Ocean Cay è stata nominata "Hope Spot" da Mission Blue


Ocean Cay è stata nominata "Hope Spot" da Mission Blue

L'isola privata di Ocean Cay MSC Marine Reserve alle Bahamas è stata ufficialmente designata "Hope Spot" dall'organizzazione no-profit Mission Blue. 

Il progetto visionario "Hope Spots" mira a sensibilizzare sulla protezione degli oceani e sull'urgenza di misure per salvare gli ecosistemi marini in tutto il mondo. La designazione di Ocean Cay come "Hope Spot" sottolinea il ruolo vitale che gli ecosistemi ripristinati come Ocean Cay possono svolgere nella promozione della biodiversità e nel miglioramento della salute generale dei nostri oceani.

L'organizzazione è stata fondata dal famoso oceanografo Dr. Sylvia Earle fondata per promuovere la protezione degli ecosistemi marini. Pierfrancesco Vago, membro del consiglio di amministrazione di MSC Foundation e presidente del comitato esecutivo e presidente esecutivo di MSC Group Cruises, è stato nominato Hope Spot Champion.

Ocean Cay si unisce alla rete globale di 154 Hope Spot di Mission Blue con questo prestigioso premio. Queste località sono considerate fondamentali per la salute degli oceani e mirano a raggiungere lo status di area marina protetta. 

Le candidature vengono attentamente valutate dall'Hope Spot Council, composto da scienziati marini ed esperti di politica. Ciò garantisce che la selezione finale soddisfi entrambi i criteri rigorosi e rifletta le esigenze globali di conservazione marina.

Quando MSC Crociere ha assunto la responsabilità di Ocean Cay nel 2015, l'isola è stata segnata da decenni di estrazione industriale della sabbia. La compagnia di crociere ha intrapreso un'ambiziosa iniziativa di restauro, collaborando con il governo delle Bahamas, importanti università, scienziati marini e ambientalisti per ripristinare gli ecosistemi dell'isola.

Grazie a importanti investimenti, il progetto di rinaturalizzazione ha già compiuto notevoli progressi. Quasi 5.000 alberi e 75.000 piante autoctone, fiori e arbusti sono stati piantati sull'isola, ravvivando l'ambiente naturale. La buona salute delle acque circostanti si riflette ora nel vibrante mondo sottomarino, che ospita, tra gli altri, le tartarughe marine.



Il programma di ripristino dell'ecosistema marino copre 64 chilometri quadrati di spazio marino intorno a Ocean Cay. Il progetto si è ampliato nel 2019 con il lancio del programma Super Coral della MSC Foundation per ripristinare le barriere coralline dell'isola. 

Questa rivoluzionaria iniziativa utilizza la collaborazione scientifica e la ricerca per identificare i genotipi di corallo noti come "supercoralli" che si sono evoluti per resistere alle fluttuazioni di temperatura. Questi coralli sono posizionati strategicamente per creare barriere coralline più resilienti in grado di resistere meglio al riscaldamento dovuto ai cambiamenti climatici.

La Fondazione MSC continuerà a portare avanti questo lavoro e ogni anno istruirà migliaia di ospiti delle crociere per aumentare la consapevolezza dell'urgente necessità di un'azione globale di conservazione marina.

Questo progetto di restauro ed educazione su larga scala sottolinea l'impegno della MSC Foundation per la conservazione marina, la conservazione della biodiversità e la promozione di un futuro sostenibile per il nostro pianeta.




La Dott Sylvia Earle, Presidente di Mission Blue , ha commentato con entusiasmo: “Questo è un riconoscimento dello sforzo di ripristino globale e dell'impegno per proteggere la biodiversità marina. Il restauro di Ocean Cay, guidato da Pierfrancesco Vago, è stato un progetto complesso che ha ripristinato l'equilibrio ecologico di questa isola calcarea e delle aree marine circostanti. […] Ocean Cay istruirà migliaia di persone settimanalmente sull'importanza dell'allevamento e del trapianto di coralli resistenti al calore per la conservazione marina, la salute degli oceani e il benessere umano."


Pierfrancesco Vago, membro del consiglio di amministrazione di MSC Foundation e presidente del comitato esecutivo e presidente esecutivo di MSC Group Cruises , ha risposto: “La designazione Hope Spot è un riconoscimento significativo per la riserva marina intorno a Ocean Cay. Richiama l'attenzione sul fatto che tutti noi abbiamo un ruolo importante da svolgere come protettori del nostro pianeta blu. Ecco perché i nostri sforzi di ricerca scientifica e restauro attraverso il programma Super Coral non si concentrano solo sulla creazione di barriere coralline resilienti intorno a Ocean Cay e alle Bahamas, ma anche sul progresso della conoscenza e delle iniziative di conservazione in tutto il mondo. Ringrazio il dott Sylvia Earle e Mission Blue per i loro instancabili sforzi per ispirare tutti noi ad apprezzare e proteggere la ricca biodiversità dei nostri oceani”.

Questo riconoscimento riafferma Ocean Cay come santuario marino e il programma Super Coral della MSC Foundation come leader della conservazione, sottolineando la loro leadership nella conservazione marina.

Informazioni sulla Fondazione MSC

La Fondazione MSC senza scopo di lucro implementa l'impegno del Gruppo MSC per la conservazione marina, gli aiuti umanitari e lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo. In tal modo, utilizza la portata globale dell'azienda e il know-how marittimo unico per proteggere e preservare il nostro pianeta blu, i suoi abitanti e il nostro patrimonio culturale condiviso.

La fondazione si concentra su quattro aree - ambiente, sostegno alle comunità vulnerabili, istruzione e soccorso in caso di calamità - e promuove la protezione e la gestione sostenibile degli ecosistemi. Aiuta le comunità vulnerabili di tutto il mondo a raggiungere il loro pieno potenziale promuovendo un'istruzione di qualità, equa e inclusiva. In tal modo, fornisce un contributo duraturo allo sviluppo individuale e comunitario. Inoltre, la fondazione fornisce aiuti di emergenza per i gruppi di popolazione colpiti in caso di calamità.

A tal fine, la fondazione lavora in modo indipendente, ma collabora anche con partner selezionati. Opera in modo indipendente, sfruttando l'esperienza del Gruppo MSC nella progettazione e realizzazione di progetti, nonché nel trasporto verso le comunità. Mobilita fondi che servono a sostenere migliaia di persone. 

I partner per i progetti di cooperazione vengono selezionati sulla base di progetti precedentemente realizzati congiuntamente. Altri criteri per la scelta di un partner sono l'approccio innovativo e il comprovato successo nella gestione del progetto.


A proposito di Mission Blue

Mission Blue è un'iniziativa per esplorare e proteggere l'oceano. Guidati dal leggendario oceanografo Dr. Sylvia Earle, 

Mission Blue sta unendo una coalizione globale per aumentare la consapevolezza pubblica, l'accesso e il supporto per una rete mondiale di aree marine protette - Hope Spots. Sotto la direzione del dott. Earle, il team di Mission Blue esegue campagne di comunicazione che portano Hope Spots sulla scena mondiale attraverso documentari, social media, media tradizionali e strumenti innovativi come Esri ArcGIS. 

Attualmente, l'alleanza Mission Blue comprende più di 250 rispettati gruppi di conservazione marina e organizzazioni che la pensano allo stesso modo, che vanno dalle grandi multinazionali ai singoli team scientifici che conducono ricerche vitali. 

Inoltre, Mission Blue sostiene il lavoro di organizzazioni non governative ("ONG") che mirano ad aumentare il sostegno pubblico per la conservazione marina. Con lo sforzo combinato e la passione di persone e organizzazioni di tutto il mondo, gli Hope Spots possono diventare una realtà, formando una rete globale di aree marine protette abbastanza grande da ripristinare l'oceano, il cuore blu del nostro pianeta.



A proposito del dott Sylvia Earle:

Sylvia Earle è presidente e presidente di Mission Blue / The Sylvia Earle Alliance. È "Explorer in Residence" della National Geographic Society ed è nominata "Her Deepness" dal New Yorker e dal New York Times, "Living Legend" dalla Library of Congress e "First Hero for the Planet" dal Time Rivista designata.

 È oceanografa, ricercatrice, autrice e docente con esperienza come ricercatrice sul campo, funzionario governativo e direttrice di diverse società e organizzazioni senza scopo di lucro.


NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -