BAR - MONTENEGRO - IL PORTO CROCIERE - SUGGERIMENTI PER MUOVERSI IN AUTONOMIA - LE MIGLIORE SOSE DA FARE E VEDERE -

Il Montenegro è un paese con un mare blu intenso, fiumi cristallini, montagne che raggiungono il cielo, fitte foreste e splendidi laghi. 

Le crociere  hanno iniziato a fare scalo a Bar dal 2016.  

Bar ha una la città nuova, più moderna, piuttosto priva di fascino e personalità, anche se presenta un lungo lungomare. La zona commerciale della città è a pochi passi dal molo con negozi e souvenir, caffetterie e ristoranti.   C'è un mercato all'aperto appena fuori dalla città vecchia, lì puoi comprare quasi tutto, dalle verdure fresche agli occhiali da sole.

Ma il vero punto di forza di Bar è la vecchia città, Stari Bar - la Old Town, che invece, si trova a poco più di 3 km dal porto, sulle alture, addossata alla montagna, ed è la parte vecchia della città.

Ciò che rende unica la visita a Stari Bar è che è un museo a cielo aperto ed il sito archeologico medievale più grande e importante dei Balcani.

L'area di Stari Bar è un'avventura affascinante e possono essere necessarie un'ora o due per esplorare adeguatamente ciò che resta di questo insediamento fortezza. 

Puoi passeggiare tra le rovine di vecchie case di pietra, puoi vedere la fortezza, le chiese, un bagno turco, le porte della città e la torre dell'orologio. C'è anche l'acquedotto appena fuori le mura. Tutto ciò è circondato da magnifiche montagne, profonde gole e ulivi secolari.

Per la città vecchia ci vogliono circa 40-50 minuti per raggiungerla a piedi.

Puoi anche arrivare a Stari Bar in autobus. C'è un autobus locale ogni 30 minuti da Bar a  Stari bar - Old Bar al costo di 0,50 euro, oppure in taxi. (circa 5 euro)



ALLA SCOPERTA DI STARI BAR - LA OLD BAR

Oggi Stari Bar conta circa 2.000 abitanti. Negli ultimi anni intorno alla fortificazione sono sorte molte case, negozi e ristoranti. 

Ci sono diversi ristoranti vegetariani e tradizionali. La maggior parte di loro è specializzata in slow food . Un consiglio, se vuoi fare uno spuntino, ordina la deliziosa “priganice” con formaggio e/o miele al famoso ristorante “Kaldrma”!

Il mercato di Stari Bar è piuttosto attraente. Questo è il luogo in cui le donne locali, spesso vestite con costumi nazionali, vendono le loro olive, olio d'oliva, mandarini e limoni, formaggio, prosciutto e altri prodotti fatti in casa, sotto alberi ombrosi.



Appartenuta all'Impero Bizantino, la città fu assediata più volte, passando successivamente dalle mani della Repubblica di Venezia e degli Ottomani. 

L'acquedotto che riforniva d'acqua la città fin dal periodo ottomano, nel XVI secolo, fu distrutto dal terribile terremoto del 1979, dopo il quale la città fu definitivamente abbandonata e ricostruita più avanti lungo la costa, a Bar. 

Perdiamoci in questa città fantasma alla scoperta della natura più vera del Montenegro.

Arrivati ​​al cancello d'ingresso, notate il Leone di San Marco, simbolo della città di Venezia. E facendoti strada, è ora di lasciarsi alle spalle il mondo moderno.


Le prove archeologiche suggeriscono che qui esistesse un antico insediamento illirico già nel IX secolo a.C. Poi, molto più tardi, la regione entrò a far parte dell'Impero bizantino, quando era conosciuta come Antivarium. 

Bar fu quindi incorporata nell'impero serbo governato dalla dinastia Nemanjić, la più importante dinastia medievale in Serbia. Per tutto il Medioevo passerà di mano tra serbi, veneziani e ungheresi. 

E dal 1571, Bar sarebbe stata tenuta dagli ottomani per i successivi tre secoli.


Mentre cammini tra le rovine, molti degli edifici sono indistinguibili, anche se ci sono alcuni punti salienti restaurati da tenere d'occhio. Uno di questi è la torre dell'orologio, costruita nel 1752 e situata nella parte sud-orientale della città. 

Non lontano si trova la Cattedrale di San Giorgio. Originariamente costruita come chiesa romanica, fu trasformata in moschea nel XVII secolo. Ma tragicamente, è stato accidentalmente distrutto da un'esplosione di polvere da sparo!

Prima del terremoto del XX secolo, infatti, molti dei monumenti di Stari Bar erano già stati danneggiati durante la sanguinosa battaglia contro gli Ottomani.


Un'altra chiesa vicina, la Chiesa di S. Veneranda, è in condizioni decisamente migliori. Mentre molte delle altre strutture hanno subito anche recenti restauri, le porte erano per lo più chiuse. Tra queste chiese c'è la chiesa di San Giovanni, recentemente restaurata dai discendenti di alcuni abitanti originari di Stari Bar.


Un altro punto forte di Stari Bar è l'hammam turco, o stabilimento balneare, che difficilmente noterai camminando. È solo osservando la struttura dal livello superiore che diventa visibile il suo tetto in terracotta.

Assicurati anche di dare un'occhiata al Lapidarium. La saletta contiene centinaia di frammenti lapidei databili dal V al XIX secolo. Originariamente la struttura era utilizzata come polveriera dagli Ottomani nel 1700.


A ovest, l'ampia fortezza difensiva è senza dubbio l'attrazione principale di Stari Bar. Risale all'XI secolo e i visitatori sono liberi di salire i gradini per accedere al piano superiore. Da qui, puoi goderti una vista fantastica del resto di Stari Bar e delle montagne circostanti.

Ed è anche dalla fortezza che si può vedere l'iconico acquedotto di Stari Bar.



Costruito nel XVII secolo, l'acquedotto portava l'acqua dalla sorgente naturale più vicina, a circa 3 km di distanza. È stata a lungo l'ancora di salvezza della città, motivo per cui è stata presa di mira dai montenegrini durante la loro battaglia contro gli ottomani nel XIX secolo.

I montenegrini hanno fatto esplodere un enorme esplosivo qui per interrompere l'approvvigionamento idrico di Stari Bar, costringendo gli ottomani ad arrendersi solo pochi giorni dopo.

Successivamente è stato ricostruito e poi più recentemente restaurato ancora una volta dopo il terremoto del 1979.




Stara Maslina

Nelle vicinanze di Stari Bar, nel villaggio di Mirovica, si trova l'olivo chiamato Stara Maslina, con una circonferenza di 10 metri. 

Stara Maslina è considerato anche l'albero più antico d'Europa. Si dice che l'albero abbia 2243 anni. 

Nel caso in cui non credessi che l'albero sia così vecchio, puoi vedere il certificato di autenticità. Dal 1957 l'antica Maslina è sotto la tutela dello Stato.

Questo monumento naturale è più antico di qualsiasi monumento scritto sulla città di Bar e sui suoi abitanti. È persino protetto dalla legge statale nel 1963. La leggenda dice che le famiglie in lotta sarebbero arrivate al Vecchio Ulivo, ed è qui che avrebbero fatto la pace. La visita costa 1€.



Bar offre varie escursioni a terra ed è vicino alle principali attrazioni turistiche come Ulcinj, il lago di Scutari, Budva e Sveti Stefan. Cattaro è a circa un'ora.   

Ulcinj, situata proprio al confine del Montenegro con l'Albania, è quindi composta da una popolazione a maggioranza albanese, come lo è stata per secoli. Inoltre, è una delle mete balneari preferite dagli albanesi kosovari, il che significa che sentirai parlare albanese un po' ovunque.


La spiaggia di Crvena plaža

La Crvena o Spiaggia Rossa è situata in un'insenatura tra Sutomore e Bar . 

Prende il nome dal colore rosso intenso della sabbia o dei ciottoli di pietra che ricoprono la spiaggia e il fondale. 

È lunga 1 km con una fitta pineta sullo sfondo. E' molto particolare per l'insolita armonia dei colori del mare, della sabbia rossa e della pineta. È una delle spiagge balneari preferite dalla popolazione locale. 

C'è una leggenda che dice che le ninfe di Nereida erano solite riunirsi in cima all'alta scogliera sopra la spiaggia e pettinarsi i capelli con pettini di corallo. Le loro risate e i loro canti si sentivano lontano da lì, ma nessuno poteva parlarne, perché se lo avessero fatto sarebbero diventati muti.


La spiaggia di Utjeha plaža

Molti dicono che questa spiaggia lunga 800 metri sia un vero tesoro perché c'è un sentiero fiancheggiato da ulivi che sale fino all'alta via e oltre. 

È famosa per la sua bellezza, le ore di sole e l'acqua di mare pulita, in cui sgorga acqua potabile, che si mescola con l'acqua salata e crea così insolite sfumature chiare di turchese. La spiaggia di Utjeha si trova tra Bar e Ulcinj ed è costituita da ciottoli rocciosi.


La spiaggia di Strbina

La spiaggia di Strbina è un'oasi tropicale circondata da una bella vegetazione, tra cui una piccola foresta di alberi meravigliosamente rigogliosi. L'acqua è calda, limpida e ottima per una nuotata rilassante.

La spiaggia ha un bar situato proprio all'ingresso, nascosto tra le rocce, sotto il tetto di paglia. Si chiama Green Beach Bar e offre tutto il necessario per godersi il sole. Metà della spiaggia è coperta con lettini e tettoie, mentre l'altra metà è libera.



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -