DOHA - VISITARE IL MUSEO DI ARTE ISLAMICA (MIA)

Il Museo di Arte Islamica (MIA) a Doha, di fama internazionale, è il gioiello della corona dei musei del Qatar.


L'edificio moderno, che raffigura una donna velata il cui sguardo ti segue ovunque tu sia (ci ho provato ed è proprio così!), è stato progettato in particolare dall'architetto IM Pei, vincitore del Premio Pritzker, noto soprattutto per aver progettato la piramide di vetro nel piazzale del Louvre a Parigi.


Il museo si trova su un'isola appositamente costruita confinante con il lungomare centrale di Doha ed è circondato dagli ampi spazi verdi del MIA Park.

Il Museo è composto da un edificio principale con un'ala adiacente collegata da un ampio cortile centrale. 
L'edificio principale si eleva su cinque piani, sormontati da un alto atrio a cupola all'interno di una torre centrale. 

Un oculo, nella parte superiore dell'atrio, cattura e riflette la luce modellata all'interno della cupola sfaccettata. 
La vetrata alta 45 metri sul lato nord offre spettacolari viste panoramiche sulla baia.



L'edificio è stato ispirato dal Sabil, o fontana delle abluzioni, nella moschea di Ahmad Ibn Tulun del IX secolo  al Cairo, in Egitto. 

I motivi islamici tradizionali (cupole, motivi geometrici, archi, giochi d'acqua) si fondono con l'architettura moderna per dare vita ai dettagli dell'edificio che è diventato rapidamente una caratteristica iconica del paesaggio di Doha.


Il museo offre quattro piani di mostre permanenti e temporanee, un negozio di articoli da regalo, una caffetteria e un ristorante di alta cucina IDAM del famoso chef Alain Ducasse, al quinto piano. 

Una persona della reception deve accompagnarvi per poter accedere al ristorante.
Il posto è eccezionale, inondato di luce, il ristorante ha un soffitto molto alto, i tavoli sono disposti molto distanti tra loro il che crea maggiore privacy per i clienti.



Il personale è multiculturale ma il maggiordomo, lo chef e il pasticcere sono francesi. Tutti i piatti sono una sottile miscela di Oriente e Occidente.
La cucina francese si sposa perfettamente con piatti locali come labneh, zaatar o hammour (pesce locale).

È anche sede di una biblioteca con una collezione di 21.000 libri di cui 2000 edizioni rare sia in arabo che in inglese.

Le collezioni sono superbe e valgono sicuramente il viaggio. 
Sono presentati magnificamente, in una museografia sobria e ariosa che serve soprattutto i reperti, che sono tutti pezzi eccezionali.


Acquisite da cinque comitati di acquisto che setacciano sale d'asta in tutto il mondo da quindici anni, le collezioni MIA sono sontuose, perfettamente in mostra nell'ambiente legno e luce disegnato da Jean-Michel Wilmotte. 

Tra questi oggetti, un gran numero proviene dall'Iran (ex custode del Qatar), dalla Siria, dall'India e dalla Turchia. Pugnali di giada, maschere da guerra, piatti decorati con iscrizioni calligrafiche.

Cerca il Manoscritto Shahnameh. 
Scritto mille anni fa dal poeta persiano Ferdowsi, il Libro dei Re racconta le storie ei miti del Grande Impero Persiano preislamico. 

Ammira uno dei primi strumenti di navigazione al mondo, l'astrolabio planisferico, realizzato nell'Iraq del X secolo durante il dominio abbaside. 



Lasciati abbagliare dalla placca di smeraldo intagliato, un grande smeraldo del XVI secolo. 
Di proprietà degli imperatori Mughal dell'India, una preghiera araba è incisa su un lato mentre un motivo floreale è scolpito sull'altro.

MIA è circondata da vasti prati verdi e viste meravigliose sullo skyline di Doha e sul Mar Arabico. 
È situato in posizione centrale, a pochi passi da numerosi luoghi turistici tra cui Doha Corniche, dove si può fare un giro sulle tradizionali barche da dhow. 

Il tradizionale mercato Souq Waqif è a pochi minuti a piedi, con negozi, ristoranti e divertimenti in abbondanza, mentre il Gold Souq si trova nelle vicinanze. 

Le Scuderie Emiri si trovano a un'estremità del Souq Waqif, mentre il grande Amiri Diwan, sede del governo del Qatar, si trova su un tratto di terra confinante con il Parco Al Bidda. 

Il museo ospita una varietà di attività culturali durante tutto l'anno, tra cui esibizioni dell'Orchestra Filarmonica del Qatar, proiezioni di film e lezioni di arte e calligrafia per la comunità. 



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -