HIROSHIMA - GIAPPONE - PANORAMICA DEL PORTO CROCIERE - MIGLIORI COSE DA FARE E VEDERE IN AUTONOMIA -

Una vivace metropoli costellata di parchi rigogliosi e antichi santuari, Hiroshima è una città dal profondo significato storico che ha gli occhi rivolti al futuro, magnificamente ricostruita dalle macerie e dalla devastazione dopo il primo attacco con la bomba atomica nel 1945.

Gli effetti di questa bomba nucleare hanno lasciato un'impressione profonda e duratura sulla città. Ammira attrazioni come l'Hiroshima Peace Memorial Park, il castello di Hiroshima, il museo commemorativo della pace di Hiroshima e la cupola della bomba atomica e prenditi il ​​tempo per riflettere sulla sua storia ricca e difficile.

Ma forse il miglior motivo per visitare Hiroshima è l'incantevole isola di Miyajima - sede di santuari e templi e della porta torii che è un simbolo del Giappone.

Dove sei attraccato

Le navi da crociera attraccano al molo di Ujina a circa 3 km dal centro città. L'edificio del porto è stato completamente rinnovato e ora ospita una serie di caffè e ristoranti, panetterie e minimarket.

Se volessi muoverti in autonomia, il tram è il modo migliore per spostarsi. Prendi la linea 1 o 3 per Hondori per raggiungere il centro città o la linea 3 per Genbaku Dome-Mae per andare direttamente al Peace Park. La maggior parte delle tariffe sono ¥ 180 (marzo 2019). Si sale dal retro e si paga quando si scende dalla porta davanti. 

Una fermata del tram, Kaigandori, è a 10 minuti a piedi.

Di fronte al terminal del Porto c'è un grande parco con ottimi spazi per far giocare i bambini o semplicemente rilassarsi al sole. Da novembre è aperto un ottimo ristorante di ostriche barbecue dove puoi sederti all'aperto per mangiare.

L'isola sacra di Miyajima

Se visiti Hiroshima, non perderti l'isola sacra di Miyajima, situata nella baia di Hiroshima, a due passi dalla città. Considerato uno dei panorami più belli del Giappone, grazie in particolare al torii rosso vermiglio del Santuario di Itsukushima , che sembra galleggiare nel mare.

Si raggiunge in traghetto e, una volta che i piedi sono ben piantati sulla terra ferma, si può passeggiare per le vie del piccolo paese a fianco dei caprioli poco timidi, oppure intraprendere una breve escursione, che vi porterà, in poche decine di minuti a piedi da una funivia che vi permetterà di accedere alla vetta del Monte Misen, che offre un superbo panorama del Mare Interno e delle sue numerose isole.

Un passo un po' fuori dal tempo, che permette di riconnettersi con la calma e la natura giapponese, molto preservata su quest'isola.

Se vuoi andare all'isola di Miyajima in autonomia

Puoi prendere il traghetto dal porto di Ujina.  La compagnia principale è Aqua-Net , circa 45 minuti di traversata e 2.000¥ (circa 14 €) solo andata o 3.600¥ (circa 26€ ) andata e ritorno (metà prezzo per i bambini dai 6 agli 11 anni). Attracca direttamente all'isola di  Miyajima.

In giapponese, Miyajima significa "l'isola del Santuario", il che non sorprende dato che l'isola è famosa per la bellissima Porta Torii galleggiante e il Santuario di Itsukushima. 

È il luogo più popolare da visitare a Miyajima ed è facile capire perché. Guardare il sole tramontare lentamente dietro l'impressionante cancello Torii galleggiante color vermiglio è uno spettacolo che non dimenticherai mai...



Si pensa che Miyajima sia l'isola dove vive Dio. Si dice che il Santuario di Itsukushima sia costruito sulla costa perché l'intera isola è considerata il corpo di Dio ed è santificata. 

Il Santuario di Itsukushima fu costruito alla fine del VI secolo e modificato per diventare l'attuale edificio con il suo aspetto solenne da Kiyomori Taira, che per primo salì al potere come guerriero nel 1168. 

Si trova nel mare e ha una struttura ardita, inoltre, il paesaggio combinato con l'edificio del santuario laccato vermiglio, la verde foresta vergine sul retro e il mare blu simboleggiano debitamente il senso giapponese della bellezza. 

L'isola è relativamente piccola e i sentieri sono molto segnalati. All'uscita dal terminal dei traghetti, si attraversa una strada semi pedonale fiancheggiata da negozi di souvenir . Da lì sono accessibili diverse attrazioni e visite a seconda del tempo che si ha a disposizione.

Il colore rosso del santuario risplende luminoso ed è di solenne bellezza. Inoltre, il grazioso scenario del santuario nell'atmosfera sacra del mattino è bellissimo e non puoi perderlo. 

Troverai anche molti santuari e templi che vale la pena visitare, come il Santuario di Kiyomori e la Sala del Tesoro. Se visiti questi luoghi con una mappa, puoi avvertire quanto Miyajima sia stata oggetto di culto per i giapponesi.




Il Peace Memorial Park

Il Peace Memorial Park è un giardino pubblico situato su un'isola nel mezzo del fiume Ota nel centro della città. Classificato come Patrimonio Nazionale nel 2007, è, insieme al Museo e al Duomo di Genbaku, uno dei simboli disastrosi del bombardamento atomico del 1945. Questo grande spazio verde ha al suo interno circa sessanta monumenti dedicati a questo tragico evento in la storia dell'umanità.

Come arrivare all'Hiroshima Peace Memorial Park

L'Hiroshima Peace Memorial Park è facilmente raggiungibile utilizzando il sistema di tram della città. Prendi la linea 2 o 6 del tram dalla stazione di Hiroshima e scendi alla fermata Genbaku-Domu Mae vicino all'A-Bomb Dome. In alternativa, prendi uno degli autobus turistici dalla stazione di Hiroshima.

Tutti i memoriali del parco sono raggiungibili a piedi l'uno dall'altro, quindi durante la visita concediti il ​​tempo di passeggiare e vederli tutti, prima di dedicare un po' di tempo a riflettere prima di continuare con il resto delle attività della giornata .

Ogni anno il 6 agosto si tiene una cerimonia commemorativa nel Peace Memorial Park per celebrare il giorno in cui è stata sganciata la bomba atomica e per ricordare le vittime dei bombardamenti. Questa cerimonia è seguita da un evento serale di lanterne galleggianti, che vede 10.000 lanterne colorate recanti preghiere per la pace fluttuare lungo i fiumi della città.

La Campana della Pace

La Campana della Pace è stata costruita nel 1964 come simbolo del movimento contro la guerra e della campagna contro le armi nucleari. La campana presenta una serie di incisioni, tra cui un mappamondo senza confini; Simboli giapponesi che rappresentano la volontà di abolire le armi nucleari; e uno specchio per riflettere chi suona il campanello. 

La Campana della Pace si trova vicino allo stagno dei fiori di loto del parco, che presenta fiori piantati in preghiera per le vittime della bomba.



Il monumento della pace dei bambini 
Dopo aver meditato davanti a questa moderna bellezza architettonica, si sbuca poco più avanti sul monumento della pace dei bambini . Costituita da una campana su cui si erge una statua di una bambina che tiene tra le braccia un origami di metallo a forma di gru, quest'opera è eretta in memoria della defunta Sadako Sasaki, una giovane ragazza morta nel 1955 di leucemia legata alle radiazioni nucleari. 

Sadako, scoperta la sua malattia, si mobilita con i suoi compagni di classe per la costruzione di un monumento dedicato ai bambini malati. Alla fine è l'intero Paese ad essere interessato da questa storia e il memoriale è nato nel 1958 grazie alle generose donazioni di 3.200 scuole del Giappone, oltre che di altri nove Paesi.

Sulla pedana della statua c'è una targa dove è scritto: “Questo è il nostro grido. Questa è la nostra preghiera. Pace nel mondo."




Il Peace Memorial Museum 
Anche il Peace Memorial Museum di Hiroshima si trova all'interno del Peace Park ed è una delle attrazioni più visitate della città . Il museo è stato inaugurato nel 1955 con lo scopo di comunicare la realtà del bombardamento atomico ei suoi effetti sul mondo. 

All'interno sono disponibili audioguide a noleggio che forniscono spiegazioni dettagliate e commenti sugli oggetti esposti. In mostra ci sono manufatti appartenenti alle vittime, fotografie di Hiroshima prima e dopo il bombardamento e altri reperti che dimostrano sia l'impatto immediato del bombardamento che le sue conseguenze.




A-Bomb Dome
Probabilmente la vista più riconoscibile della città, il Genbaku Dome, o A-Bomb Dome come è più comunemente noto, è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1996. L'edificio, costruito nel 1915, era originariamente utilizzato come sala espositiva per prodotti commerciali. 

Progettata dall'architetto ceco Jan Letzel, la cupola era un raro esempio di architettura in stile europeo in Giappone al momento della sua costruzione. Insieme alla sua posizione panoramica lungo il fiume, la cupola divenne rapidamente uno dei principali punti di riferimento di Hiroshima.

Quando la bomba atomica fu sganciata nel 1945, esplose a 160 m (525 piedi) dalla cupola, incendiando il tetto e sventrando l'edificio. Le rovine che si possono vedere oggi sono tutto ciò che rimane. 

L'A-Bomb Dome è stato uno dei pochi edifici della città a evitare la completa distruzione, e dopo la fine della guerra i cittadini di Hiroshima hanno deciso di mantenere la struttura come ricordo degli eventi che hanno avuto luogo.



La Fiamma della Pace
Dopo che la bomba fu sganciata su Hiroshima, migliaia di persone morirono mendicando l'acqua a causa della febbre e delle malattie sviluppate dai raggi di calore e dai fuochi che bruciavano. 
La scultura della Fiamma della Pace funge da memoriale per quelle vittime. Questa scultura, disegnata da Kenzo Tange, rappresenta due polsi uniti tra loro, e le due ali su ciascun lato rappresentano due palme rivolte verso l'alto verso il cielo.

La fiamma in cima alla scultura è stata accesa nel 1964 ed è sia un simbolo di speranza che una protesta contro l'uso delle armi nucleari. La fiamma della pace non si spegnerà finché il mondo non si libererà di tutte le armi nucleari. 

Nel 2016, Barack Obama è diventato il primo presidente degli Stati Uniti a visitare Hiroshima dopo l'attentato e ha tenuto un discorso davanti alla Fiamma della Pace insieme al primo ministro giapponese Shinzo Abe.

“Che tutte le anime qui riposino in pace, perché non ripeteremo il male” sono le parole incise nel cenotafio per le vittime della bomba atomica di Hiroshima. All'interno della tomba vuota ci sono registri contenenti i nomi di ogni singola vittima conosciuta del bombardamento, indipendentemente dalla nazionalità. 

La forma ad arco a cupola del memoriale è progettata per proteggere dalla pioggia le anime di quei nomi che riposano all'interno, e ogni anno vengono regolarmente aggiunti nuovi nomi ai registri. Al momento, ci sono più di 300.000 nomi elencati .




Il castello di Hiroshima
Hiroshima ospita tra le sue mura vestigia più antiche, in particolare del periodo feudale giapponese. Il più simbolico rimane senza dubbio il suo castello, soprannominato il " Castello della Carpa " e che è uno dei cento castelli più belli del Giappone .

Purtroppo non è sfuggito alla bomba atomica, che lo ha raso al suolo quasi completamente. Fu ricostruita tredici anni dopo, nel 1958 , con la torre principale in cemento armato e l'esterno in legno. 
Il suo recinto secondario , battezzato Ninomaru e composto dalla porta principale e da due torrette, subì la stessa sorte. Al contrario, i materiali utilizzati e le tecniche di restauro impiegate sono di artigianato tradizionale.

Ristrutturato nel 1989, l'interno del mastio è stato poi trasformato in un museo sulla cultura dei castelli feudali giapponesi e sulle diverse gerarchie dell'epoca medievale. Nota: molte delle sale interne non consentono di scattare foto . Si tratta, per chi fosse interessato, di parti di esposizioni di sciabole, abiti da samurai e oggetti militari.




Hondori 

Nella strada perpendicolare al punto di impatto della bomba atomica, non lontano dal Genbaku Dome , il tunnel Hondori si annuncia con i suoi tanti manifesti luminosi multicolori. A differenza di alcuni shotengai (centri commerciali giapponesi) che a volte possono sembrare antiquati, Hondori si distingue per i suoi negozi moderni di ogni tipo, così come alcune catene di negozi americane ben note agli occidentali come Claire's, Mc Donald's, Adidas o anche Starbucks Coffee .

È bastato che questa strada coperta diventasse il quartiere alla moda dei giovani di Hiroshima, che molto spesso vi si incontrano la sera e nei fine settimana. Alla fine di questo vicolo ci sono anche diversi altri centri commerciali come Parco o Mitsukoshi. 




Hiroshima è sicura da visitare oggi?
Molte persone chiedono: oggi Hiroshima è radioattiva? Mentre molti visitatori presumono che Hiroshima sia ancora parzialmente abbandonata da quel tempo, è lontana da quell'immagine. Non è una terra desolata nucleare, ma una città moderna e funzionante di spazi verdi, vibranti centri urbani artistici e isole compatte.

L'unica cosa che rimane qui di quel tempo sono le rovine come l'Atomic Bomb Domb - memoriali di un periodo storico che non dobbiamo mai dimenticare. Oggi, Hiroshima è una città che fa appello all'attivismo mondiale per la pace. 

NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -