alberi di seta con le loro bellissime nuvole di fiori rosa piumati e alberi di Jacaranda con le loro delicate foglie simili a felci che ricordano fiori viola. 

Per agevolare la tua passeggiata in autonomia, sotto l' articolo troverai una mappa di tutti i luoghi citati in questa guida.

Dovrai semplicemente aprire la Google Maps allegata per seguire l'itinerario che ti permetterà di scoprire a piedi i principali siti turistici della città. 

Puoi anche scaricare la mappa in anticipo in modo da poterla utilizzare offline.


Siviglia è uno di quei posti che devi semplicemente visitare, fare una passeggiata lungo i tortuosi vicoli medievali, gustare alcune tapas, assistere a un autentico spettacolo di flamenco, attraversare un ponte sul fiume e assaporare le gioie per eccellenza della Spagna.

La variegata storia di Siviglia ha lasciato dietro di sé una grande quantità di eredità, gran parte della quale si trova nel centro storico, il più grande d'Europa. Il Barrio de Santa Cruz è l'ex quartiere ebraico di Siviglia e uno dei famosi quartieri della città. 

Oggi il centro storico di Siviglia è splendido come sempre. Un dedalo di stradine e vicoli, che conduce ai maestosi palazzi in stile spagnolo e moresco, e le deliziose piazze fiancheggiate da case, dipinte in mattoni scuri, ocra, crema e altri colori distintivi del sud spagnolo.

Se utilizzerete il transfert offerto dalla Compagnia, il pullman vi lascerà in Calle de La Rábida, a brevissima distanza dalla magnifica Plaza de España e comunque non lontano dall'Alcázar e dalla Cattedrale.

Se, invece, volete raggiungere Siviglia in autonomia da Cadice, innanzitutto dovrete avere a disposizione almeno 8/9 ore di scalo. Qui trovate tutte le info utili.

Se ti piace fare escursioni a terra da solo, qui troverai praticamente tutto ciò di cui hai bisogno. Questo post include, anche, una mappa ( Google ) per un tour  in autonomia, adattabile ai tuoi ritmi, con tutte le località trattate in questa guida, per pianificare al meglio il tuo tempo. Buona passeggiata!

Qui trovate mappa e percorso a piedi, per la vostra passeggiata a Siviglia in totale libertà.

Per agevolare la tua passeggiata in autonomia, sotto l' articolo troverai una mappa di tutti i luoghi citati in questa guida.

Dovrai semplicemente aprire la Google Maps allegata per seguire l'itinerario che ti permetterà di scoprire a piedi i principali siti turistici della città. 

Puoi anche scaricare la mappa in anticipo in modo da poterla utilizzare offline.



Plaza de Espana

La piazza si trova ai margini del Parco Maria Louisa, la più grande area verde di Siviglia. 

Nel 1914 Anibal Gonzales, architetto, iniziò a lavorare in preparazione dell'Esposizione Iberoamericana del 1929. Usando gli stili dell'Art Déco e del Rinascimento spagnolo, del Barocco spagnolo e del Neo-Mudejar, Anibal creò Piazza di Spagna.


La piazza è abbracciata da un semicerchio di edifici esotici e torri che costeggiano un fossato. Il fossato racchiude un vasto spazio aperto. 

Al centro dello spazio si trova la fontana Vicente Traver. Gli edifici sono raggiunti da quattro ponti che si estendono sul fossato. Fai un giro in barca nel fossato e osserva la piazza intorno a te. È come fluttuare in un sogno.

I quattro ponti rappresentano Castiglia, Leon, Aragona e Navarra, i quattro antichi regni della Spagna. Intorno ai bordi della piazza ci sono 52 nicchie o nicchie. Ognuno è un minuscolo padiglione di piastrelle azulejo colorate, raffiguranti una provincia della Spagna. Ogni alcova ha scaffali usati come biblioteca di prestito, offrendo libri sulle province.

L'Esposizione Iberoamericana aveva lo scopo di mostrare una riconciliazione tra la Spagna e le sue ex colonie e territori americani. C'era un grande bisogno di costruire uno stato moderno e ristabilire legami economici e culturali con il Nuovo Mondo. 

La piazza custodisce questa visione di un passato glorioso e di un futuro promettente, abbracciandola nel cuore della Spagna.

Sul canale antistante ci sono anche delle imbarcazioni a remi che passano (ovviamente turistiche) se a qualcuno venisse voglia di imbarcarsi. 

Presso Plaza de España inoltre, a certi orari (non ho capito se regolari o casuali) hanno luogo anche degli spettacoli di flamenco vicino alle scalette centrali, meritevoli di una visita se vi capitano!



Universidad de Sevilla

A pochi passi da Piazza di Spagna troviamo un antico palazzo. È l'ex fabbrica reale di tabacco. L'edificio della vecchia fabbrica è un grande esempio di architettura industriale del XVIII secolo in stile rinascimentale. Carmen, dell'opera Carmen di Bizet, ha lavorato qui prima di ottenere la sua grande occasione.

La Spagna reale ha dominato il business del tabacco nel Nuovo Mondo e ha sfruttato appieno il mercato vincolato europeo. In questo edificio, per un certo periodo, è stato prodotto ogni sigaro d'Europa. I suoi interni sono stati conservati anche se adattati all'uso universitario. I suoi alti soffitti a volta, le sale e i cortili offrono un'esperienza visiva straordinaria.

Negli anni '50 la vecchia fabbrica fu rilevata dall'Università di Siviglia. Oggi ospita la Scuola di Lettere e Filologia dell'Università e la Scuola di Geografia e Storia. Altri campus ed edifici si trovano in luoghi diversi della città.

L'Università di Siviglia è stata creata nel XV secolo. Originariamente si chiamava Collegio di Santa Maria de Jesus e divenne una vera e propria università nel 1505 con decreto di Papa Giulio II.

L'università oggi è autogovernata e indipendente. Il motto dell'università è: "Uguaglianza, Libertà, Giustizia e Pluralismo". Attualmente ha una popolazione studentesca di 65.000 ed è una delle migliori università del paese.


Torre del Oro

Si tratta di una torre di avvistamento militare separata dal resto delle mura (torre Albarran) e faceva parte delle opere difensive dell'Alcázar di Siviglia. 

Questa torre fu fatta costruire dall'ultimo governatore almohade di Siviglia, Ibn Uhla, nel 1221, con lo scopo di sbarrare la strada all'Arenal, unendo detta torre con la Torre de la Plata (Torre d'Argento) attraverso un muro. 
Ha una pianta dodecagonale ed è coronata da merli. Ha ricevuto il suo nome a causa dei bagliori dorati delle piastrelle smaltate che la ricoprono.



Oltre ad essere utilizzata come prigione durante il Medioevo, la Torre era talvolta utilizzata come luogo sicuro per custodire metalli preziosi portati periodicamente dalla flotta delle Indie. Oggi ospita il Museo Navale che espone diversi oggetti e pezzi legati alla vita dei marinai di Siviglia.




Alcazar de Sevilla 

Cosa visitare a Siviglia se non il Real Alcazar de Sevilla? 

Questa fortezza araba, tra le più grandi della Spagna, è un vero spettacolo per gli amanti della storia e del genere, che vi porterà via qualche ora per visitarla. Attenzione però che per evitare code infinite per l’ingresso è consigliabile prendere il biglietto in anticipo dal sito ufficiale del Real Alcázar de Sevilla . 

Non è un sito web molto intuitivo. Se vuoi visitare l'Alcázar senza un'audioguida, devi inserire "Visita generale" (anche se inizia a € 1, l'ingresso generale costa € 12,5).

È dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO e forse sogni di averlo visto in grandi produzioni come Game of Thrones (Stagione 5).




 I luoghi più importanti dell'Alcázar di Siviglia

Questo imponente complesso ha origine nel X secolo, durante il periodo islamico, e fu ampliato fino al s. XIV. Nel 1248 Fernando III conquistò la città, dando il via al periodo cristiano. Il complesso continuò ad essere utilizzato, conferendogli nuovi usi. Sebbene alcuni siti siano stati appena modificati, sono state costruite nuove parti, come le sale gotiche e il palazzo mudéjar.

L'ingresso dopo aver superato il Patio de la Montería è spettacolare. È la facciata del palazzo del re Don Pedro . Tutte le parti di questo palazzo sono mudéjar, cioè sono state costruite in epoca cristiana ma sotto una notevole influenza musulmana (a prima vista sembrano totalmente islamiche). Per me tutta questa zona è la più bella.



Al suo interno, uno dei luoghi più belli del Real Alcázar di Siviglia è il Patio de las Doncellas (quello nella foto di copertina dell'articolo), che mi ha ricordato la parte più importante dell'Alhambra di Granada. Attorno a questo cortile si trovano alcune delle sale più imponenti, come la Sala degli Ambasciatori.

Ci sono altre zone dallo stile totalmente diverso, come la Casa del Asistente, che ricorda una tipica casa castigliana, con i suoi balconi in legno, e il Palazzo Gotico, con uno stile che siamo più abituati a vedere nei palazzi del resto del Spagna.

Inoltre, impossibile non evidenziare i giardini . Sono gigantesche e potresti passare tutto il giorno a camminarci sopra. 

Tuttavia, una delle zone più rilevanti è l'Estanque de Mercury, dove si nascondono molto vicini i Baños de Doña María de Padilla, e il Jardín del Laberinto, in cui perdersi è relativamente facile (da quello che abbiamo visto, si esce da attraverso lo stesso luogo in cui entri).




Entrare nel Cuarto Real Alto

Il cosiddetto Palazzo Alto è un piccolo gioiello all’interno dell’Alcázar ed è attualmente il luogo in cui soggiornano i re e i capi di stato quando visitano Siviglia. Costruito da Pedro I, ha subito diverse riforme, tra le quali spiccano quelle dei Re Cattolici, di Carlos V e quelle attuate nel corso del XIX secolo. 


Prima, questa parte era chiusa ai visitatori. Tuttavia, da qualche anno, anche quest'area può essere visitata, sebbene in un periodo di tempo limitato e sempre guidata da personale ufficiale. 
Per visitare questo sito, dovrai pagare un supplemento di € 4,5 al momento dell'acquisto del biglietto tramite il sito ufficiale (devi cliccare su Visita Alcázar + Cuarto Real Alto).

Poiché i posti sono molto più limitati, tendono a esaurirsi molto prima, quindi se vuoi visitare questa parte dell'Alcázar, devi procurarti i biglietti (che dal 1 maggio 2020 sono nominativi) il più in anticipo possibile.


Comprende varie stanze come la sala ufficiale o delle udienze, la camera da letto del re Pedro, il belvedere dei Re Cattolici, di influenza granadina e con una delle migliori viste dell'intero Alcázar; o -su queste linee- anche l'oratorio della regina Isabella la Cattolica. Mette in risalto anche i suoi mobili del XIX secolo con magnifici arazzi delle collezioni reali.



Alle spalle dell’Alcazar, non dimenticate poi di passare a fare due passi nel Jardin de Murillo, un lungo e curato giardino ottimo per una pausa rilassante e raggiungere il vicino Barrio Santa Cruz, un viale alberato pieno zeppo di ristorantini e tapas bar dove assaggiare qualcosa di tipico o bere un drink.



Il Barrio de Santa Cruz è l'ex quartiere ebraico di Siviglia 

 Il quartiere è un labirinto di stradine e vicoli, dove puoi passeggiare o goderti uno dei tanti ristoranti (turistici) o piazze attraenti. Oggi questo quartiere e centro storico, con le sue numerose case bianche, è il centro turistico di Siviglia .

Molto tempo fa, Siviglia aveva la più grande comunità ebraica della Spagna. Quando Ferdinando III di Castiglia conquistò la città dagli Almohadi nel 1248, consegnò questo quartiere agli ebrei. In questo quartiere potevano vivere con relativa libertà. Le cose andarono male durante il XIV secolo. 

C'è stato un periodo in cui il popolo ebraico veniva cacciato o addirittura ucciso se non si convertiva al cristianesimo. Dopo che tutti gli ebrei furono cacciati dalla città nel 1492, lasciarono questo bellissimo quartiere abbandonato.


L'Archivio Generale delle Indie

Creato nel 1785 da Carlos III, l'Archivio Generale delle Indie di Siviglia è uno degli edifici più emblematici della città. Le sue mura custodiscono secoli di storia, in quanto è stato l'unico luogo che ha ospitato fino ad oggi tutta la documentazione relativa alle colonie spagnole. 



Ancora oggi sono esposte varie mappe disegnate all’epoca, strumenti usati dai navigatori e qualche “bottino” importato dal nuovo continente.
Ha documenti unici con la firma di grandi personaggi storici come Cristoforo Colombo, Hernán Cortes o Francisco Pizarro .

Sulle pareti esterne dell'Archivo de Indias ci sono alcune iscrizioni rossastre. Questi 'graffiti' sono applausi e venivano affissi per commemorare festeggiamenti o come segno di riconoscimento di qualcuno per aver conseguito un dottorato .



 L’accesso all’archivio generale delle Indie è gratuito ed è visitabile in un’oretta. 

Tenete presente che chiude alle 17, il che significa che alle 16.30 iniziano ad invitarvi ad uscire, quindi andateci presto.



Subito dopo aver visto l'Archivio Generale delle Indie potete fare una rinfescante tappa nell’adiacente Plaza Nueva.

Plaza Nueva è la piazza centrale con il municipio di Siviglia (Ayuntamiento). Nella piazza si trova una grande statua del re Ferdinando III di Castiglia.

L' edificio del municipio di Siviglia è l'edificio principale che si affaccia su questa piazza. Sebbene sia stato costruito nel XV secolo, l'attuale edificio è il risultato di una profonda riforma operata nel XIX secolo e realizzato in stile neoclassico.



In uno degli angoli, accanto al Municipio, si trova l' Edificio Telefónica , costruito nel 1928, in stile neobarocco e con influenze di diversi edifici che si possono vedere a Siviglia, come il Palazzo San Telmo. Si distingue per il suo colore rosso e per la torre coronata da un orologio, inconfondibile per i sivigliani.



Un altro punto di interesse che possiamo trovare in Plaza Nueva è la Cappella di San Onofre , che è l'unica cosa che è stata salvata dall'antico convento francescano.


Il monumento più famoso da visitare a Siviglia è la Cattedrale di Siviglia. 

Il nome ufficiale della cattedrale di Siviglia è " Catedral de Santa María de la Sede " ed è la chiesa più grande del mondo, dopo la Basilica di San Pietro a Roma e la Cattedrale di St. Paul a Londra.

Parzialmente edificata sui resti dell’antica moschea costruita nel periodo arabo, cosa che all’epoca avveniva sia per “risparmiare fatica” sia come segno di sottomissione verso la precedente cultura cacciata dalla città. 

Oltre ad essere impressionante per le sue dimensioni e per lo sfarzo che vi si trova al suo interno, è notevole anche ammirare come si trovino parti di cattedrale con ornamenti ancora in stile arabo e il giardino di aranci al proprio interno, pressoché immutato dal tempo della moschea, nel quale fungeva da anticamera di purificazione, visto che gli aranci e i loro fiori avevano questo significato per la cultura araba.



Visita della Cattedrale di Siviglia

E' necessario acquistare i biglietti al botteghino della cattedrale. Tuttavia, a causa delle lunghe code, ti consigliamo di prenotare questi biglietti online .

Alcuni siti importanti quando si visita la cattedrale di Siviglia sono:

Tomba di Cristoforo Colombo. I suoi resti furono trasferiti da Cuba a Siviglia nell'898 e ora riposano in questa tomba. È adornato da una bara di bronzo, portata da quattro figure che simboleggiano i regni di Castiglia, León, Aragona e Navarra

La Cappella Reale (Capilla Real), dedicata al re Ferdinando III di Castiglia. Questo re rivendicò Siviglia dai Mori nel 1248.

Nella Cattedrale si possono ammirare molti dipinti di Murillo, Goya, Pedro de Campaña e Luis de Vargas.

La stanza del tesoro.



La torre della Giralda: ex minareto della moschea preesistente

Vicino alla cattedrale si trova La Giralda, la torre moresca della cattedrale. Il tuo biglietto d'ingresso include l'arrampicata su questa torre della Giralda.

Il minareto della cattedrale, La Giralda , è la torre della moschea che è stata conservata dopo la demolizione della moschea quando è stata sostituita da una cattedrale . 

Per una bella vista sul centro della città durante la tua visita, puoi salire sulla Torre della Giralda, alta 104 metri. 
Non si sale per mezzo di una scala, ma seguendo un corridoio in pendenza, che permetteva anche ai cavalli di salire. In cima alla Torre della Giralda c'è una statua di bronzo alta quattro metri. Questa statua, che rappresenta la fede, è soprannominata il Giraldillo. 

La statua gira con il vento e, di conseguenza, la torre deve il suo soprannome (Giralda = banderuola).



Plaza de Toros - Arena Real Maestranza

Se hai ancora tempo e voglia di camminare puoi raggiungere Plaza de Toros - Arena Real Maestranza. Sono 500 metri dalla Cattedrale di Siviglia.

La Plaza de Toros de Sevilla è l'arena più grande e importante per la corrida in Spagna. Ad esempio, durante la settimana del festival Feria de Abril si tiene il più grande festival della corrida del mondo . 

Il nome completo è " La Plaza de Toros de la Real Maestranza de Caballería de Sevilla ". L'arena ovale si trova nel quartiere del porto di El Arenal, è stata costruita nel XVIII secolo e può ospitare 13.000 spettatori. La Plaza de Toros ha una facciata barocca unica, risalente al 1762-1881.


Nella Plaza de Toros si trova anche il "Museo della corrida" con, tra l'altro, una sala con dipinti sulla corrida. Il museo espone tutti i tipi di oggetti che mostrano la storia e l'evoluzione della corrida e dei toreros in Spagna.

Vicino all'arena della corrida si trovano diverse statue di persone significative nella storia della corrida, come i toreatori Curro Romero, Manolo Vázquez e Maria de las Mercedes di Borbone-Sicilia, la madre del re Juan Carlos.



Sul lato opposto del fiume Guadalquivir, all’estremità ovest di Siviglia, sorge il quartiere di Triana.

Un piccolo quartiere attivo principalmente alla sera con una moderata vita notturna lungo i due viali indicati in verde nella mappa, ma che può essere interessante da visitare a Siviglia anche durante il giorno se avete tempo che vi avanza per una pausa gelato o per ammirare alcuni edifici davvero curati lungo il viale che si affaccia al fiume.

Storicamente, il quartiere di Triana era al centro di tutte le principali strade (d'acqua) della città. Questo quartiere commerciale era famoso per le sue tipiche piastrelle e ceramiche Azulejos. Gli azulejos sono piastrelle di ceramica con una tipica pittura blu. Dopo che Guadalquivir si è insabbiato, Triana è diventata ancora più un quartiere operaio.



Luoghi da visitare nel 'Barrio de Triana'

La chiesa di Santa Ana del 1276 è la chiesa più famosa di questo quartiere. Secondo la leggenda, i bambini battezzati qui riceveranno una buona voce per il flamenco. 

La 'Iglesia Santa Ana' è aperta alle visite (dal lunedì al giovedì, dalle 10:30 alle 13:30 venerdì dalle 11:00 alle 13:30 dal lunedì al venerdì, dalle 17:00 alle 19:00) .

Un'altra chiesa è ' La Capilla de los Marineros ' in calle Pureza 52. Questa è la cappella dei marines con la statua della Vergine Esperanza de Triana. Durante la Semana Santa, questa statua viene portata avanti e indietro attraverso la città fino alla Cattedrale di Siviglia .


Passeggia per le strade o rilassati su una delle terrazze o dei ristoranti sul colorato viale del Guadalquivir. 

Mercado de Triana

Inoltre, merita una visita il Mercado de Triana , il mercato del fresco giornaliero. Qui i residenti locali vengono per una ricca e variegata selezione di frutta, verdura, carne, erbe aromatiche e pesce al mattino. Assicurati di provare alcuni piatti nei piccoli ristoranti.


Dal Mercado de Triana per far ritorno a Calle de la Rábida ( per riprendere il pullman della Compagnia ) sono a piedi 20 min (1.7 km).



Altre cose da fare a Siviglia

 Giro turistico in autobus Hop on Hop off

Puoi anche scegliere di prendere l'autobus hop-on hop-off. Un biglietto di 24 ore per l'autobus hop-on-hop-off costa € 20 (€ 10 per i bambini) e puoi viaggiare un'intera giornata con l'autobus rosso (ogni 20-30 min, dalle 10:00. 
L'intero viaggio di andata e ritorno dura 60 minuti ). Maggiori informazioni e biglietti .


Crociera Guadalquivir

Scopri Siviglia dal Guadalquivir, il fiume che attraversa la città. Per secoli Siviglia è stata un punto strategico per i viaggi verso il 'Nuovo Mondo'. Con questa gita in barca di un'ora di € 20 vivrai la vista di questo Guadalquivir. 


Andare in bicicletta a Siviglia? 

Siviglia è una città ideale per una scoperta in bicicletta. 
È possibile noleggiare una bicicletta o partecipare a un tour guidato in bicicletta.

Puoi prenotare vari tour guidati in bicicletta a Siviglia, oppure puoi noleggiare una bicicletta per un giorno. Sito Web di BajaBikes


Per agevolare la tua passeggiata in autonomia, sotto troverai una mappa delle migliori attrazioni da vedere in città e tutti i luoghi citati in questa guida.

Dovrai semplicemente aprire la Google Maps allegata per seguire l'itinerario che ti permetterà di scoprire a piedi i principali siti turistici della città. 
Puoi anche scaricare la mappa in anticipo in modo da poterla utilizzare offline.


NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -