Amsterdam vota per spostare il terminal crociere fuori città

Amsterdam vota per spostare il terminal crociere fuori città - un ultimo colpo al turismo di massa e per ridurre l'inquinamento delle navi giganti.

Amsterdam ha uno dei porti crocieristici più grandi d'Europa, che ospita centinaia di mega navi e circa 700.000 crocieristi ogni anno. Il paese ha altri terminal crociere a Rotterdam e IJmuiden. 

"La crociera inquinante non è in linea con le ambizioni sostenibili di Amsterdam", ha affermato Ilana Rooderkerk, leader locale del partito socialmente progressista D66, che ha presentato la mozione. "Anche le navi da crociera nel centro della città non si adattano al compito di combattere il turismo di massa".

Amsterdam ha votato, giovedì scorso, per spostare il suo terminal per navi da crociera  fuori dal cuore della storica capitale come ultimo passo nella sua continua battaglia contro l'inquinamento e le orde di turisti che intasano le sue strade strette e acciottolate.

La capitale olandese è una delle tante pittoresche città europee – da Roma a Venezia a Parigi – alle prese con la gestione del numero di visitatori che sono nuovamente in aumento a seguito delle chiusure durante la pandemia di coronavirus.

Gli assessori del comune di Amsterdam hanno votato giovedì a favore di una mozione che chiede alla città di spostare il terminal dalla sua attuale posizione vicino alla stazione ferroviaria centrale.

"È stata presa una chiara decisione dal consiglio che la  crociera  (terminal) dovrebbe lasciare la città", ha detto all'Associated Press venerdì Ilana Rooderkerk, leader del partito centrista D66 ad Amsterdam. “L'esecutivo municipale di Amsterdam lavorerà ora su come implementarlo. In ogni caso, per quanto ci riguarda, le grandi navi non attraccano più nel centro della città di Amsterdam”.

Dick de Graaff, direttore di  Cruise  Port Amsterdam che gestisce il terminal nel centro della città, ha detto all'AP che la compagnia ha preso nota del voto e sta aspettando la prossima mossa del comune.

“Non è prevista la chiusura immediata del terminal. La decisione del consiglio è di riposizionare il terminal e attendiamo un seguito da parte dell'assessore alle indagini", ha scritto in una risposta via e-mail.

De Graaff ha affermato che il terminal di Amsterdam prevede che vi si fermeranno 114 navi quest'anno e 130 l'anno prossimo.


Il voto è l'ultimo passo nella lunga campagna della capitale olandese per ridurre l'impatto del turismo. Altre misure includono il divieto di fumare erba nelle stradine del suo quartiere a luci rosse e la proposta di spostare fuori dal centro città molte delle finestre dove si trovano prostitute poco vestite.

All'inizio di quest'anno, il consiglio comunale ha vietato il fumo di marijuana all'aperto nel quartiere a luci rosse. A marzo, le autorità cittadine hanno anche lanciato uno sforzo online rivolto ai giovani britannici in una campagna "Stay Away" volta a impedire ai visitatori turbolenti di scendere in città. 

Amsterdam attrae in media più di 1 milione di turisti ogni mese, superando la sua popolazione di poco più di 800.000 abitanti. Halsema è determinato a spostare definitivamente l'equilibrio economico tra residenti e turisti e ripensare l'immagine a ruota libera di Amsterdam come calamita per i vacanzieri in cerca di sesso e droga. 

“I visitatori rimarranno i benvenuti, ma non se si comportano male e causano fastidio. In tal caso noi come città diremo: piuttosto no, statene alla larga", ha dichiarato all'epoca il vicesindaco Sofyan Mbarki in una nota.


Per Rooderkerk, vietare  le navi da crociera  non significa solo frenare il turismo.

"La  crociera inquinante  non corrisponde alle ambizioni sostenibili della nostra città", ha twittato dopo il voto.

Ha detto che anche le imponenti  navi da crociera  che salpano per Amsterdam impediscono la costruzione di un secondo ponte sul corso d'acqua per collegare la città con i suoi sobborghi settentrionali in rapida crescita.

Le navi da crociera  non sono l'unico mezzo di trasporto soggetto a restrizioni ad Amsterdam. Il governo nazionale ha anche annunciato l'intenzione di ridurre il numero di voli all'aeroporto di Schiphol, il trafficato hub aereo che serve la città.

NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -