IBIZA - DALT VILA - CITTA' IN AUTONOMIA - SUGGERIMENTI PER UNA PASSEGGIATA CON MAPPA E PERCORSI -

Il cuore medievale fortificato della città di Ibiza, Dalt Vila , che significa "città alta", si trova su una piccola collina che domina il porto. 

Nel complesso, è uno dei luoghi più incantevoli della Spagna.

L'intera area all'interno dei bastioni del XVI secolo a Ibiza è un patrimonio mondiale dell'UNESCO ed è un luogo in cui perdersi ed ha alle spalle oltre 2.500 anni di storia. 

Tutti, dai Fenici al re Filippo II di Spagna, hanno lasciato un segno in questa città fortificata.


Non si può visitare Ibiza senza dedicare alcune ore per passeggiare e scoprire la bellezza del centro storico di Ibiza. La vecchia città fortificato si può ammirare anche dal mare, con il complesso della cattedrale che domina tutti gli edifici circostanti.

Una passeggiata che potrete fare direttamente dal Porto Marina Botafoch a 3,5 km dalla città di Ibiza (chiamata anche Vila d'Eivissa). dove attraccherà la vostra nave. 

A piedi impiegherete circa 40minuti per raggiungere Plaça de Vila. Se non volete affrontare le salite o la lunga passeggiata in taxi in 10 minuti.  La maggior parte delle navi da crociera forniscono un servizio navetta per la città al costo di circa 13 euro. Oppure con il  City Boat ( sulla mappa City Boat Botafoc Terminal )che vi porterà in città in meno di 10 minuti. Qui trovate la mappa.

La vostra passeggiata per Ibiza inizierà da Plaça de Vila, lo spazio aperto più grande all'interno della città fortificata, dopo il Portal de Ses Taules. Questa piazza, tranquilla e solitaria in inverno, diventa uno spazio vivace e luminoso, pieno di terrazze, ristoranti, boutique e gallerie d'arte in estate.

Attraversando Plaça de Vila, potete proseguire lungo gli stretti vicoli in fondo, Santa Creu e Sant Antonio, fino a raggiungere Plaça del Sol

Da lì, devi salire la lunga scalinata da Carrer des Portal Nou per arrivare a Carrer de Sant Josep. Lì vedrai due torri a base quadrata dell'antica cinta muraria medievale che, nonostante sembrino simili agli edifici, si distinguono perfettamente.

La strada termina alla chiesa dell'Hospitalet. Da lì sali l'altra scalinata che porta a Carrer de Joan Roman, una delle strade principali di Dalt Vila. 

Proseguendo la salita si vede sullo sfondo la chiesa-convento di Sant Cristòfal. È un edificio imbiancato. 

Un po' più in alto, si possono vedere la Cappella di Sant Ciriac, il Museo Puget – ora in Carrer Major -, la porta medievale di Sa Portella e il centro informazioni Madina Yabisa. 

Lungo il percorso si incontrano numerose case sontuose appartenenti alle classi alte della città. 

Alla fine arrivi alla Plaça de la Catedral dove, oltre al tempio e al suo Museo Diocesano, troverai la Casa de la Cúria, il Palazzo Vescovile, la Cappella del Salvador, l'antico edificio universitario e il lato del Castello , con gradini contemporanei concepiti dall'architetto Elías Torres.

QUI  TROVI LA MAPPA DEL PERCORSO COMPLETO ( dal Porto Marina Botafoch alla Plaça de la Catedral a Dalt Villa  e se prendete il City Boat dal Porto di Ibiza a Evissa alla Plaça de la Catedral a Dalt Villa )

Sotto potrai vedere la mappa completa di tutte le attrazioni citate in questa guida..



Per la discesa, seguire lo stesso sentiero senza deviare dal percorso principale passando per L'Hospitalet e l'antica officina.

 Raggiungerai poi Can Botino – attualmente sede del sindaco – e il convento domenicano, con il suo belvedere che ospita la riproduzione della tomba dell'arcivescovo Guillem de Montgrí, che conquistò Ibiza nel XIII secolo. 

L'ultima tappa, dopo aver lasciato alle spalle la chiesa di Santo Domingo, è nei giardini di Carrer de Sa Carrosa, dove si trova un'altra statua in bronzo seduta su una panchina. 

Si tratta di Isidor Macabich, parroco che fu lo storico più importante dell'isola. La discesa si conclude in Plaça de Vila, dove è iniziata la passeggiata.


Per gli appassionati di storia e cultura, ci sono cattedrali e altri gioielli architettonici da esplorare.

Per le fashioniste, le strade sono piene di boutique che esemplificano l'estetica sbarazzina e lussuosa dell'isola. 

E per i buongustai, ci sono sensazionali caffè spagnoli, ristoranti e locali di tapas praticamente ad ogni angolo.


Ecco alcune delle migliori cose da fare durante la tua visita al centro storico di Ibiza.

Esplora le mura storiche del centro storico

Costruite nel XVI secolo per respingere i predoni turchi, le mura fortificate ettagonali che circondano Dalt Vila sono uno spettacolo da non perdere. L'architetto italiano Giovanni Batista Calvi le ha progettate per volere della monarchia spagnola per proteggere il nucleo della città.

Puoi ammirare le mura fortificate da lontano, persino se sei in acqua, ma camminarci sopra è uno dei modi migliori per trascorrere un paio d'ore nel centro storico di Ibiza.


Per dare il via al tuo tour informale a piedi delle mura rinascimentali, dirigiti al Portal de ses Taules  il più grandioso dei cinque ingressi principali. 

Passeggia tra le statue di marmo romane e la saracinesca, quindi inizia a camminare sul sentiero in cima alle mura del baluardo di Santa Llúcia.



Lungo la strada, aspettati di vedere viste spettacolari sia della città che delle acque turchesi del Mar Mediterraneo.


Vedi il Castello di Ibiza

Quando l' isola di Ibiza era un punto militare strategicamente posizionato, l'Almudaina, che è annessa al Castello di Ibiza, era uno dei principali siti fortificati.

L'edificio ha nove torri, tutte risalenti al XVI secolo. Gli archeologi hanno scoperto prove che esistevano fortezze di varie dimensioni in questo sito fin dal XII secolo.

Oggi non puoi entrare nel castello, ma i panorami dalla sua posizione dominante in cima a Dalt Vila sono magnifici.


Ammira le opere nel Museo d'Arte Contemporanea di Eivissa

Generazioni di artisti e creativi internazionali hanno chiamato la White Isle casa, almeno per una parte dell'anno, dando vita a una piccola ma variegata scena artistica locale. 

Dati i vincoli di spazio di gran parte dell'architettura di Dalt Vila, la maggior parte delle gallerie d'arte più ambiziose di Ibiza richiede una breve corsa in taxi fuori dal centro storico.

Per gli appassionati d'arte che desiderano esplorare il lato artistico dei Balaerici, il Museo di Arte Contemporanea di Ibiza offre una collezione accuratamente curata e si trova proprio a Dalt Vila.


L'attenzione qui si concentra molto sugli anni '60, quando Ibiza attirava ancora principalmente hippy e altri tipi controculturali sulle sue coste. 

La piccola collezione di mostre rende omaggio alle opere di quest'epoca più bohémien, così come agli artisti successivi che nacquero a Ibiza o scelsero di stabilirsi nelle Isole Baleari.

Per quanto impressionante sia la collezione stessa, è quasi oscurata dallo spazio in cui risiede. 

L'architetto Simón Poulet progettò l'edificio nel 1727 ei curatori del museo hanno svolto un lavoro eccezionale introducendo elementi contemporanei pur mantenendo l'originaria grandezza storica.

Caratterizzato dalle linee pulite e geometriche e dalle pareti bianche che caratterizzano gran parte dell'iconica architettura di Ibiza, questo imponente spazio ha ospitato negli anni eventi culturali di ogni genere, tra cui la Prima Biennale di Ibiza.


Esempio di Tapas

Mentre la cucina spagnola comprende una vasta gamma di stili e specialità regionali, niente è più emblematico della cultura culinaria del paese delle tapas.

Il concetto si è essenzialmente evoluto attraverso la cultura del bere, poiché i baristi hanno iniziato a offrire piccoli snack salati per accompagnare generose caraffe di vino e bicchieri di vermouth. Nel tempo, questi modesti morsi si sono evoluti in piatti più sostanziosi e condivisibili.

Fortunatamente il centro storico di Ibiza è pieno di ottimi bar di tapas, ed esplorarli è una delle cose migliori da fare a Ibiza .

Ordinare è semplice: basta avvicinarsi al bancone, indicare i tuoi snack preferiti e impilarli su un piatto.


Visita la Cattedrale di Santa María de las Nieves

Conosciuta dalla maggior parte dei locali semplicemente come Catedral de Eivissa , o la "Cattedrale di Ibiza", la "Cattedrale di Nostra Signora delle Nevi" è il luogo di culto più suggestivo di Ibiza, situato in cima alla collina di Dalt Vila.


Lo spazio è stato un luogo sacro per vari gruppi religiosi sin dal VII secolo, quando ospitava un tempio cartaginese.

Dal XIII secolo ospita una chiesa cattolica, anche se l'attuale iterazione può far risalire la maggior parte della sua architettura al tardo XVI secolo. 

Aspettati di vedere archi a volta in stile gotico catalano splendidamente conservati e dall'esterno, una splendida vista panoramica sul mare.


Ammira l'architettura di Casa Broner

Erwin Broner è senza dubbio l'architetto più famoso di Ibiza e l'artista visionario dietro alcuni dei suoi edifici più degni di nota.

Nato in una ricca famiglia ebrea a Berlino, Broner fuggì dal Terzo Reich negli anni '30 e andò a vivere a Ibiza. Quello che era iniziato come il suo esilio involontario si è evoluto lentamente nella sua patria permanente.

Ha trovato una comunità di altri ebrei tedeschi sull'isola, che li ha accolti nella sua scena culturale in crescita. Come membro dell'élite intellettuale e degli artisti di Ibiza, sviluppò un dono per la pittura astratta e l'architettura influenzata dal Bauhaus, gran parte della quale è ancora visibile oggi.

Casa Bromer, situata proprio a Dalt Vila, è una delle gemme meno conosciute, ma assolutamente affascinanti che l'isola ha da offrire. L'ingresso è gratuito e ti permette di vagare per tutto il parco.


Qui, le linee eleganti e pulite tipiche dell'architettura razionale tedesca si sposano con le pareti color alabastro, le finestre immense e l'apertura più tipicamente associate all'Isola Bianca.

 Come bonus, la casa risiede su una scogliera che cade bruscamente nel mare, creando delle viste piuttosto incantevoli.


Scopri le fortificazioni al Baluarte de San Jaime

Chiunque abbia un fascino per la storia militare dovrebbe visitare questo museo di dimensioni modeste, che esplora come le armi che un tempo proteggevano quest'isola si sono evolute nel corso delle generazioni.

Il museo adotta un approccio interattivo all'educazione, il che significa che i visitatori possono toccare le palle di cannone e provare da soli l'armatura a piastre. È un ottimo modo in particolare per riportare in vita il passato per adolescenti e bambini, inoltre è perfetto per delle fantastiche fotografie.


Molti luoghi su quest'isola emanano un'aura incantata, nessuno più di questa enigmatica formazione rocciosa che si erge drammaticamente dal mare. In piedi a più di 1.300 piedi sopra le onde, l'imponente sagoma di Es Vedrà ha affascinato generazioni di persone sull'isola.

Secondo la leggenda locale, questa piccola isola nella riserva naturale di Cala d'Hort possiede un'energia mistica. Alcuni dicono che abbia ispirato la casa delle sirene, le seducenti cantatrici che hanno attirato i marinai verso il loro destino nell'Odissea di Omero .


Esplora le Grotte di Can Marça

Generazioni di contrabbandieri e pirati predoni un tempo nascondevano il loro prezioso carico in queste tortuose caverne calcaree sotterranee. Oggi le grotte di Can Marça attirano un pubblico decisamente diverso.

Avventurarsi in questo spazio non lontano dal Port de San Miguel è come entrare in un intero mondo sotterraneo, completo di sorprendenti stalattiti, stalagmiti e vaste piscine stranamente placide.


Le formazioni rocciose naturali sarebbero già impressionanti, ma la gente del posto a Ibiza ha deciso di alzare un po' la posta con uno spettacolo di luci e suoni colorati accanto a una cascata. Ogni tour di 40 minuti culmina in questo display, che rende le fotografie piuttosto spettacolari.


Goditi il ​​Parco Naturale di Ses Salines

Il sale marino essiccato al sole è stato a lungo una delle esportazioni di Ibiza. 

Se ti sei mai chiesto dove le generazioni di Ibicencos si sono procurate il bene prezioso, dirigiti verso questa riserva naturale protetta, che vanta lo status di Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Comprendendo dune sabbiose, zone umide, saline, spiagge meravigliose e gran parte del canale di acqua salata che separa Ibiza dalla sua isola sorella minore, Formentera, Las Salinas è davvero mozzafiato. 


Dopo aver avuto la possibilità di osservare lo splendore naturale, prenditi un momento per fermarti a rinfrescarti su questa spiaggia che è lunga, sabbiosa ed estremamente affascinante.




NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -