Barcellona combatte con le autorità portuali per frenare i turisti in crociera

 


Barcellona combatte con le autorità portuali per frenare i turisti in crociera


Mentre il ritmo degli arrivi aumenta in questa città di 1,7 milioni di abitanti, il comune sta reagendo, nella speranza di mitigare lo status di Barcellona come una delle destinazioni di crociera più popolari al mondo.

"Cammini e all'improvviso c'è questa massa di persone che appare insieme per strada", ha detto Janet Sanz, vicesindaco della città e assessore responsabile per l'ecologia, l'urbanistica e la mobilità. "Non consumano nulla e non hanno un impatto economico... Vagano solo per quattro o cinque ore e se ne vanno"

Ciò che la città vuole è vedere gli arrivi delle navi da crociera limitati a 200.000 passeggeri al mese, o un massimo di tre navi al giorno.

Le tensioni a volte sono divampate sulla questione; nel 2019 Gala Pin, all'epoca consigliere comunale, disse al quotidiano catalano Ara di essere personalmente favorevole all'abolizione del tutto del turismo delle navi da crociera. “È una piaga, come l'invasione delle locuste; divorano lo spazio pubblico e se ne vanno.

Con le elezioni municipali previste per la fine di maggio, la resa dei conti sulle crociere accenna a un rimaneggiamento degli attriti che attanagliavano la città prima della pandemia, mentre le preoccupazioni per il turismo di massa si scontravano con i vantaggi economici del settore.

Nelle ultime settimane, i residenti sono scesi in piazza all'insegna di Stop the Invasion of Tourists!

 "La violenza turistica che stiamo subendo è insostenibile", hanno osservato in un manifesto letto durante una recente protesta. 

Sanz ha descritto le proteste come un segno della continua necessità di trovare un equilibrio tra turisti e residenti che avevano bisogno di alzarsi presto per andare al lavoro, camminare su strade pulite e utilizzare negozi che vendessero più di souvenir. “Dobbiamo essere una città con il turismo, sì, ma non solo turismo”, ha aggiunto.

"Se c'è qualcosa che abbiamo imparato dalla pandemia, è che questa idea di turismo a basso costo, o turismo senza limiti, finisce per essere molto costosa per la città", ha detto, indicando i quartieri che sono diventati città fantasma durante la notte come terreno di viaggio per una sosta.

"È responsabilità di tutti, soprattutto del settore turistico, garantire che Barcellona non diventi un parco a tema", ha aggiunto. "Perché nel momento in cui lo farà, non interesserà più i turisti."


L'anno scorso gli attivisti locali hanno fatto una campagna per ridurre il turismo in città. Fotografia: Paco Freire/SOPA Images/REX/Shutterstock


Fonte : The Guardian


NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -