ARABIA SAUDITA - AlUla - HEGRA - Il sito patrimonio Unesco dell'Arabia Saudita, si apre al mondo - Il “Wadi of Hospitality” e la “biblioteca a cielo aperto”

Situata a 1.100km da Riyadh, AlUla è una vasta area che copre 22.000 mq, tra oasi lussureggianti, montagne di arenaria e antichi siti che risalgono a migliaia di anni fa. 


AlUla si trova nella parte nord occidentale dell’Arabia Saudita, a 200 km dal Mar Rosso, lungo l’antica via dell’incenso, la rotta commerciale che un tempo collegava l’Arabia con la regione mediterranea. 


Per secoli è stata crocevia geografico e culturale, luogo di incontro e di scambi che ha attirato viaggiatori da tutto il mondo, e dal 2020, lo sta facendo di nuovo. 

Un ambizioso piano di rigenerazione mira ad attrarre due milioni di visitatori entro il 2035 trasformandola nel museo vivente più grande del mondo: una destinazione unica e globale per arte, cultura, tradizione e turismo naturale.





Il sito più noto di AlUla è Hegra, il primo sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Arabia Saudita, la principale città meridionale del regno nabateo - e avamposto romano - composta da quasi 100 tombe ancora intatte e facciate elaborate scavate nella roccia arenaria.

Il sito di Al-Hijr si trova in un punto di incontro tra varie civiltà della tarda antichità, su una rotta commerciale tra la penisola arabica, il mondo mediterraneo e l'Asia. 

È un'eccezionale testimonianza di importanti scambi culturali nell'architettura, nella decorazione, nell'uso della lingua e nel commercio delle carovane. 

Sebbene la città nabatea sia stata abbandonata durante il periodo preislamico, il percorso ha continuato a svolgere il suo ruolo internazionale per le carovane e poi per il pellegrinaggio alla Mecca, fino alla sua modernizzazione con la costruzione della ferrovia all'inizio del XX secolo.

l sito di Al-Hijr offre una testimonianza unica della civiltà nabatea, tra il II e il III secolo a.C. e il periodo preislamico, e in particolare nel I secolo d.C. Si tratta di un'eccezionale illustrazione dello stile architettonico specifico dei Nabatei, costituito da monumenti scavati direttamente nella roccia e con facciate recanti un gran numero di motivi decorativi. 

Il sito comprende una serie di pozzi, la maggior parte dei quali interrati nella roccia, a dimostrazione della padronanza dei Nabatei delle tecniche idrauliche a scopo agricolo.

La testimonianza portata da Al-Hijr alla civiltà nabatea è di eccezionale integrità e autenticità, a causa del suo precoce abbandono e del beneficio per un lunghissimo periodo di condizioni climatiche altamente favorevoli.



Oltre a Hegra, AlUla ospita una serie di affascinanti siti storici e archeologici come la Città Vecchia, circondata da un’antica oasi, Dadan, la capitale dei regni Dadan e Lihyan, considerata una delle più sviluppate città del primo millennio a.c. nella penisola araba, e migliaia di antichi siti di arte rupestre a Jabal Ikmah, così come le stazioni ferroviarie di Hijaz.


Cinque distretti unici all’interno di una regione

Il “Wadi of Hospitality” è una valle fluviale stagionale che è stata trasformata in un percorso pedonale verde di 20 km, che collega cinque distretti.

Ogni distretto mostra un elemento diverso dei 200.000 anni di storia di AlUla. Puoi vivere un’esperienza diversa in ogni distretto, dai musei e giardini, alle gallerie e ai sentieri escursionistici, con ampia scelta di cibo e alloggio. Un totale di 5.000 camere, tra eco-lodge, hotel di lusso, resort e “fattorie canyon” scavate nelle rocce di arenaria, saranno quasi raddoppiate entro il 2035.



La Città Vecchia di AlUla - un labirinto di edifici in un’oasi alberata

Il primo distretto è la Città Vecchia di AlUla, nel cuore di questa antica oasi culturale. Una fitta rete di stradine costellate di negozi e case di mattoni di terra si snoda attraverso questa città, storicamente significativa, che è stata abitata dal XII secolo agli anni ‘80 ed è oggi in fase di restauro.

Si trova in un’oasi in cui sono utilizzate antiche tecniche di gestione delle acque, irrigazione e uso del suolo. È un’area rigogliosa e fertile, in forte contrasto con la terra che la circonda.



Il secondo è il distretto di Dadan. 

Durante il primo millennio a.C., Dadan era la capitale dei regni Dadaniti e Lihyaniti. Incastonato fra imponenti rocce rosse, continua a essere un sito archeologico attivo, che gradualmente rivela le sue antiche storie ai visitatori.

Dadan ospita anche il Kingdoms Institute, un centro di studi archeologici e una piattaforma culturale che promuove la conoscenza e incoraggia l’esplorazione. I programmi includeranno la conservazione e la comprensione dell’arte rupestre e delle iscrizioni e la ricerca sull’agricoltura e la sostenibilità preistoriche e storiche.



Jabal Ikmah: una biblioteca a cielo aperto unica

Jabal Ikmah, conosciuta come la “biblioteca a cielo aperto” di AlUla, è il terzo distretto e possiede una collezione mozzafiato di iscrizioni rupestri. Tali petroglifi, che si pensa risalgano al primo millennio a. C., includono disegni di animali, persone e strumenti musicali, nonché messaggi, offerte e persino leggi incise in lingue antiche. 

Qui, si trova anche il Museo dell’incenso, una tappa obbligata per saperne di più sui prodotti più preziosi della rotta commerciale.




Nabataean Horizon: un villaggio scavato nella roccia

Il quarto distretto è noto come “Nabataean Horizon”, un suggestivo paesaggio caratterizzato da magnifiche formazioni rocciose, preludio di quelle di Hegra. 

Comprende un villaggio scavato nella roccia e un teatro all’aperto in stile nabateo. Visitarlo è un coinvolgente viaggio alla scoperta dello stile di vita di questo popolo nomade. Ospita anche la splendida sala concerti Maraya, l’edificio a specchi più grande del mondo.



Hegra: il fascino della città silenziosa

Il culmine di questo itinerario è la storica città di Hegra, il quinto distretto. Hegra, o la “Città Silenziosa”, prosperò grazie alla sua posizione all’incrocio tra la Via della Seta e la Via dell’Incenso. 

Le sue tombe monumentali scavate nella roccia arenaria testimoniano la ricchezza, il prestigio e i legami internazionali dei suoi antichi abitanti. 
Strutture difensive, tra le quali un forte, rivelano l’importanza strategica della città anche dopo l’annessione romana del Regno dei Nabatei nel 106 d.C.



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -