EGITTO - LUXOR -ESCURSIONE DA HURGADA E SAFAGA - Scoprire Un museo a cielo aperto -

Sogni gli splendori dell'antico Egitto? La città di Luxor è una tappa obbligata quando si viaggia in Egitto perché è nel cuore dei luoghi storici dell'antico Egitto. 

Avendo visitato l'Egitto  e avendo trascorso alcuni giorni a Luxor e nella sua regione, indico i siti da vedere a Luxor ma anche nei dintorni , nonché le possibili attività. Condivido anche alcune informazioni pratiche per prepararti al tuo soggiorno .
C'è davvero molto da vedere. Anche se le navi da crociera spesso arrivano solo per una o due notti per scoprire l'essenziale, secondo me l'ideale è rimanerci dalle 2 alle 3 notti. Questo è il minimo necessario per godere appieno dei siti di interesse situati in città e nei suoi dintorni.
È molto facile spostarsi in città e nei suoi dintorni. Nessuna preoccupazione su questo argomento. A seconda dei vostri desideri potete viaggiare in taxi o in carrozza trainata da cavalli. Per attraversare il Nilo per raggiungere ad esempio le Valli dei Re, un traghetto permette di attraversare il fiume.
Dal punto di vista economico, i trasporti all'interno della città sono molto economici ma è necessario fissare il prezzo del viaggio prima della partenza, sia in taxi che in carrozza.
Tra fascino e segreti, qui lo stupore è costantemente presente. Il numero di edifici da scoprire è impressionante, in questo caso intorno alla necropoli di Tebe. 
Passeggia per i vicoli dei souk, vai al luogo funerario di Karnak, avventurati nel vicolo delle Sfingi.


Luxor è una città costruita sui resti dell'antica città di Tebe. Tebe fu la capitale dell'Egitto durante il periodo del Medio e del Nuovo Regno , dal -2000 al -1000 a.C. circa. Allora era la città più venerata dell'Egitto e comprendeva templi e una necropoli.

Le rovine dell'antica Tebe sono state inserite nell'elenco dei patrimoni culturali dell'umanità dall'UNESCO nel 1979. Il nome di Luxor deriva dall'arabo "al kousour" che significa "i castelli", in connessione con i numerosi templi o rovine di templi presenti in questa regione .

Luxor gode di una reputazione che ha attraversato il mondo come un fulmine. 
Lo testimonia l'impressionante numero di visitatori che ogni anno sfilano all'interno della città. Se sei interessato alla storia dei faraoni, dai più famosi ai più maestosi, allora affrettati a raggiungere la Valle dei Re. 

È lì che riposano dal loro sonno eterno. Vedrai tombe curiose e impressionanti lì, tra cui quella di Ramses III e Thutmose III. 
Fai anche un giro della tomba di Ramses VI e rimarrai affascinato dal suo arredamento. Anche nelle loro tombe, i faraoni rimangono simboli dell'Egitto; questa valle lo conferma piuttosto bene!

Nel patrimonio egiziano, la cultura rappresenta un asse essenziale. Ricchissima e onnipresente, la scoprirete un po' ovunque, e Luxor non fa eccezione. In effetti, la città ospita alcuni monumenti che devi assolutamente scoprire. 

Nei paragrafi successivi rimango volutamente approssimativa sui prezzi dei biglietti d'ingresso ai diversi luoghi. Condivido gli ordini di grandezza, ma questi prezzi si sono evoluti molto negli ultimi anni tra il calo del turismo all'inizio degli anni 2010 e il suo graduale aumento. Danno comunque un'idea, sapendo che 100 Sterline Egiziane (LEG) valgono circa 5 euro .


Tempio di Luxor

Questo è l'elemento caratteristico di questa città di Luxor: un magnifico tempio dell'antico Egitto sulle rive del Nilo. Questo era dedicato al culto del dio Amon.

Tra le particolarità di questo tempio possiamo notare:

un obelisco di granito rosa alto 26 metri. Per informazione, l'obelisco di Place de Concorde a Parigi proviene da questo tempio di Luxor . 

Fu offerto dall'Egitto alla Francia nel 1836 in segno di buona intesa. In precedenza c'erano 2 obelischi in questo tempio!

Altro punto notevole e particolarmente singolare:  la presenza di una moschea all'interno del tempio . Infatti la sua costruzione risale all'epoca in cui il tempio fu sepolto sotto la sabbia, e quindi aggiunge curiosità a questo sito!

Il biglietto d’ingresso costa circa 150 sterline egiziane.



È il caso, ad esempio, di Karnak, una meraviglia che deve il suo splendore al contributo di oltre 30 faraoni. 


Questo gioiello, la cui costruzione iniziò nel XVI secolo a.C., è il centro religioso più grande e ricco di tutto il Paese. 

Karnak deriva dall'arabo “al-Karnak” e significa “villaggio fortificato”. 
È il risultato di quasi 2000 anni di storia architettonica (i faraoni non hanno mai smesso di costruire, ricostruire e modificare Karnak) ed è costituito dai resti di cappelle, templi e piloni.

 La sua costruzione iniziò sotto il regno di Sesostri I (2000 aC) e continuò fino alla dinastia tolemaica (300 aC circa). Karnak fu scoperta dagli occidentali (il capitano Norden e il reverendo Poclocke) nel XVIII secolo.

Questo tempio di Karnak è il sito più visitato in Egitto dopo quello delle grandi piramidi dell'altopiano di Giza. E in realtà è visitabile solo una parte del sito: la città di Amon-Ré, il più grande dei recinti del tempio.

Tra gli elementi degni di nota di questo sito possiamo citare magnifiche colonne particolarmente ben conservate, alcune ancora decorate con geroglifici , grandi statue o persino un obelisco .

Il prezzo del biglietto è di 150 sterline egiziane.

Questo tempio di Karnak, come gli altri principali punti di interesse da scoprire nei dintorni di Luxor (visite ai templi di Luxor, Hatshepsut, la valle dei re, la valle delle regine e un passaggio ai colossi di Memnone) può essere scoperto nell'ambito di una visita guidata giornaliera (guida in lingua francese).

Oltre alla guida egittologa, la visita guidata permette di non preoccuparsi del trasporto in autobus o taxi per raggiungere questi siti. Ho visitato questi siti di Luxor con una guida durante il mio viaggio in Egitto e consiglio di fare lo stesso. Conserviamo più informazioni che con una guida cartacea.



Grandioso, questo sito archeologico che costituisce il complesso religioso più importante dell'antichità, è diviso in tre siti principali. 

La più grande è quella dedicata al dio Amon (principale divinità egizia del 1500 a.C.). Coprendo un'area di 2,5 chilometri quadrati, è oggi l'unico accessibile al pubblico (gli altri sono riservati agli scavi archeologici). 

È famoso per il suo lungo viale di sculture di leoni. Il recinto di Mut è esso stesso dedicato all'omonima dea madre. Infine, il terzo edificio celebra il dio della guerra Montu, il dio dalla testa di falco.

Accanto a questi tre recinti si trovano anche i templi di Amenhotep IV (meglio noto come Akhenathon), Nectanebo II, Osiris Pededânkh e Thutmose I, i santuari di Amon Kamoutef, Thutmose III e di Hatshepsut, nonché il luogo di sosta delle imbarcazioni di Psammouthis e Achoris.

La Valle dei Re e delle Regine


La Valle dei Re è una regione dell'Egitto situata sulla riva occidentale del Nilo. Il suo nome si riferisce alle porte che un tempo chiudevano le tombe. Immerso nel cuore della necropoli tebana, offre una vista mozzafiato della città , inclusa una vista panoramica a 360 gradi del tempio di Hatshepsut (uno dei pochi faraoni dell'antico Egitto).

La valle conta una sessantina di tombe e camere sepolcrali... Quindi portatevi delle buone scarpe e partite per incontrare Ramses II, Akhenaton e Tutankhamon! Il sito si trova nei pressi della Valle delle Regine (la necropoli delle mogli reali). Lì troverai in particolare la tomba di Nefertiti, la moglie di Akhenaton.

La Valle dei Re contiene quindi una sessantina di tombe e camere le cui dimensioni variano da una semplice fossa a un complesso di quasi 120 stanze.

Per citarne alcuni, troviamo le tombe di Ramses II, Akhenaton e Tutankhamon . Ma alcune di queste tombe non hanno ancora permesso di identificare chi vi sia sepolto, e alcune tombe probabilmente non sono ancora state scoperte!

Alcune di queste tombe sono “visitabili”, occasione per scoprire decorazioni e ornamenti per alcuni ancora molto ben conservati. Per non “danneggiare” i luoghi con i flash, nelle tombe è vietata la fotografia .


Il biglietto per accedere al sito costa circa 200 sterline egiziane. Dà accesso alla visita di 3 tombe . Tieni presente che questo biglietto “standard” non consente l’accesso alla tomba di Tutankhamon, che richiede anch’esso un biglietto aggiuntivo di circa 200 sterline.

Data la posizione geografica di questa valle, e il suo lato senza sbocco sul mare, può fare molto caldo . È disponibile anche un “trenino” per viaggiare tra l'ingresso del luogo (dove si acquistano i biglietti) e lo spazio visitabile. Questo viaggio in treno costa solo poche sterline egiziane. Non deve essere visto necessariamente come un treno turistico, ma come un mezzo di trasporto per evitare di percorrere 1 km tra andata e ritorno con il caldo...



I Colossi di Memnone


Questi colossi sono due statue in pietra che rappresentano il faraone Amenhotep III in posizione seduta. Questo faraone regnò in Egitto durante la XVIII dinastia e la loro costruzione risale al 1350 a.C. circa. Misurano circa 18 metri di altezza e pesano più di 700 tonnellate ciascuno!

Queste statue erano originariamente destinate a essere collocate all'ingresso del tempio funerario di Amenhotep , costruito durante la vita del faraone con lo stesso nome. Da allora questo tempio è stato completamente distrutto, apparentemente in seguito a terremoti e inondazioni.

I Colossi di Memnon erano realizzati con blocchi di arenaria estratti vicino al Cairo . Furono così trasportati a Tebe per una distanza di quasi 700 km... Anche se danneggiati e praticamente irriconoscibili, rimangono comunque in piedi e impressionanti da vedere da vicino.

Questo sito si trova lungo la strada, quindi l'accesso è gratuito.


Il tempio di Hatshepsut


Hatshepsut era la seconda donna faraone e questo tempio è dedicato a lei e al dio Amon. Questo tempio si trova sotto le scogliere calcaree di Deir el-Bahari , vicino alla Valle dei Re, il che lo rende unico.

Questo tempio si trova anche vicino ai templi di Thutmosi III e Mentuhotep, tutti in questo sito a Deir el-Bahari.

Il tempio di Hatshepsut è costruito su più livelli , ma devi sapere che fu in gran parte distrutto nel corso dei secoli successivi alla sua costruzione. I rifacimenti subiti nel corso del XX secolo gli hanno conferito l'aspetto attuale, particolarmente ben conservato.

Il biglietto d'ingresso per la visita costa circa cento sterline egiziane.


Il tempio di Medinet Habu

Un altro tempio da fare a Luxor, ci raccontate? Sì, ma questo ha un ingresso fortificato, che non si trova in nessuna costruzione faraonica. Ciò gli conferisce un insolito aspetto militare. Costruito per Ramses III, il tempio millenario è in ottimo stato di conservazione.


Deir el Medina, la valle degli artigiani


Impossibile visitare Luxor senza passare per la mitica valle degli artigiani di Deir el Medina!

Il periodo del Nuovo Regno, che va dal -1500 al -1000 aC, fu il più prospero per l'Egitto. Diede origine alla costruzione di numerosi monumenti, con cantieri faraonici. I lavoratori specializzati, come cavatori, pittori, scultori, ecc., e le loro famiglie furono ospitati in una città costruita appositamente per loro.

Passeggiando per le strade di Deir el Medina, potrai vedere le condizioni di vita di questa classe media all'epoca.

Nel cuore della città e ai margini della Valle del Nilo, iniziano a emergere localini prestigiosi per offrirvi momenti indimenticabili. 


Goditi l'atmosfera dei bar e dei ristoranti gustando piatti locali come hummus o kochery accompagnati da un buon drink: assab (succo di canna da zucchero) o lamoun (succo di piccoli limoni).




Uno spettacolo di suoni e luci


Se visitare il tempio di Karnak è una delle cose da fare a Luxor, bisogna aggiungere anche lo spettacolo di suoni e luci, che si svolge lì ogni sera . Sono previste tre sessioni, alcune delle quali in francese , quindi non avrai difficoltà a trovare l'orario adatto a te.

Lo spettacolo è incantevole: tutti gli elementi sono evidenziati da giochi di luce e voci fanno rivivere Luxor ai tempi dei faraoni. Visitare Luxor significa anche scoprire il folklore locale!


I suk


Impossibile visitare Luxor senza scoprire i suoi souk. Si tratta infatti di un unico souk, diviso in due parti ben distinte.

Il primo è un ingresso, che conduce a vialetti ristrutturati nel 2006, protetti da un suggestivo pergolato. I corridoi sono ampi ed è facile orientarsi.
Il secondo souk è frequentato soprattutto dalla gente del posto, che vi trova principalmente cibo. Frutta e verdura si affiancano ad animali vivi in ​​un gioioso disordine e i venditori sono meno insistenti.

Cosa fare a Luxor dopo aver fatto il pieno di cultura nei diversi musei e templi? Visitare Luxor è faticoso: una pausa è necessaria!

Il posto migliore per farlo è l'Antico Palazzo d'Inverno, risalente agli inizi del XIX secolo e da allora trasformato in un hotel a 5 stelle. Se non potete permettervi una stanza, potrete almeno approfittare della sua terrazza per godervi un tè. Questo ti permetterà di fare una breve visita e goderti la vista dei magnifici giardini.


Viaggio in feluca sul Nilo: per visitare il Palazzo dalle Mille Porte in modo diverso


Nell'antico Egitto, il Nilo era una via di trasporto essenziale per il commercio e un personaggio a sé stante nella mitologia egiziana, chiamato Hâpy . 

In un'epoca in cui non era possibile dare spiegazioni razionali ai fenomeni meteorologici (ad esempio un'alluvione in piena stagione secca), al Nilo venivano attribuiti poteri divini. Per scoprire questo fiume magico, optate per un giro in feluca! Molte barche ti aspettano lungo il Nilo...


Visita Luxor da Hurghada o Safaga


Visitare Luxor, nell'arco di uno o due giorni, può quindi aggiungere una tappa culturale ad un viaggio più orientato alle attività balneari.

Tra le alternative per collegare Luxor da Hurghada o Safaga, oltre al taxi giornaliero, all'autobus o al noleggio auto, c'è la possibilità di farlo sotto forma di escursione con guida.

Una delle più popolari è questa gita  di un giorno . Include il trasporto ai diversi siti di Luxor, una guida, il pranzo. Oltre alle visite ai templi di Karnak e Hatshepsut, alla Valle dei Re e una sosta ai Colossi di Memnone.








NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -