ALESSANDRIA D'EGITTO - IL PORTO CROCIERE - CITTA' IN AUTONOMIA CON MAPPA DELLE ATTRAZIONI - SUGGERIMENTI PER LO SHOPPING - LA CUCINA LOCALE - LA SPIAGGIA DI ALESSANDRIA D'EGITTO

 Alessandria d'Egitto, la seconda città più grande dell'Egitto, offre qualcosa per ogni viaggiatore amante della storia: antichi templi ricoperti da geroglifici millenari, musei pieni di tesori e manufatti inestimabili e una storia vibrante colorata da un mosaico di culture e popoli, inclusi greci, romani, bizantini e altro ancora. 

Fondata da Alessandro Magno nel 331 a.C., la città era un tempo sede della famosa Biblioteca di Alessandria, considerata una delle sette meraviglie del mondo antico e rinomata per la sua vasta collezione di conoscenze scritte. 

Ti sentirai come se fossi stato trasportato nel passato mentre vaghi per i vivaci e colorati suk di Alessandria d'Egitto, ti godi la vista del Mar Mediterraneo dallo Stanley Bridge o ti tuffi sotto le onde in un tour subacqueo per esplorare le rovine del Palazzo di Cleopatra. Queste sono solo alcune delle tante esperienze che ti aspettano in questa antica capitale.

Alessandria d'Egitto conquista con il fascino di una miscela unica di storia e modernità. Anche se resta oramai ben poco della città antica, Alessandria d'Egitto ha mantenuto l'atmosfera mediterranea e le vecchie residenze europee, ma anche antichi caffè e monumenti greco-romani.

Le Catacombe di Kom el-Shouqafa, le rovine subacquee di Montazah e Maamoura e il cuore artistico pulsante fanno di Alessandria d'Egitto una destinazione turistica di rilievo. Nel tour della città non si può mancare di visitare la Moschea Abu al-Abbas al-Mursi e la Cattedrale copta di San Marco.

Il lungomare di Alessandria d'Egitto è fantastico sia in estate che in inverno. Iniziando a Ras El Tin e proseguendo fino a Montazah, offre viste spettacolari sul White Med. Il lungomare fu costruito inizialmente negli anni '30 e fu esteso ulteriormente nei primi anni '90. 



Oggi, Alessandria ha relativamente poco da mostrare per il suo passato iconico. Con tutta la sua cultura e ricchezza, l'antica Alessandria d'Egitto oggi è quasi svanita. 

I suoi grandiosi templi e le sue istituzioni culturali furono rasi al suolo e bruciati dall'intolleranza dei cristiani, mentre l'abbandono e le calamità naturali hanno fatto il resto. I terremoti hanno distrutto il palazzo reale ed il mare impietoso ha fatto crollare il faro.  

Per averne un'idea, assicurati di visitare almeno uno dei tanti musei della città. Il Museo Nazionale di Alessandria d'Egitto e il Museo delle Antichità sono indimenticabili, ma c'è anche il Royal Jewelry Museum, un maestoso maniero che ospita una vasta collezione di emozionanti gioielli, da diamanti e rubini inestimabili a pietre raramente viste da luoghi lontani.



L'Alessandria del XXI secolo è una città moderna, caratterizzata da palazzoni, ingorghi, fast food e telefoni cellulari. Basta però scavare poco sotto la superficie e si trovano subito reperti antichi che meritano essere visitati.

IL PORTO CROCIERISTICO

Le navi da crociera attraccano in un moderno terminal crociere nella parte occidentale del porto. Non ci sono servizi all'interno del terminal, ma all'esterno c'è un grande mercato di souvenir - Egypt Duty Free Shops - ( 650 metri )

La maggior parte delle attrazioni di Alessandria d'Egitto si trova nella parte orientale della città. (20 minuti in taxi)

La Cittadella di Qaitbay, costruita sopra e dalle rovine del Faro di Alessandria, dista poco più di 3 km. La Library of Alexandria, ricostruita e di notevole importanza a livello mondiale,  dista 3,8 km dall'attracco nave.

Più nell'interno di Alessandria d'Egitto, a 3 km dall'attracco nave, ti aspettano una serie di siti interessanti del periodo greco-romano della storia dell'Egitto, tra cui le tombe scavate nella roccia di Kom Al-Shoqafa  che è considerata una delle sette meraviglie del Medioevo.

La colonna di Pompeo - la famosa colonna greca di granito rosso che faceva parte del Tempio Serapeo di Alessandria, il Museo Greco Romano.

Vi sono altri  siti significanti che risalgono a vari periodi, tra cui il Museo ebraico, la Moschea di El Naby Daniel, la Moschea di El Moursi Abou El Abbas e le  Tombe Anfushi.

Vale la pena fare un giro lungo la cosiddetta Corniche di Alessandria sul lungomare orientale - dalla Cittadella di Qaitbay alla Library of Alexandria - che offre splendide viste panoramiche sul Mar Mediterraneo. 

Durante la sua storia antica, Alessandria è stata governata da una serie di culture diverse, tra cui i Greci e i Romani, e fino ad oggi è qualcosa che non puoi non notare quando cammini per le strade. 

Ad esempio, vedrai edifici e monumenti che testimoniano il dominio greco; al dominio romano; al dominio europeo e persino a qualche influenza mediterranea. È anche affascinante sapere che Alessandria è stata la dimora dell'ultimo antico faraone d'Egitto e anche il luogo di nascita di Cleopatra.

Se poi volete una alternativa, il memoriale di Al-Alamein -  a 110 km da Alessandria -  che commemora i sacrifici su entrambi i fronti di una delle battaglie più importanti della seconda guerra mondiale, si trova anch'esso a sole 65 miglia a ovest di Alessandria.


I taxi blu ufficiali ti aspetteranno vicino al terminal, ma puoi risparmiare un po' di soldi prendendo quelli gialli/neri più economici fuori dal gate. non utilizzano tassametro ed ogni corsa va contrattata.

Se vuoi vedere le Grandi Piramidi, ti consiglio di fare un tour, organizzato dalla nave o  da privati.

Un viaggio di tre ore ad andare e 3 ore a tornare, lungo i bordi del delta del Nilo ti potrà condurre al Cairo, dove c'è un'incomparabile ricchezza di luoghi da vedere. 

Le Piramidi di Giza e il Museo Egizio sono solo l'inizio. Il Cairo islamico offre uno dei quartieri storici più densamente popolati del mondo con una vasta gamma di architetture monumentali in mostra costruite sin dalla fondazione del Cairo nel 969 d.C.

Qui troverai la mappa  con tutte le località trattate in questa guida, per pianificare al meglio il tuo tempo. 


Le tombe faraoniche di Anfushi (4)

Le tombe Anfushi furono originariamente costruite intorno al 250 a.C., verso la fine del periodo tolemaico e appena prima del periodo romano. Per questo motivo, le tombe mostrano influenze sia greche che romane. Ad esempio, una volta all'interno delle tombe, vedrai l'arte greca, ma vedrai anche molte influenze romane, comprese cose come le statue della Sfinge e così via.

Le tombe Anfushi sono in realtà cinque tombe individuali, sebbene tutte e cinque siano in realtà interconnesse. 

Tutte e cinque queste tombe sono sotto il livello del suolo. Sono essenzialmente tombe sotterranee scavate nella roccia calcarea esistente. Oggi le tombe sono accessibili dalla spianata situata di fronte al Palazzo Ras El-Tin. (3)

Poiché le tombe sono state scolpite nella pietra calcarea nativa, in seguito sono state tutte dipinte in un modo che le fa sembrare come se fossero state costruite in marmo e alabastro, poiché il marmo e l'alabastro erano incredibilmente popolari tra i greci e i romani.

Ognuna delle tombe ha un tipo simile di design, in quanto hanno tutte impressionanti soffitti a volta; splendidi murales e affascinanti affreschi. Una delle cinque tombe ha anche un cortile centrale, completo di un foro scavato nel soffitto che offre una vista del cielo sovrastante.



Sidi Morsi Abu al-Abbas Mosque

La Moschea Abu al-Abbas al-Mursi è una delle moschee più belle d'Egitto, e sicuramente la più importante e magnifica moschea di Alessandria. 
Aspettatevi di vedere colonne imponenti, un'abbondanza di magnifici marmi e graniti, molti dei quali importati dall'Italia.



Oggi, la Moschea Abu al-Abbas al-Mursi rimane un luogo di culto attivo. È anche visitato da decine di musulmani sia del Cairo che del Marocco che si stanno recando da e verso la Mecca.

Insomma, la Moschea Abu al-Abbas al-Mursi è il monumento più bello di Alessandria.



Cittadella di Qaitbay

Sultan Qaitbey costruì questa pittoresca fortezza nel XIV secolo per difendere Alessandria dall'avanzata dell'Impero Ottomano. I suoi sforzi furono vani da quando gli ottomani presero il controllo dell'Egitto nel 1512, ma la fortezza è rimasta, strategicamente situata su un sottile braccio di terra che si estende nel porto di Alessandria dalla corniche.

La forma attuale della fortezza non è quella originale. Fu gravemente danneggiato durante il bombardamento britannico di Alessandria durante una rivolta nazionalista contro l'egemonia britannica nel 1882 e ricostruito verso la fine del XX secolo.

Come per la maggior parte delle cose ad Alessandria, l'edificio in sé non è ciò che è più significativo.

Le pietre più grandi della cittadella, che formano l'architrave e la porta del suo ingresso, così come le colonne di granito rosso nella moschea all'interno delle mura, sono probabilmente recuperate anche dall'enorme torre che un tempo sorgeva qui.




La cittadella ha da tempo abbandonato ogni funzione militare. 
Oggi ospita un piccolo museo navale (7), ma potrebbe valere la pena visitarlo per esplorare l'interno della fortezza e immaginare l'enorme struttura che un tempo sorgeva sulle sue fondamenta. Nel museo puoi vedere lo scheletro di una balena di 17 metri. L’hanno catturata vicino al Cairo. 

Vicino alla Cittadella di Qaitbay, c'è un mercato del pesce e un mercato di souvenir.


Il Faro di Alessandria (8)


Il Faro di Alessandria, noto anche come Faro di Alessandria, era una delle sette meraviglie del mondo antico. Era la struttura più alta del mondo fino a quando la Torre Eiffel non fu eretta nel 1889.

Gli storici affermano che la costruzione del faro era necessaria in quanto garantiva un ritorno sicuro al Porto Grande per i naviganti che attraversavano il Mar Mediterraneo. 

Per gli architetti significava, ancora di più, che era l'edificio più alto della Terra. E per gli scienziati, era un mistero affascinante e intrigante. È stato un pezzo di architettura molto impressionante che si è fatto strada per essere nella lista delle sette meraviglie del mondo antico.

Il Faro veniva utilizzato, con il sole di giorno ed il fuoco di notte, per assicurarsi che i marinai potessero navigare in sicurezza nelle acque pericolose. 
Il faro rimase in piedi fino al 1323 d.C. quando un potente terremoto lo distrusse. Poi venne Sultan Qayetbay e fortificò il luogo come parte delle sue difese costiere e costruì sul suo sito il suo castello.



Nel 1968 durante una spedizione archeologica sponsorizzata dall'UNESCO, il Faro di Alessandria fu riscoperto sott'acqua .
Nel 1994, diversi archeologi francesi hanno trovato i suoi resti nel porto orientale di Alessandria, sul fondo del mare. Gli archeologi appartenenti alla Convenzione dell'UNESCO stanno lavorando duramente con il governo egiziano per preservare il sito dove un tempo sorgeva il faro. 

Nel 2016, il Ministero di Stato delle Antichità in Egitto ha elaborato un piano per trasformare le rovine sommerse dell'antica Alessandria, comprese quelle del Faro di Alessandria, in un museo sottomarino.


La Bibliotheca Alexandrina (10)

In piedi sulla Corniche alessandrina, la Bibliotheca Alexandrina è un vasto e sorprendente esempio di architettura moderna del 21° secolo, ma l'edificio ricorda qualcosa di molto più antico. La biblioteca e il centro culturale sono stati inaugurati nel 2002 come parte di un vasto progetto per commemorare l'eredità della città di Alessandria come antico centro di apprendimento e cultura mondiale.



Si trova molto vicino a dove sorgeva l'originale Biblioteca Reale di Alessandria prima di essere completamente distrutta. La nuova biblioteca è senza dubbio un giusto tributo a quella che un tempo era la biblioteca più preziosa del mondo.

Quando il mondo ha perso la vecchia biblioteca, abbiamo letteralmente perso un'enorme fetta di storia poiché la biblioteca ospitava la maggior parte dei manoscritti più antichi del mondo, libri risalenti a migliaia di anni fa. 



La biblioteca, progettata per contenere circa otto milioni di libri, ospita essenzialmente diverse biblioteche individuali, insieme a un centro conferenze, aule e così via. La sola sala di lettura principale copre un'area di 70.000 persone.

C'è anche una biblioteca speciale per non vedenti e una biblioteca separata per bambini. Oltre a tutto questo, la Nuova Biblioteca di Alessandria ospita anche quattro gallerie d'arte per mostre temporanee; quindici mostre permanenti; un planetario e un sofisticato laboratorio per la riparazione dei manoscritti.

L'esterno dell'edificio è decorato con i caratteri di 120 diverse lingue scritte come riferimento al patrimonio di conoscenze provenienti da tutto il mondo un tempo ospitato nella Grande Biblioteca.


Museo Nazionale di Alessandria (11)


Il Museo Nazionale di Alessandria non è sicuramente nella stessa categoria del Museo delle Antichità Egizie del Cairo, ma è comunque un giusto tributo ad Alessandria. Una città un tempo fiorente che è stata per secoli la capitale del paese. Non solo il museo è molto interessante, ma è anche un luogo molto piacevole da visitare se si trascorre un po' di tempo in zona.

Il Museo Nazionale di Alessandria occupa un'antica dimora in stile palazzo italiano che un tempo apparteneva a un ricco venditore di legno italiano. Ha servito come consolato americano per molti anni prima di essere convertito in un museo. Rispetto ad altri musei egiziani, quello di Alessandria è ancora un museo relativamente nuovo, poiché è stato inaugurato solo nel 2003.

Oltre alle esposizioni che occupano i tre piani dell'edificio, il Museo ospita anche un teatro all'aperto utilizzato sia per conferenze che per spettacoli.


Una visita al Museo Greco-Romano (12) e a Kom Al-Dikka (13) 

Può essere difficile comprendere l'importanza di questa città come centro commerciale e culturale sin dalla sua fondazione nel 331 a.C. 

Il Museo greco-romano è piccolo, ma presenta manufatti di un periodo affascinante della storia egiziana, quando la civiltà greca, romana e dell'antico Egitto interagirono qui, dando vita a un'interessante fusione di tradizioni. 

In questo piccolo museo entrerai in contatto con diverse figure leggendarie della storia mondiale, che hanno vissuto parti importanti della loro vita ad Alessandria.

Alessandro Magno, Giulio Cesare, Marco Antonio e Cleopatra sono tutti rappresentati qui. Puoi anche vedere l'unica replica esistente del faro di Pharos che segnava il porto di Alessandria, la seconda delle sette meraviglie del mondo antico in Egitto. Le piramidi di Giza al Cairo sono l'altra.



Nelle vicinanze del museo si trova Kom Al-Dikka - L'Anfiteatro Romano di Alessandria (13)

L'Anfiteatro Romano di Alessandria è uno dei monumenti di epoca romana, fu costruito all'inizio del IV secolo ed è l'unico teatro romano in Egitto. È stato scoperto per caso durante lo sgombero della terra alla ricerca della tomba di Alessandro Magno dalla spedizione polacca nel 1960.

E' situato nella famosa piazza Kom Edikka. Nessuno avrebbe potuto immaginare queste rovine nel centro di Alessandria fino al 1947, quando decisero di sgombrare il posto per fare un piano per nuove abitazioni. 

Invece, l'area è conosciuta come Kom el-Dikka ("Tumulo di macerie") ha rivelato un intero swag di antiche rovine tra cui un piccolo teatro romano che è incluso la maggior parte del tempo durante la gita di un giorno ad Alessandria dal Cairo. 

Sono iniziati i lavori di scavo, e ora, questo giardino comprende i resti del Tempio di Tolomeo e pavimenti a mosaico per un'antica residenza in stile romano ora conosciuta come la Villa degli Uccelli.


La Colonna di Pompeo (14)

È una colonna trionfale romana ad Alessandria, tuttavia, il suo nome è fuorviante.
Il pilastro è invece il monumento trionfale eretto intorno al 300 d.C. per l'imperatore romano Diocleziano, ma il vero significato di questo sito archeologico è ciò che sorgeva qui prima del pilastro.
È il sito del Serapeo, l'acropoli di Alessandria.



Nei primi secoli d.C., il cristianesimo fu introdotto in Egitto e Alessandria divenne la sua roccaforte. A poco a poco, il cristianesimo divenne la religione dominante in Egitto, relegando gli aderenti alle antiche tradizioni e agli dei pagani una minoranza irrilevante che divenne sempre più impopolare.

Il Serapeo, dedicato al dio protettore di Alessandria, Serapide, era un simbolo di questa antica tradizione, in conflitto con le idee sempre più popolari del cristianesimo. 

Nel 391 d.C., il patriarca Teofilo, capo della Chiesa di Alessandria, guidò una folla cristiana per distruggere Serapeo e altri simboli del paganesimo in città. Alcuni resoconti incolpano addirittura questa folla per la distruzione della Grande Biblioteca di Alessandria, sebbene ciò sia contestato.

Oggi l'unica colonna segna il sito di quello che un tempo era un enorme ed elaborato tempio, costruito in marmo e decorato con metalli preziosi all'interno. 




Alcuni dei tunnel intorno al complesso rimangono e sono aperti per essere esplorati  e alcuni dei manufatti del tempio sono stati recuperati. 

Un toro di basalto nero a grandezza naturale proveniente dal tempio e una targa d'oro che segna la fondazione del Serapide sono esposti nel Museo greco-romano.


Le Catacombe di Kom el-Shuqafa (15)

Il nome arabo si traduce in inglese come "il tumulo di cocci", riferendosi ai piatti e ai piatti rotti che segnavano l'area prima che le tombe fossero scoperte sotto. Questo vasto complesso di tombe splendidamente decorate risale all'epoca romana e sono considerate una delle "Sette Meraviglie del Medioevo".

Si pensa che le tombe di Kom Al-Shuqafa appartenessero originariamente a un'unica ricca famiglia romana che iniziò a usarla per le sepolture intorno al II secolo d.C.; tuttavia, il complesso fu notevolmente ampliato e fu utilizzato fino al IV secolo d.C.



Contiene un gran numero di tombe, tra cui una fossa comune di resti animali e umani attribuita a un'esecuzione di massa eseguita ad Alessandria dall'imperatore romano Caracalla nel 215 d.C.
Le tombe sono organizzate attorno a una scala a chiocciola centrale che scende attraverso diversi livelli. I livelli inferiori sono allagati, ma nelle zone accessibili le pareti delle tombe sono ampiamente decorate. Mostrano un'insolita fusione di iconografia greca, romana ed egiziana data l'epoca della loro costruzione.



In Egitto nei primi secoli d.C., l'Impero Romano aveva il controllo, ma le influenze dell'antico Egitto e della cultura greca, dovute all'eredità di Alessandro e dei Tolomei, erano ancora forti.

Le figure scolpite nelle pareti della tomba spesso combinano le forme di antiche divinità egizie con abiti romani e greci o creature della mitologia greca e romana con simboli faraonici.




ALTRO DA VISITARE

Parco e Palazzo Montazah

 È il posto più piacevole per rilassarsi e passeggiare ad Alessandria e per il prezzo molto modesto di 50 piastre. I giardini del Palazzo Montazah, con le loro incantevoli viste sul Mediterraneo, sono uno dei più bei siti storici e turistici di Alessandria.

 Gode ​​di una posizione meravigliosa e unica sulla spiaggia di Alessandria, tra splendidi giardini e foreste, e un meraviglioso design architettonico.

Lo splendore del palazzo risiede nella sua posizione unica sulla spiaggia di Alessandria, dove è stato costruito su un altopiano.

È circondato da giardini e foreste su un'area di 370 acri e la sua architettura combina stili islamici francesi e ottomani, e i giardini includono aiuole, piante e alberi, parchi giochi, un giardino per bambini, un teatro estivo e un centro di sport marini.



Tra i monumenti rimanenti nel Palazzo Montazah ci sono la famosa torre dell'orologio e la bancarella del tè costruita in stile romano che si affaccia sulla costa mediterranea per discutere di questioni di governo, oltre al cinema delle principesse adiacente al Palazzo del re, che è un ricco, murato giardino con un grande muro attrezzato per visualizzare film internazionali per l'intrattenimento delle principesse.

Oggi Al Haramlik ospita un museo pubblico di storia e arte della dinastia Muhammed Ali.



I cimiteri di El Alamein sono i cimiteri dove i soldati alleati e dell'Asse sono stati sepolti dalla seconda guerra mondiale a El Alamein, sulla costa settentrionale dell'Egitto. È diviso in singole parti e settori ed è ancora visitato ogni anno da alcune delle famiglie sopravvissute di soldati alleati.


Cimitero di guerra di El Alamein 

La battaglia di El Alamein, che è una delle battaglie più famose della seconda guerra mondiale tra le potenze alleate e dell'Asse. 
Il Museo Militare di Al-Alamein è uno dei monumenti militari più importanti, che incarna la battaglia di Al-Alamein, che si concluse con la vittoria dei paesi alleati sulle potenze dell'Asse, e fu la ragione principale della fine della seconda guerra mondiale.



Alamein Commonwealth in Egitto

Il Museo El-Alamein si trova al km 105 sulla strada Alessandria-Matrouh, a sud della strada costiera. Include un gruppo di armi, veicoli corazzati e figure che esprimono le battaglie di El Alamein e le forze che vi hanno partecipato.

Una visita al Museo El Alamein ti farà convivere con la seconda guerra mondiale. 


Due battaglie cruciali ebbero luogo nel deserto a ovest di Alessandria durante la seconda guerra mondiale. Questi scontri tra la divisione corazzata tedesca del feldmaresciallo Erwin Rommel e l'esercito britannico furono le più grandi battaglie di carri armati della guerra e alcuni sostengono che cambiarono le sorti della guerra.



Oggi ci sono cimiteri che commemorano le pesanti perdite subite da entrambe le parti durante la battaglia. I cimiteri tedesco e italiano si trovano appena a nord dell'autostrada costiera tra Alessandria e Mersa Matruh.

Il cimitero britannico si trova a sud insieme al Museo Al Alamein, che espone manufatti e attrezzature rimanenti della battaglia. Ci sono indicazioni per tutte queste località.

Si dice che Winston Churchill abbia detto: “Prima di Al Alamein, non abbiamo mai avuto una vittoria. Dopo Alamein non abbiamo mai avuto una sconfitta”.

La prima battaglia di Al Alamein nel giugno 1942 fermò il progresso dell'avanzata tedesca attraverso il Nord Africa, provocando una situazione di stallo. Poi, nell'ottobre dello stesso anno, l'esercito britannico, comandato dal generale Bernard Montgomery, lanciò un'offensiva contro le linee tedesche che riuscì a sfondarne le linee ea respingere l'esercito tedesco in Libia e infine in Tunisia.

Le battaglie salvarono sia il Cairo che Alessandria dall'occupazione tedesca e cambiarono le sorti della guerra.




SHOPPING


I posti migliori per fare acquisti durante le crociere ad Alessandria d'Egitto sono i tradizionali suk: bazar labirintici dove artigiani, commercianti di spezie, gioiellieri e altro ancora espongono e vendono le loro merci. 

Il distretto del souk di Alessandria si trova nel punto più occidentale di Midan Tahrir. Questa zona è sempre vivace. I suoi bar, panetterie e bancarelle brulicano di energia tutto il giorno, soprattutto di notte. Qui troverai di tutto, compresi splendidi tessuti, braccialetti, souvenir e articoli vari.


CUCINA LOCALE


Troverai cibo delizioso in tutto l'Egitto, ma le città lungo la costa settentrionale, come Alessandria d'Egitto, offrono una fusione unica e saporita di sapori mediorientali e mediterranei. 

Fai uno spuntino con falafel croccanti, salsa di fave amare e pane caldo di Baladi. Troverai queste bontà nei bar di tutta la città. 

Oppure vai al mercato del pesce di Alessandria d'Egitto per dei fantastici pesci appena pescati: i proprietari dei negozi te li cucineranno in loco con un piccolo supplemento. E se hai voglia di qualcosa di sostanzioso, prova un po' della famosa fonduta di Alessandria d'Egitto, tipicamente composta da sette tipi di formaggio e abbinata a diverse carni.


Nella stazione Ramleh di Alessandria si trovano la rinomata pasticceria Delices e il raffinato ristorante La Veranda, dove si possono gustare squisiti piatti in un'atmosfera sofisticata.

Fondato nel 1900, l'Athineos è uno dei più antichi caffè ristorante di Alessandria. 
Di fronte alla Midan Ramla, l'edificio traspira ancora il suo antico fascino con alti soffitti decorati, gli arredi art-decò, le bellissime e imponenti colonne e le sculture di ispirazione greca, ed è diventato negli ultimi anni un ritrovo molto amato dalle comitive di turisti che visitano la Perla del Mediterraneo. 




GODITI L'ATMOSFERA SULLA SPIAGGIA


Alessandria d'Egitto si trova lungo la costa settentrionale dell'Egitto. La città ha bellissime spiagge di sabbia dorata baciate dalle acque blu zaffiro del Mediterraneo adatte agli amanti del sole. 

Una delle spiagge più belle e pulite è Mamoura Beach, amata dalla gente del posto che cerca di prendersi una pausa dal trambusto della città. Bancarelle di gelato e cibo fiancheggiano la pittoresca passerella di ciottoli che costeggia la spiaggia e troverai ampie opzioni per noleggiare lettini e ombrelloni.


NOTE IMPORTANTI


Avrete bisogno di una VISA (permesso di soggiorno) per entrare nel paese. Questa costa $25 a persona e si può ottenere online presso il sito Visa2Egypt o di persona appena arrivate all’aeroporto. 

Se decidete di fare la VISA online (come abbiamo fatto noi) state attenti ai siti scam/falsi e fidatevi solo di Visa2Egypt. Qui dovrete inserire una copia del vostro passaporto e una vostra foto in formato passaporto (max 5MB). Noi abbiamo ricevuto la nostra visa in 48h ma il processo potrebbe prendere fino a una settimana (quindi non andate in panico). 

Con la vostra e-Visa potete andare direttamente al controllo passaporti e lì un ufficiale vorrà vedere il permesso di soggiorno stampato (mi raccomando non dimenticatelo!) e apporrà un timbro sul vostro passaporto. l’e-Visa stampata deve essere consegnata all’ufficiale quindi ogni qualvolta qualcuno vi chiederà la “VISA” intende il timbro nel passaporto.

Se viaggiate dall’Italia , non c’è alcun modo di ottenere la valuta locale (Egyptian Pound) prima del vostro viaggio. Dovrete prelevare i contanti direttamente ai bancomat locali. 

Fumare (tabacco) è permesso ovunque. Tuttavia, molti ristoranti hanno una area “non fumatori” 

Fate estrema attenzione nel fotografare/filmare strade ed edifici al Cairo. È severamente vietato fotografare edifici di tipo governativo/militare. Questi sono a volte situati in edifici storici dal bell’aspetto quindi state attenti, poiché rischiate la prigione per una foto sbagliata!

Se siete sotto prescrizione di specifici farmaci portate con voi la prescrizione medica (possibilmente in inglese). Tutti i farmaci (anche ibuprofene, oki etc.) devono essere tenuti dentro il loro scatolo originale e separati da altri oggetti per possibile ispezione.

Dare la mancia in Egitto è più di una cortesia, è un obbligo culturale. Gli Egiziani si aspettano la mancia praticamente per tutto. 

Un tizio ti indica qualcosa di inesistente dentro un tempio? Mancia. Dare la mancia non significa che dovete prosciugare i vostri risparmi. Sta a voi capire chi “la merita” oppure no. In generale le mance sono attorno ai 5-20 Egyptian pounds (0.20-1 euro).



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -