TEL AVIV - CITTA' IN AUTONOMIA - LA GUIDA ESSENZIALE - GUIDA AD UNA PASSEGGIATA IN CITTA' CON MAPPA E PERCORSI


Spesso, quando si pensa a Tel Aviv, si crede che sia una città mediorientale di provincia con cammelli al rallentatore, soldati armati ovunque e alcuni antichi monumenti del tempo della Bibbia in giro. 

Ma Tel Aviv è una metropoli mediterranea elegante e completamente contemporanea, piena di caffè chic e vivaci, un'eccitante scena culturale, boutique alla moda alla moda, gente bella e vivace e una vivace vita notturna.

Tel Aviv coniuga il lato più moderno d'Israele, con attrazioni come il Museo Eretz e il Museo d'Arte, con alcuni retaggi del passato, come Jaffa e la Torre dell'Orologio oppure la Città Bianca di Tel Aviv, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, che costituisce il punto di partenza dell'incredibile sviluppo che ha sperimentato la città negli ultimi cento anni. 

Sebbene non sia la religione a scandire il ritmo di Tel Aviv, è interessante visitare i luoghi più emblematici delle diverse religioni che convivono in città, come la Moschea di Mahmoudiya, la Chiesa di San Pietro o il Cimitero ebraico di Trumpeldor. Tre simboli della multiculturalità di Tel Aviv!

Per visitare e comprendere la Tel Aviv di oggi, è necessario conoscerne il passato. Le radici di Tel Aviv nascono dall'antica città di Jaffa. Passeggiare per le sue stradine ciottolate, perdersi nel Mercato delle Pulci della città e contemplare la vista del porto, il più antico del mondo, è il modo perfetto per esplorare Tel Aviv e scoprirne la storia.

Tel Aviv è fatta per camminare. È per lo più pianeggiante, non molto grande e il clima è piacevole 8 mesi all'anno.

Ci sono graziosi viali ombreggiati da alberi fiancheggiati da chioschi e graziosi caffè. 

Ci sono parecchie famose vie dello shopping per una piacevole passeggiata, ognuna con i propri gusti e, naturalmente, The Beach, una lunga e comoda passeggiata che ora si estende ininterrotta da Jaffa a sud fino a Tel Baruch a nord.

Con la nostra mappa di Tel Aviv localizzerete i monumenti, i musei, le piazze, le chiese e i punti d'interesse della città.



Rothschild Boulevard è un vero gioiello dell'architettura Bauhaus. (1)

Un viale alberato con alberi secolari, fiancheggiato da panchine e punteggiato da chioschi da caffè all'aperto e qualche tavolino da scacchi. 

Questo è uno dei luoghi più affascinanti per passeggiare, andare in bicicletta e uscire. Lungo il viale si trovano numerosi edifici storici, recentemente ristrutturati ma che conservano ancora l'aspetto e l'atmosfera degli edifici coloniali. 

Il Blvd inizia alla periferia di Neve Tzedek e termina al Teatro Habima, il teatro nazionale di Israele.

Habima Square è un luogo ricco di colori, nel cui centro si trova un grande giardino con tavoli da gioco, statue e fiori colorati. La scultura più sorprendente della piazza è Elevation, un'opera in acciaio formata da tre dischi ascendenti di enormi dimensioni.  (2)

Se vi state godendo un pomeriggio di shopping a Tel Aviv, il Rothschild Boulevard sbocca proprio in piazza Habima, un luogo perfetto per contemplare il tramonto e rilassarsi in questa centralissima piazza.


Il Teatro Habima è il Teatro Nazionale di Israele. L'edificio, originariamente del 1946, era in stile Bauhaus e stava subendo alcuni lavori di ristrutturazione che durarono alcuni anni. (3)

Il nuovo edificio, che contiene varie sale, è stato aperto al pubblico nel 2011. L'edificio contiene 4 grandi sale e un impianto audio rinnovato per una migliore qualità di concerti, spettacoli e danza. Il complesso di per sé è un grande centrale, vale la pena visitarlo, anche con i bambini, in quanto potrebbero godersi i giardini quadrati della piazza.

La Città Bianca di Tel Aviv riflette lo stile architettonico tedesco per eccellenza, il Bauhaus. 




Le zone Bauahus più famose di Tel Aviv comprese nella Città Bianca sono la Piazza Dizengoff, il Rothschild Boulevard e la via Sheinkin, tutte ubicate in peno centro cittadino.( 4 - 5 - 6 )

Tel Aviv è la città con più edifici Bauhaus al mondo, oltre 4.000. 

Queste costruzioni, erette nella prima metà del Novecento, compongono un quartiere conosciuto come la Città Bianca di Tel Aviv, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.
(in ebraico: העיר הלבנה, Ha-Ir HaLevana) 



La storia della Città Bianca di Tel Aviv risale alla prima metà del XX secolo, quando il primo sindaco della città commissionò all'architetto britannico Patrick Geddes il progetto di un nuovo piano urbanistico per il centro di Tel Aviv. Geddes portò a termine un lavoro certosino e dettagliatissimo, senza però indicare quale stile avrebbero dovuto avere gli edifici. 

Più tardi, quando gli ebrei lasciarono la Germania a causa dell'orrore nazista, si stabilirono in Israele, dove potettero applicare le conoscenze acquisite presso la scuola Bauhaus ai nuovi piani urbanistici di Tel Aviv. 

Nacque così la Città Bianca, un complesso di edifici residenziali in stile Bauhaus o internazionale, adattati al clima di Tel Aviv, desertico e mediterraneo. Le case sono fatte di cemento, hanno balconi arrotondati per fare ombra e sono di colore bianco, per riflettere i raggi solari. 


Negi anni '30, fu costruita una delle piazze più importanti di Tel Aviv, Dizengoff Square. Parte della famosa Città Bianca di Tel Aviv, è l'unica piazza al mondo in stile Bauhaus. È situata tra le vie Dizengoff, Reines e Pinsker. (5 - 6 - 4 )


La famosa Piazza Dizengoff si trova in una delle zone più trafficate del centro di Tel Aviv, unendo sei delle strade commerciali più importanti della città, tra cui Dizengoff, Reines e Pinsker. La piazza subì vari interventi di rimodellamento e fu progettata negli anni '30 dall'architetto israeliano Genia Averbuch.

Dizengoff Square fu dedicata al primo sindaco di Tel Aviv.



Dal 1986, la piazza Dizengoff accoglie una fontana cinetica, opera di Jacob Agam, che attira lo sguardo di ogni visitatore. Questa curiosa costruzione, chiamata "Terra e fuoco" è l'epicentro della piazza, che è tornata alla vita grazie ai suoi numerosi negozi e ristoranti.

Anche se la piazza è stata totalmente distrutta nel 2019, ha mantenuto la sua architettura originale e la famosa fontana che la contraddistingue. 



Neve Tzedek, il quartiere più antico della città, è un'oasi colorata con un'atmosfera che evoca una colonia di artisti o un piccolo villaggio. (7)

Macchiato di vecchie case colorate accanto a quelle ristrutturate. Ci sono anche molti ottimi ristoranti, enoteche e il Suzanne Dellal Center for Dance. Bello sia di giorno che di notte. 

Situato tra la vecchia stazione ferroviaria e la spiaggia dii Banana Beach, questo quartiere ha vissuto diverse tappe della storia di Tel Aviv. 

Nel 1887, un gruppo di famiglie ebree decisero di stabilirsi nel sud-est della città, per decongestionare l'affollata Jaffa. Nacque così Neve Tzedek, il primo quartiere ebraico di Tel Aviv fuori da Jaffa.


Le stradine intrecciate che compongono Neve Tzedek sono piene di boutique e negozi di moda locale, un vero paradiso per gli amanti dello shopping. Tutti gli edifici seguono lo stesso stile orientale e molti sono decorati da fiori e colorati murales, che conferiscono al quartiere un tocco pittoresco. 

La via Shabazi è la principale arteria di Neve Tzedek. Qui, si concentra la maggior parte di gallerie, laboratori artigianali, boutique e molti atri negozi dove comprare un caratteristico souvenir personalizzato di Tel Aviv.  (8)


Rimango sempre incantata dal bellissimo edificio del Suzanne Delllal Dance and Theatre Center, situato nello storico quartiere Neve Tsedek, a sud di Tel Aviv. (9)

Il Centro ospita la danza e il principale presentatore di compagnie di danza contemporanea israeliane e internazionali. Ci sono 4 sale per spettacoli, alcune sale prove e un bel caffè all'aperto. 


Il lungomare di Tel Aviv, conosciuto come Tayelet, si estende per ben 14 chilometri sulla costa mediterranea, da Giaffa fino alla parte nord della città. (10)
Una nuova passerella corre lungo la spiaggia da Bat Yam a sud fino a Herzliya a nord. (11 - 12 )

Il lungomare di Tel Aviv è un'autentica oasi di pace all'aria aperta. 
È un ampio viale di quattordici chilometri affacciato sul Mar Mediterraneo, in cui la fanno da padrona il sole, la spiaggia e le palme. Tale contesto paesaggistico, sommato alla presenza dilagante di skater, yogi e surfisti, fa di Tayelet una piccola Miami all'interno di Tel Aviv.




Il tramonto a Tel Aviv è magico, ed osservare le sfumature di colore sul cielo e sul mare da una terrazza dei ristoranti del lungomare è un'esperienza davvero indimenticabile. Insomma... L'inizio perfetto per una serata indimenticabile!


Il Carmel Market è il più grande mercato all'aperto di Tel Aviv e vende di tutto, da articoli da toeletta, vestiti, carne, frutta e verdura e qualche formaggio di specialità gastronomiche. (13)

Come in molti mercati all'aperto, la frutta e la verdura sono esposte in modo tale da poterle toccare, annusare e talvolta anche assaggiare prima di acquistarle. 


I mercati all'aperto (shuk) sono affollati, rumorosi e affollati, ma a volte sono anche un microcosmo della nazione del paese. I mercati in Israele sono aperti abbastanza presto la mattina e chiudono intorno alle 19 o alle 20. 

Il venerdì prima dello Shabat, è per lo più il giorno più affollato poiché le persone hanno fretta di procurarsi il cibo per il fine settimana. Al sabato Shabat i mercati sono chiusi. 


Ogni città in Israele ha un mercato all'aperto (shuk). Il shuk più famoso di Gerusalemme è Machne Yehuda, che è un luogo all'aperto abbastanza grande, molto frequentato da una folla mista di ebrei, musulmani, cristiani, ortodossi e laici. 

Ad Haifa lo shuk si trova nel quartiere arabo di Vadi Nisnas, il mercato ha panetterie, negozi di pesce e frutti di mare e caffè arabico macinato. Negli ultimi anni alcune città principali hanno i mercati degli agricoltori, che si svolgono principalmente il venerdì.


Visitare il Cimitero di Trumpeldor è un'esperienza unica per scoprire le tradizioni funerarie degli ebrei e conoscere i personaggi che cambiarono la storia d'Israele. (14)

La prima cosa che cattura l'attenzione quando si visita un cimitero ebraico è l'assenza di fiori. Sulle lapidi si trovano, invece, le pietre deposte dai familiari dei defunti, in segno d'amore e quali simbolo di eternità. 

Nel Cimitero Trumpeldor vi sono tombe recenti ma anche storiche e, pertanto, passeggiare tra le lapidi è un buon modo di ripassare la storia della città. Le tombe sono collocate in maniera irregolare e molte hanno iscrizioni in ebraico e la stella di Davide.


Oltre a personaggi israeliani illustri, nel cimitero ebraico sono sepolte molte vittime dell'Olocausto, anche intere famiglie. Dai grandi mausolei in pietra alle più umili sepolture, tutte le tombe ricordano l'orrore di questa tragedia.  

Al contrario di quello che possa sembrare, questo luogo è tutt'altro che lugubre, ed è il riflesso di una religione e di una cultura unica al mondo. Visitarlo può essere, perciò, un'esperienza molto interessante.


Per una pausa dalla baldoria che è Tel Aviv, Jaffa, parte integrante del Comune di Tel Aviv-Jaffa, è un miscuglio di contrasti e fascino.
Jaffa è il cuore, le radici e il presente di Tel Aviv. (15)

Visitare l'antica città di Giaffa è imprescindibile per comprendere appieno l'aspetto di Tel Aviv e addentrarsi nelle principali attrazioni turistiche che circondano la città portuale: la Chiesa di San Pietro, il Mercato delle Pulci, il Porto di Giaffa, la Torre dell'Orologio e molto altro.


Una magica città antica dove puoi trascorrere ore esplorando i mercati e le gallerie e girovagando per i vecchi e stretti vicoli, una vibrante miscela di religioni e credenze culturali, è anche uno dei luoghi più alla moda di Tel Aviv per fare shopping e mangiare fuori. (16)



Il sempre colorato mercato delle pulci di Jaffa, in funzione da più di 100 anni, è un quartiere portuale di vicoli, passaggi coperti e verande all'aperto. 

Passeggia per le infinite strade del mercato per trovare oggetti d'antiquariato e artigianato restaurati, piastrelle giudaiche e persiane, oltre a boutique di stilisti e gallerie d'arte. Anche se non acquisti nulla, è il posto perfetto per assaggiare la cucina locale. 

Una volta che il sole tramonta e i venditori tornano a casa, prende vita una scena gastronomica: un paese delle meraviglie di luci scintillanti con dozzine di ristoranti alla moda, bar e caffè chic. (Il mercato delle pulci si chiama Shuk Hapishpishim in ebraico.)

Jaffa, il porto marittimo più antico del mondo, ospita una vivace comunità multietnica di musulmani, cristiani ed ebrei.

Archeologia e documenti antichi mostrano che Jaffa esiste come città portuale da più di 4000 anni ed è da dove è partito Giona . 

Fino a poco tempo fa, il porto era diventato un relitto, ma dopo importanti lavori di ristrutturazione, ora pullula di vita e cultura, dai ristoranti di pesce e caffè biologici alle librerie e ai teatri. 

Il Porto Vecchio - Old Tel Aviv Port Area  (noto come Namal Yafo) è anche una sorta di colonia di artisti, con numerose gallerie d'arte e studi. I panorami sono mozzafiato, soprattutto al tramonto. (17)

Il simbolo ottomano più rappresentativo di Jaffa e della città di Tel Aviv è senza dubbio la Torre dell'Orologio, costruita nel 1903. (18)

Agli inizi del Novecento, la città portuale di Jaffa si trovava sotto il controllo dell'Impero Ottomano, che ha lasciato evidenti tracce del proprio passaggio sul suolo israeliano. 


Per commemorare il suo venticinquesimo anniversario al comando dell'Impero, il sultano Abdul Hamid II commissionò la costruzione di cento torri in tutte le città che si trovavano sotto il suo controllo. La Torre dell'Orologio di Tel Aviv fu una delle sette torri edificate nell'attuale Stato d'Israele.

La struttura era coronata da quattro orologi, uno in ciascuno dei lati della torre. Due orologi segnavano l'ora occidentale e gli altri due l'ora orientale, con l'obiettivo di avvicinare l'orario europeo alla popolazione di Giaffa.


Quello che prima era un monumento estremamente utile, poiché non esistevano né orologi da polso né telefoni cellulari, oggi rappresenta una delle attrazioni turistiche di Tel Aviv. 

Inoltre, la Torre dell'Orologio di Giaffa accoglie un punto informazioni in cui potrete ritirare le mappe della città e ricevere consigli utili su ristoranti e molto altro.


Girovagando per Giaffa o per il porto riconoscerete immediatamente il campanile della Chiesa di San Pietro di Tel Aviv. (19)

E' situata a pochi metri dalla città vecchia, dalla spiaggia, dalla Torre dell'Orologio e da vari bar e ristoranti, situati sia nei dintorni sia nella piazza adiacente alla chiesa. 

Le fondamenta dell'attuale Chiesa di San Pietro risalgono al 1654, anno in cui, a Giaffa, si costruì un tempio cattolico consacrato all'omonimo apostolo. Nel XVIII secolo, la chiesa fu distrutta in due occasioni, per poi essere ricostruita nel 1894.


L'elemento più caratteristico della Chiesa di San Pietro è senza dubbio il campanile. Quest'altissima torre, infatti, fu utilizzata come faro per decenni, segnalando ai pellegrini e ai marinai il loro arrivo in Terra Santa. Oggigiorno, il campanile della Chiesa di San Pietro di Tel Aviv rappresenta il punto più alto dell'antica città di Giaffa.

Nel 1799, Napoleone Bonaparte arrivò a Giaffa, dove vi trascorse un periodo prima di proseguire la propria campagna militare in Egitto e in Siria. Secondo diversi documenti storici, infatti, il generale francese avrebbe alloggiato proprio in uno degli ambienti della Chiesa di San Pietro.


Di fronte alla chiesa vi è un percorso sopraelevato circondato da alberi da cui potrete godere di una vista panoramica unica sulla Chiesa di San Pietro.

Conosciuta come la Grande Moschea, Mahmoudiya fu un importante tempio musulmano costruito durante il dominio ottomano. Il minareto della Moschea di Mahmoudiya può essere osservato da ogni punto della città di Jaffa. (20)

La Moschea Mahmoudiya costituisce la moschea più grande di Giaffa. Il minareto è visibile da ogni punto della città vecchia, ma, sebbene sia ancora in uso, la moschea non richiama alla preghiera.  


La parte più affascinante della moschea è senza dubbio il sabil, una fontana situata nella parete sud che somministrava acqua a tutti gli abitanti della città vecchia, un vero e proprio privilegio per l'epoca. 

Questo regalo del governatore alla popolazione fece sì che il sabil sia conosciuto con il nome di "fontana del sultano Suleiman".


Curiosità

Alcune spiagge di Tel Aviv sono destinate al pubblico più religioso e tradizionale, imponendo alcune restrizioni durante lo shabbat, in quanto ad abbigliamento o a separazione per sessi. Tuttavia, si tratta di casi eccezionali e di spiagge lontane dal centro di Tel Aviv. Una di queste è Religious Beach, il cui nome è abbastanza indicativo.


Documenti

I cittadini italiani necessitano di un passaporto valido per viaggiare in Israele. Inoltre, per entrare in territorio israeliano è necessario che il passaporto abbia una validità minima di sei mesi dalla data di partenza prevista.

Timbro israeliano sul passaporto

Israele intrattiene relazioni diplomatiche complesse con diversi paesi, per la maggioranza di religione musulmana. Al fine di evitarvi problemi in futuro, ai controlli di sicurezza  è alquanto possibile che non vi timbrino il passaporto. In via sostitutiva, le autorità doganali vi consegneranno una tessera di soggiorno con la data di arrivo e di partenza prevista.

Tuttavia, se nel vostro passaporto appare il timbro di un qualche paese musulmano, vi porranno delle domande di routine in merito al vostro soggiorno in tale paese.



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -