GLASGOW - AMMIRARE LO STILE GLASGOW IN CITTA' E GLI EDIFICI DI MACKINTOSH - UNA ESCURSIONE FAI DA TE

Tra le città scozzesi, Glasgow è nota per la sua architettura vittoriana del XIX secolo e, forse ancora di più, per lo "Stile Glasgow" del XX secolo. Alcuni degli edifici più importanti della città sono stati progettati dall'architetto, designer e artista scozzese Charles Rennie Mackintosh.

Nonostante la città risalga al VI secolo, il paesaggio urbano di Glasgow è dominato da strutture del XIX e XX secolo. Alcuni degli edifici più importanti includono la Finnieston Crane del 1890, la Kelvingrove Art Gallery and Museum del 1901, il Glasgow Armadillo dei primi anni 2000 o il Riverside Museum del 2011.

I due punti di riferimento principali dei periodi precedenti sono la Cattedrale di San Mungo del XII secolo (l'edificio più antico della città) e la Signoria di Provand del XV secolo. Notevole anche il campanile di Trongate del 1628 situato su Trongate, una delle strade più antiche di Glasgow.

Tuttavia, gran parte del paesaggio della città è dominato da edifici progettati da Mackintosh. Membro di spicco del movimento Arts and Crafts e principale rappresentante dello stile Art Nouveau ("Modern Style") nel Regno Unito, Mackintosh ha contribuito in modo significativo alla città come la conosciamo oggi.

Un'affascinante passeggiata nel centro della città che comprende le principali opere dell'architetto Charles Rennie Mackintosh.

Prenditi tutto il tempo per visitare le attrazioni lungo la strada, tra cui la Glasgow School of Art, la Kelvingrove Art Gallery and Museum e la Scotland Street School. 

Nota: l'edificio Mackintosh presso la School of Art è attualmente chiuso a causa di un devastante incendio nel giugno 2018, che probabilmente rimarrà chiuso fino al 2030.




La Glasgow School of Art è ospitata in diversi edifici. Considerato il capolavoro di Mackintosh, il più famoso degli edifici della scuola - il Mackintosh Building - fu progettato dall'architetto tra il 1896 e il 1909.

Il particolare edificio progettato dall'architetto scozzese si trova in Renfrew Street ed è stato costruito in un periodo di rapida crescita della scuola. A causa di limitazioni finanziarie, la prima metà del Mackintosh Building fu completata nel 1899 e la seconda metà nel 1909.



Un punto di riferimento di Glasgow e un'attrazione popolare per i turisti al giorno d'oggi, la Scotland Street School non ha riscosso molto successo.


La Scotland Street School è stata nuovamente progettata da Charles Mackintosh tra il 1903 e il 1906. Il progetto della scuola era basato sul Falkland Palace, 10 miglia a sud di Perth e sul Rowallan Castle nell'Ayrshire . Le caratteristiche principali dell'edificio scolastico sono due scale a torre eseguite in stile baronale scozzese, così come la Drill Hall piastrellata.


Attualmente, The Lighthouse ospita il Centro scozzese per il design e l'architettura, aperto nel 1999 come parte dello status di Glasgow di Città dell'architettura nel design del Regno Unito. Tuttavia, la storia di questo edificio risale a più di un secolo fa.

Il faro fu completato nel 1895 e fu nuovamente progettato da Charles Mackintosh. In precedenza, The Lighthouse ospitava il magazzino del quotidiano Glasgow Herald. Vale a dire, è stato progettato per ospitare un serbatoio d'acqua da 8.000 galloni per proteggere l'edificio dai rischi di incendio.

In quanto tale, l'edificio non è stato chiamato "The Lighthouse" fino alla sua ristrutturazione nel 1999.

Ora, una delle caratteristiche principali di The Lighthouse è la vista ininterrotta del paesaggio urbano di Glasgow dalla Mackintosh Tower. La salita alla Torre situata a nord dell'edificio forse non è meno memorabile della vista che ti viene presentata sopra: la scala elicoidale offre uno spettacolo durante la salita.


L'Hunterian Museum and Art Gallery dell'Università di Glasgow è il museo più antico della Scozia, nonché forse il più ricco.

L'Hunterian Museum and Art Gallery fu fondato per volontà dell'anatomista e medico scozzese William Hunter (1718-1783). Il nucleo delle collezioni originali dell'Hunterian Museum and Art Gallery e il suo finanziamento provenivano dal lascito di William Hunter.

Medico e anatomista, Hunter ha raccolto negli anni della sua attività una cospicua collezione medica. Sebbene questa collezione sia il fulcro delle mostre del Museo, Hunter ha raccolto ben oltre la medicina, inclusi dipinti, stampe, libri, manoscritti, monete, insetti e molti altri manufatti provenienti da molti altri campi dell'attività umana.

Il museo è stato aperto nel 1807 in un edificio su High Street adiacente al campus originale dell'Università di Glasgow. 
In seguito al trasferimento del campus principale dell'Università a Gilmorehill nel 1870 a causa dell'inquinamento e dell'affollamento nel sito originale, anche l'Hunterian Museum e le sue collezioni furono spostate per garantire che la volontà di Hunter rimanesse in vigore.



Sebbene non sia stata costruita sotto la supervisione di Charles Mackintosh, la House for an Art Lover è ricca di tocchi del suo stile architettonico. Bene, questo edificio è stato effettivamente costruito dalle bozze di Mackintosh!

Infatti, i progetti e la costruzione della House for an Art Lover sono separati da quasi un secolo, con quest'ultima disegnata da Mackintosh nel 1901 e la costruzione vera e propria iniziata nel 1989.

In origine, l'edificio era stato progettato per un concorso per una "Haus eines Kunstfreundes" ("Casa degli amanti dell'arte") ospitato dalla rivista di design tedesca "Zeitschrift für Innendekoration".

Il progetto è stato squalificato a causa di schizzi incompiuti e ingresso in ritardo, ma è stato elogiato per il suo spiccato stile personale.

Il processo di costruzione non è stato esattamente fluido: subito dopo il suo inizio, è stato interrotto all'inizio degli anni '90. Ma la Glasgow School of Art insieme al Glasgow City Council ha rilanciato il progetto nel 1994 e la House for an Art Lover è stata finalmente aperta al pubblico 2 anni dopo.

Ora, la House for an Art Lover ospita mostre d'arte di numerosi importanti artisti e designer scozzesi. Comprende anche una caffetteria e negozi, oltre a fungere da sede per conferenze.




La Kelvingrove Art Gallery and Museum del 1901 è una delle attrazioni turistiche più popolari di Glasgow e della Scozia e ospita 22 gallerie con arte rinascimentale, pezzi di tassidermia e manufatti dell'antico Egitto.

In particolare, la sala centrale del museo presenta un organo a canne da concerto originariamente commissionato per l'Esposizione Internazionale di Glasgow tenutasi nel 1901 a Kelvingrove Park. Questo organo è stato installato nella sala da concerto della mostra che era in grado di ospitare 3.000 spettatori.

La Kelvingrove Art Gallery and Museum si trova vicino al campus principale dell'Università di Glasgow a Gilmorehill e adiacente al Kelvingrove Park. 

È interessante notare che l'ingresso del museo si affaccia sul Kelvingrove Park: c'è persino una leggenda metropolitana secondo cui l'architetto del museo sarebbe saltato da una delle sue torri dopo aver realizzato che l'edificio era stato costruito al contrario. In realtà, però, fin dall'inizio l'ingresso doveva essere rivolto verso il parco.



Completata durante le prime fasi del progetto della Glasgow School of Art, la Queen's Cross Church è l'unica chiesa completata da Charles Mackintosh. Questa chiesa è anche conosciuta come The Mackintosh Church.

A causa dello stile distinto di Mackintosh e del suo difficile posizionamento su un terreno d'angolo adiacente a case popolari e un grande magazzino, la Queen's Cross Church è forse la chiesa più notevole di Glasgow.

A differenza di molte chiese della città, anche la chiesa di Mackintosh non ha un grande stile imponente. Al contrario, è piuttosto tozzo e sembra più un castello normanno.

L'interno della chiesa – in particolare le vetrate colorate – non è certamente così sfarzoso come in altre chiese e cattedrali, ma possiede indubbiamente i tocchi riconoscibili di Mackintosh. Anche il pulpito è scolpito dal disegno dell'architetto, ripetuto cinque volte attorno alla sua facciata curva.

Negli anni '70, la Queen's Cross Church fu dismessa. Ma a causa della popolarità delle opere di Mackintosh, non fu demolita o trasformata in un teatro come altre chiese dismesse, ma divenne invece la sede della Charles Rennie Mackintosh Society. Oggi la Società gestisce la chiesa come attrazione turistica.




Progettate da Charles Mackintosh, le Willow Tearooms aprirono i battenti nell'ottobre 1903 al 217 di Sauchiehall Street. Le Willow Tearooms sono le uniche sale da tè sopravvissute progettate da Mackintosh per la sua mecenate e imprenditrice locale Miss Catherine Cranston.

Le Willow Tearooms hanno rapidamente guadagnato popolarità e ora sono le più famose delle numerose sale da tè istituite in città tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Tuttavia, le sale da tè Willow si sono trovate sull'orlo della chiusura a causa di vari passaggi di proprietà e controversie sui marchi nel corso degli anni.

Per fortuna, il Willow Tea Rooms Trust ha acquistato le sale da tè nel 2014. Dopo un periodo di restauro, in gran parte secondo i progetti originali di Mackintosh, le sale da tè Willow sono state riaperte nel luglio 2018 con il nome di Mackintosh at The Willow.




La creazione della necropoli di Glasgow è stata fortemente influenzata dalla popolazione in crescita e sempre meno persone che frequentano la chiesa. 

Questi due fattori hanno causato un'ondata di pressione per i cimiteri in tutta la Gran Bretagna. A parte questo, anche l'istituzione del cimitero del Père Lachaise di Parigi qualche decennio prima ha svolto un ruolo stimolante.

Il terreno che sarebbe diventato la necropoli di Glasgow fu acquistato nel 1650 dalla Merchant's House e originariamente ospitava il Fir Park con i suoi abeti. Dopo che gli abeti si estinsero e furono sostituiti principalmente da olmi e salici, l'area fu trasformata in un arboreto e in un parco vittoriano.

Nel 1831, Chamberlain at the Merchant's House John Strang scrisse "Thoughts on Death and Moral Stimulus" ("Necropolis Glasguensis") dove rifletteva sull'adattabilità del Fir Park in un Père Lachaise e sul fatto che avrebbe potuto essere utilizzato in modo molto più produttivo dopo la conversione "in una fonte di profitto generale e lucrativa".

Poco dopo l'approvazione della legge sui cimiteri del 1812 che consentiva la sepoltura a scopo di lucro, la necropoli di Glasgow fu aperta ufficialmente. 

Da allora sono state sepolte qui 50mila persone, ma non tutte le tombe hanno una pietra e solo una piccola parte delle pietre esistenti è nominata.

La Necropoli ospita circa 3.500 monumenti, uno dei quali è una croce celtica di Andrew McCall progettata da Charles Mackintosh.








NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -