Gerusalemme, una città ricca di storia, incarnata soprattutto nella sua architettura antica e nei luoghi santi.

  


Gerusalemme, una città ricca di storia, incarnata soprattutto nella sua architettura antica e nei luoghi santi. La città vecchia - La Via Dolorosa - Il Quartiere cristiano - Il Monte degli Ulivi - Il Quartiere Ebraico


Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO dal 1981, la Città Vecchia di Gerusalemme è meglio esplorarla a piedi, poiché le sue strade strette e i suoi vicoli la rendono quasi una zona interamente pedonale. 

Oltre ad ospitare quattro quartieri etnici – ebraico, musulmano, cristiano e armeno – è ricca di importanti siti storici e religiosi, che rendono un viaggio qui unico, indimenticabile e da non perdere.

L'area ospita i siti più sacri delle tre religioni abramitiche, vale a dire il Muro Occidentale dell'Ebraismo, la Cupola della Roccia dell'Islam e la Chiesa del Santo Sepolcro. Particolarmente degno di nota è il Monte del Tempio, ritenuto il sito del Tempio di Re Salomone, che fu completato nel 957 a.C. e poi distrutto dai Babilonesi. 

Il monte è estremamente importante per i musulmani a causa dell'attuale moschea di al-Aqsa, il principale luogo di culto islamico a Gerusalemme.

 È altrettanto venerato dagli ebrei di tutto il mondo che pregano seguendo la direzione dell'ex Tempio di Salomone, credendo che la presenza divina di Dio si manifesti lì più che in qualsiasi altro posto sulla terra. Gli ebrei credono anche che il Terzo Tempio sarà costruito sul Monte del Tempio prima della venuta sulla terra del futuro messia.

Alla città murata si accede da una delle sette porte d'ingresso, la più comoda delle quali è la Porta di Giaffa. Accanto ad essa si trova la cittadella della città, conosciuta come la Torre di David, che non solo racconta la storia di Gerusalemme, ma offre anche viste a tutto tondo della sua vecchia e nuova architettura.

Da non perdere una visita alla Chiesa di Sant'Anna, uno splendido esempio di architettura crociata con una grotta sottostante, ritenuta il luogo di nascita della Vergine Maria. Vicino ai suoi terreni tranquilli troverai il luogo di uno dei miracoli di Gesù: le Piscine di Bethesda, nonché il sentiero lungo il quale portò la croce dal palazzo di Pilato alla collina del Golgota.

Uno degli epicentri del cristianesimo mondiale, il quartiere cristiano è il secondo più grande dei quattro quartieri antichi di Gerusalemme. Un luogo affascinante in cui passeggiare, copre la parte nord-occidentale della Città Vecchia, appena oltre la Porta di Giaffa, il tradizionale ingresso dei pellegrini a Gerusalemme e una destinazione privilegiata per la maggior parte dei visitatori.

Con il suo groviglio di strade larghe e vicoli tortuosi e stretti, questa zona ospita uno dei luoghi più sacri per tutti i cristiani: la Chiesa del Santo Sepolcro, un edificio magnifico e logoro costruito su quelli che si ritiene siano i luoghi della crocifissione, della sepoltura e risurrezione di Cristo.

Dominato da questo tempio multiconfessionale, il quartiere ospita anche altri siti importanti, come la chiesa luterana neoromanica del Redentore (sali sul suo campanile per una splendida vista a tutto tondo di Gerusalemme est e ovest!), un colorato esempio di una chiesa ortodossa russa (situata in cima ad affascinanti rovine romane sottostanti), così come il complesso Muristan/Aftimos, pieno di caffè all'aperto, ristoranti e negozi.

Potrai anche vedere alcune delle stazioni lungo la Via Dolorosa, dove Gesù portò la sua croce mentre veniva crocifisso, insieme ad alcuni frammenti aggiuntivi di storia che arrivarono ben dopo il tempo di Gesù.

Oltre ad offrire splendide viste sulla Città Vecchia, il Monte degli Ulivi ospita una mezza dozzina di importanti siti della fede cristiana insieme al più antico cimitero ebraico del mondo. Considerato da molti un luogo sacro, è associato a numerosi eventi della vita di Gesù, tra cui l'ascesa al cielo e l'insegnamento della preghiera del Signore ai suoi discepoli.

Appena a nord si trova il presunto luogo di riposo della Vergine Maria con un altare sotterraneo molto commovente, mentre il Giardino del Getsemani, dove si dice che Gesù sia stato tradito da Giuda, è accessibile da un vicolo vicino.

Più in alto sulla collina, adiacente al Vecchio Cimitero Ebraico, la chiesa francescana Dominus Flevit (1954), con la sua cupola a forma di lacrima, sorge su un luogo considerato sacro già nell'età del bronzo; la Chiesa del Pater Noster è famosa per le sue 140 iscrizioni del Padre Nostro in diverse lingue; e, infine, la Cappella dell'Ascensione segna il punto in cui si dice che Gesù sia salito al cielo 40 giorni dopo la sua risurrezione.




UNA PASSEGGIATA NELLA VECCHIA GERUSALEMME



Attrazioni presenti in questa guida:

Porta di Giaffa - Torre di David - Mercato arabo (Shuk) - Tunnel del Muro Occidentale (Kotel) - Muro Occidentale (del Pianto). - Moschea di al-Aqsa - Monte del Tempio - Cupola della Roccia - Porta dei Leoni - Chiesa di Sant'Anna - Piscina di Bethesda - Convento dell'Ecce Homo - Via Dolorosa - Porta di Damasco (Sichem).


 Porta di Giaffa

La Porta di Giaffa è uno degli otto punti di accesso alla Città Vecchia di Gerusalemme e fu costruita dagli Ottomani nel XVI secolo. È anche l'unica apertura strutturale nel muro che circonda la città che si trova ad un angolo di 90 gradi; senza dubbio, questo è stato fatto come misura difensiva. Situata sul lato occidentale, è rivolta in direzione dell’omonima città di Giaffa – da cui il nome.

La porta ha anche molti altri nomi diversi, tra cui "Sha'ar Yafo" in ebraico e "Bab el-Khalil" in arabo che significa "la porta di un amico". La parte “amico” si riferisce al profeta Abramo, “l'amico di Dio”. La leggenda narra che il profeta fu sepolto qui da qualche parte, e poiché Hebron era la sua città natale, un altro nome per questo luogo è "Porta di Hebron". Viene spesso definita anche la “nicchia di preghiera di Davide”. Durante il periodo crociato era conosciuta come “Porta di David” per la sua vicinanza alla Torre di David.

Da qui partiva il viaggio per mare del personaggio biblico Giona e qui sbarcavano anche i pellegrini in viaggio verso la Città Santa. Ancora oggi è in uso l'antica strada che parte dalla porta,


 Torre di David 

La Torre di David è un'antica roccaforte vicino alla Porta di Giaffa e fu costruita per creare un senso di sicurezza in quella che tradizionalmente era stata una parte molto non fortificata della Vecchia Gerusalemme. La struttura prende il nome così dai cristiani bizantini che vivevano nelle vicinanze e credevano che questo fosse il sito originale del palazzo del re Davide.

La torre risale al II secolo a.C. e, come molti altri edifici della zona, fu distrutta e ricostruita più volte: da cristiani, musulmani, mamelucchi e ottomani. Alcuni dei reperti archeologici qui risalgono a quasi 3.000 anni fa.

Nel 1989, la Fondazione Gerusalemme ha aperto un museo all'interno della torre, raccontando un tratto di storia di quasi 4.000 anni, fino al periodo cananeo. La cima della torre offre una bellissima vista a tutto tondo di Gerusalemme. Il luogo è anche un luogo molto popolare per concerti, spettacoli musicali, mostre di artigianato e altri eventi pubblici, che attirano quasi 3,5 milioni di visitatori ogni anno in questo sito.


Mercato arabo (Shuk)

Correndo in discesa dalla Porta di Giaffa al Muro Occidentale, David Street è un percorso pedonale che separa il quartiere cristiano da quello armeno. 

La vicinanza della Porta di Giaffa e la bellezza della strada stessa attirano regolarmente una folla numerosa e variegata, a testimonianza del costante trambusto: ebrei diretti al servizio del Muro Occidentale, pellegrini cristiani che procedono verso la Chiesa del Santo Sepolcro, Musulmani che salgono a pregare sul Monte del Tempio e migliaia di turisti e visitatori che restano in giro.

Troppo stretta per i veicoli a motore e con spazio appena sufficiente per spingere occasionalmente un carro a tre ruote, questa parte della Città Vecchia ospita il mercato turistico più famoso di Gerusalemme, il mercato arabo (o "Arab Shuk"), comprendente più parti diverse. Quello nel quartiere cristiano è per lo più orientato al turismo con una grande enfasi sui regali a tema cristiano. Ci sono anche alcune belle panetterie e piccoli supermercati nella zona che servono i residenti locali.

NOTA: La contrattazione è opportuna solo per quanto riguarda articoli turistici, casalinghi e così via. Le bancarelle di prodotti agricoli hanno prezzi fissi (a volte scritti sui cartelli, spesso solo in arabo e talvolta senza scritte). NON contrattare sui prezzi alle bancarelle di prodotti agricoli; i negozianti lo troveranno divertente nella migliore delle ipotesi e leggermente offensivo nella peggiore se provi a farlo.

Orari di apertura:
sab-gio: 9:00-19:00
Il trading di venerdì, giorno sacro ai musulmani, è piuttosto limitato



Tunnel del Muro Occidentale (Kotel) 

I visitatori di Gerusalemme possono vedere la parte relativamente piccola, lunga 200 piedi fuori terra, del Muro Occidentale recandosi nella Città Vecchia vicino alla Moschea di Al-Aqsa. Vedranno il muro di pietra calcarea conservato costruito nel 19 a.C. da Erode il Grande.

Chi vuole vedere ancora di più del muro può dirigersi verso i tunnel. Il Tunnel del Muro Occidentale è una distesa di muro di 1.601 piedi interamente nascosta sottoterra. Si trova sotto la Città Vecchia e gran parte del quartiere musulmano.

L’obiettivo dietro la costruzione del Muro Occidentale era quello di raddoppiare le dimensioni del Monte del Tempio. Nel 70 d.C. la struttura fu distrutta dai romani. L'area esposta divenne un luogo venerato di preghiera, ma il resto fu costruito e lasciato invisibile.

Gli scavi del Tunnel del Muro Occidentale iniziarono nel 1864 e continuarono per circa 20 anni. La Western Wall Heritage Foundation è stata costituita alla fine del XIX secolo con l'obiettivo di mantenere e rinnovare il sito.

L'accesso al Tunnel del Muro Occidentale è presso la Piazza del Muro Occidentale. I visitatori devono far parte di una visita guidata prenotata in anticipo.

Suggerimento:
se soffri di claustrofobia, mantieni la calma: alcune aree sono strette ma ci sono alcove ovunque per fornire abbastanza spazio per respirare. Inoltre, in inverno fa piuttosto caldo laggiù, quindi non è necessario vestirsi molto.


Muro Occidentale (del Pianto) 

Il Muro Occidentale, altrimenti noto come Muro del Pianto, 

Luogo del Pianto o Muro di Buraq, fa parte dell'ultimo muro rimasto del Monte del Tempio nell'Antica Gerusalemme e fu costruito nel 19 a.C. da Erode il Grande. Il re ampliò artificialmente l'area del Monte del Tempio e fece costruire il muro per trattenere il terreno e il riempitivo aggiunti durante quel periodo.

Il muro è alto circa 100 piedi dalle fondamenta, di cui solo circa 60 piedi sono visibili fuori terra. Su un totale di 45 corsi di pietra posati, solo 28 sono visibili. I primi sette strati risalgono al tempo di Erode il Grande, altri quattro strati furono aggiunti dal califfato omayyade – intorno al 600 d.C., e altri 14 durante il periodo ottomano negli anni '60 dell'Ottocento. Infine, gli ultimi tre strati furono aggiunti dal Mufti di Gerusalemme negli anni '20. Non si sono verificate ulteriori aggiunte dopo la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

La dimensione delle pietre utilizzate nella costruzione è enorme, alcune pesano tra le due e le otto tonnellate, e un'enorme pietra vicino all'Arco di Wilson pesa da sola l'incredibile cifra di 570 tonnellate!!! È difficile sopravvalutare la quantità di sforzi profusi in un progetto di tale portata.

Il Muro del Pianto è stato il luogo di pellegrinaggio e preghiera ebraica almeno dal 300 d.C. ed è considerato uno dei luoghi più sacri per gli ebrei a causa della sua vicinanza al Monte del Tempio. Il nome “pianto” deriva dalla pratica ebraica di piangere la perdita del Sacro Tempio sul Monte del Tempio. La piazza davanti al muro fu costruita dopo la Guerra dei Sei Giorni come luogo di ritrovo per i fedeli.

Sia gli uomini che le donne possono pregare al muro, anche se devono utilizzare ingressi separati. Il muro è particolarmente frequentato durante il sabato, che inizia al tramonto del venerdì e dura fino al tramonto del sabato. È ormai diventata una tradizione portare al muro una richiesta di preghiera scritta su un piccolo foglietto di carta da infilare tra le pietre. Questi documenti vengono rimossi una volta al mese e portati al Monte degli Ulivi.


Suggerimento:

Durante la visita, assicurati di portare con te un documento d'identità valido (passaporto); aspettatevi una stretta sicurezza e vestitevi con modestia.

Non sono ammesse foto durante il sabato. L'ingresso è gratuito.


Moschea al-Aqsa

Tradotto come "la Moschea lontana", al-Aqsa è il terzo luogo più sacro dell'Islam e la moschea più sacra di Gerusalemme. Sorge sul Monte del Tempio, conosciuto in arabo anche come Hara mesh-Sharif, che significa “Nobile Santuario”. 

Molto probabilmente, si trova sul sito della primissima moschea costruita a Gerusalemme nel 638. Nel corso del millennio, al-Aqsa è stata distrutta due volte da terremoti, danneggiata più volte da cause naturali e provocate dall'uomo, e ricostruita diverse volte. volte.

Sebbene la maggior parte delle aggiunte all'edificio effettuate dai crociati, dai fatimidi, dai mamelucchi e dagli ayyubidi non siano sopravvissute fino ai nostri giorni, alcune di esse sono ancora visibili. Nel 1951, il re Abdullah di Giordania fu assassinato nell'ala meridionale della moschea. Fori di proiettile nella pietra e un piccolo memoriale sul sito ricordano quella tragedia.

La parte meridionale di al-Aqsa è nota principalmente per il Mihrab di Zaccaria (cappella dei crociati), che è una nicchia rivolta in direzione della Mecca, riccamente decorata da Saladino. I suoi splendidi mosaici attorno all'arco della navata centrale e la cupola hanno resistito alla prova del tempo, così come lo splendido rosone e la Doppia Porta (ingresso originale al Monte del Tempio). I pilastri sono stati ricostruiti, ma le colonne sono tutte originali costruite dal re Erode.

Sebbene la maggior parte dell'interno della moschea sia del XX secolo, non è meno bello e comprende sette navate, più di 120 vetrate colorate, 45 colonne che sostengono l'edificio, di cui 33 in marmo bianco. La parte inferiore della moschea – al-Aqsa Qadima (l’antica al-Aqsa) – è un’area riservata, solitamente chiusa al pubblico.

Nota:
I non musulmani non sono ammessi senza guida. Puoi comunque goderti l'architettura esterna per qualche minuto, come parte della visita alla Cupola della Roccia.


 Monte del Tempio 

Il Monte del Tempio è uno dei luoghi più sacri di Gerusalemme e, forse, del mondo intero. Da un punto di vista topografico rappresenta un altopiano elevato situato nella parte più antica della città, mentre politicamente questo pezzo di terra è governato dal Consiglio religioso musulmano supremo.

Soggetto a rivendicazioni da parte delle tre principali religioni (ebraismo, cristianesimo e islam), questo luogo santo è conosciuto in ebraico come Har haBáyit ("Nobile Santuario") e in arabo come Haram esh-Sharif. 

Per cristiani ed ebrei, il Monte del Tempio è sacro principalmente per la sua associazione con il Tempio di Gerusalemme che un tempo sorgeva qui. Nei testi apocalittici della Bibbia si dice anche che qui Gesù scenderà nuovamente sulla Terra per dare inizio al Regno di Dio. I musulmani, a loro volta, considerano questo luogo importante perché, secondo il Corano, il profeta Maometto ascese da qui al Cielo.

Questo terreno sacro è stato anche il luogo mitico in cui venne legato Isacco, dove si fermò la presenza di Yahweh, e anche il luogo in cui, secondo la Bibbia, Adamo fu creato dalla proverbiale polvere della terra. Potrebbe quindi essere una buona idea per chi visita la Montagna del Tempio studiare preventivamente i miti ad esso legati, così da apprezzare l'importanza di questo luogo nella sua interezza.

Suggerimento:
probabilmente è meglio farsi accompagnare da una guida esperta attorno al Monte del Tempio, in modo da essere sicuri di arrivare all'orario giusto, ottenere l'accesso, ecc. È
possibile accedere attraverso il ponte di legno sulla piazza del Muro Occidentale. C'è un severo controllo di sicurezza all'ingresso, quindi non dimenticare il passaporto.
Qualunque cosa tu faccia, cerca di venire presto mentre gli altri stanno ancora dormendo, perché questo è uno di quei posti che vale la pena visitare in un'atmosfera completamente serena e rilassata.


 Cupola della Roccia

La Cupola della Roccia è un santuario musulmano situato in cima al Monte del Tempio nella Vecchia Gerusalemme e fu costruito nel 691 d.C. dal califfo omayyade Abd al-Malik. Si ritiene che si trovi sopra una pietra considerata sacra da molte religioni.

I musulmani affermano che fu su questa pietra che l'Arcangelo Gabriele portò Maometto a pregare con Abramo, Gesù e Mosè, e da dove il profeta Maometto ascese al cielo durante il viaggio notturno a Gerusalemme. 

Un monumento a questo è il più antico Mihrab conservato nel mondo islamico. Gli ebrei ritengono che fosse su questa roccia che Abramo era pronto a sacrificare suo figlio, e sia i cristiani che i musulmani credono anche che fosse il sito del Tempio di Salomone successivamente distrutto. Infatti, diverse chiese successive costruite dai Cavalieri Templari seguono lo stesso disegno di quello di questo santuario.

All'esterno, la Cupola della Roccia è ricoperta di squisite piastrelle e marmo bianco, mentre il suo interno presenta una forma ottagonale con un anello esterno e un cerchio interno. Questo per rappresentare il movimento circolare attorno alla Ka'ba alla Mecca compiuto dai pellegrini che vi visitano. 
La roccia sacra è protetta da uno schermo in legno che sostituisce quello in ferro battuto eretto dai Cavalieri Templari. Quello schermo è ora conservato nel Museo Islamico.

Nel corso dei secoli, il tempio è stato ristrutturato più volte con un ampio rinnovamento delle piastrelle (aderenti il ​​più possibile al disegno originale), grandiosi mosaici interni e rinnovamento della cupola che ha visto la sostituzione dell'oro originale con alluminio rivestito in foglia d'oro (dono del re Hussein di Giordania) che lo rende uno spettacolo davvero spettacolare.

Nota:
È prevista una tariffa combinata per l'ingresso alla Cupola della Roccia, alla Moschea di al-Aqsa e al Museo Islamico. Gli orari di apertura variano e solo i musulmani possono entrare in determinati orari. I non musulmani utilizzano un ingresso separato.
Se il tuo abbigliamento non soddisfa il codice di abbigliamento, ti verranno prestati un paio di pantaloni per coprire le gambe o una sciarpa per coprire la testa.


 Porta dei Leoni

La Porta dei Leoni prende il nome dalle coppie di animali di pietra scolpiti nel disegno. 
La leggenda narra che il sultano Solimano il Magnifico, che costruì le mura intorno a Gerusalemme nel XVI secolo, ebbe un incubo in cui vide i leoni sul punto di divorarlo poiché non era riuscito a proteggere questa parte della cittadella.

Al risveglio ordinò che fosse costruito un muro con i leoni posti alla porta della città. Ci sono speculazioni sul fatto che le incisioni siano effettivamente leoni e non pantere, nel qual caso potrebbero raffigurare animali dallo stemma del sultano mamelucco Baybars, e quindi far parte di un edificio più antico.

Un altro nome per questo punto di ingresso è “Bab Sitt Maryam” e si riferisce a Maria, madre di Gesù. 

La leggenda narra che sia stata sepolta da qualche parte nella valle del Kidron. Nella tradizione e nella tradizione cristiana, questa porta è conosciuta anche come quella di Santo Stefano, il primo martire cristiano che fu lapidato. La Domenica delle Palme si svolge una processione che ricrea il percorso storico di Gesù tratto dalla Scrittura, passando attraverso la porta dal Monte alla Città Vecchia.

Il nome arabo della porta è "Meshikuli", che in termini più moderni significa “portello” – una piccola apertura nel muro – attraverso la quale, un tempo, si poteva osservare chi si avvicinava e, in caso di attacco, versare acqua bollente olio o catrame sulle teste dei nemici.



Chiesa di Sant'Anna 

La Chiesa di Sant'Anna si trova accanto alla Piscina Bethesda presso la Porta dei Leoni a Gerusalemme, quasi all'inizio della Via Dolorosa e, come per la maggior parte delle strutture della città, la storia di questo luogo è affascinante. 

Questa chiesa è un ottimo esempio di luogo di culto crociato del XII secolo. Nonostante nel corso dei secoli l'edificio sia stato utilizzato nei modi più diversi, gran parte del suo disegno originale, piuttosto severo nell'aspetto, è stato conservato, in gran parte, grazie al restauro ottocentesco.

Sant'Anna fu costruita nel 1131-1133 sul presunto luogo in cui la nonna di Gesù, Anna, diede alla luce sua madre, Maria. In quanto tale, la chiesa sostituì il tempio bizantino distrutto che precedentemente si trovava su questo sito. Una delle cose interessanti è l’asimmetria. Durante la visita, assicurati di controllare lo stile asimmetrico, conta il numero di gradini da un lato e poi dall'altro.

Un'altra particolarità è l'incredibile acustica dell'edificio. Destinata ad accogliere i canti gregoriani, la chiesa è aperta ai cantanti, ma solo a quelli con repertorio religioso. La musica di qualsiasi religione è la benvenuta. I riverberi sono semplicemente fenomenali, in particolare per le voci soliste di tenore o soprano.



 Piscina di Bethesda

La Piscina di Bethesda è un piccolo specchio d'acqua che si trova nella parte musulmana di Gerusalemme, in rotta verso la valle di Beth Zeta. Nella Bibbia si parla di un luogo simile vicino alla Porta delle Pecore, circondato da cinque grandi colonnati. Si ritiene che la sua acqua abbia proprietà curative.

Sebbene non ci siano prove conclusive che questa sia la piscina menzionata nel Vangelo (l'unica menzione registrata è quella negli scritti di Giovanni), molte persone considerano comunque sacro questo luogo.

L'esistenza di questo luogo fu confermata nel XIX secolo quando gli archeologi scoprirono i resti della piscina che, guarda caso, corrispondevano ad una descrizione dettagliata del Nuovo Testamento.

Questa posizione tranquilla è una visita obbligata per coloro che credono che questa sia la fonte dell'acqua curativa menzionata nella Bibbia. Tuttavia anche i non credenti potrebbero trovarlo interessante dal punto di vista prettamente archeologico.


Convento dell'Ecce Homo

Migliaia di pellegrini ogni anno camminano sotto l'imponente arco di pietra che attraversa la stretta Via Dolorosa nel quartiere musulmano, vicino alle stazioni I e II, senza rendersi conto dei vasti resti della Gerusalemme del I secolo che giacciono sotto i loro piedi. 

Per secoli molti hanno creduto che quest'arco facesse parte di un antico arco della Fortezza Antonia dove, secondo il Nuovo Testamento (Giovanni 19-15), il governatore romano Ponzio Pilato presentò Gesù – picchiato, coronato di spine e vestito di una veste purpurea – a una folla ostile con le parole: “Ecce Homo” (“Ecco l'uomo” o “Questo è l'uomo” in latino), prima di condannarlo a morte.

Questa convinzione persiste in molte pubblicazioni, sebbene gli archeologi dimostrino che quest'arco fu costruito dopo i tempi di Gesù. Alcuni sostengono che fosse in origine una porta cittadina del periodo di Erode Agrippa I (41-44 d.C.), mentre altri ritengono che sia una parte rimanente della rampa monumentale costruita dai romani nel 70 d.C. durante la ribellione ebraica, mentre altri sostengono che fosse parte della porta della Vittoria romana a tre archi che serviva all'ingresso di un grande foro pubblico (piazza) costruito dall'imperatore Adriano durante la ricostruzione della città nel 135 d.C., un secolo dopo la crocifissione di Gesù.

Un grande arco centrale visto oggi nella strada aveva archi più piccoli su entrambi i lati. Successivamente il piccolo arco settentrionale fu integrato nell'adiacente Convento delle Suore di Sion, costruito nel 1857; si può entrare nella chiesa monastica e vedere l'arco settentrionale gratuitamente. 

La Chiesa dell'Ecce Homo, conosciuta anche come Basilica dell'Ecce Homo, prende il nome dal discorso Ecce Homo di Ponzio Pilato, che probabilmente ebbe luogo sul pavimento sottostante questa chiesa.


Via Dolorosa

Via Dolorosa è il latino per la “Via del Dolore” o la “Via della Sofferenza”. È interessante notare che, mentre la maggior parte dei segnali stradali a Gerusalemme sono in ebraico, inglese e arabo, questa strada è l'unica conosciuta con il suo nome latino. La strada è popolare tra i pellegrini cristiani che credono che ripercorra i passi di Gesù che porta una croce lungo il percorso verso la sua crocifissione.

14 stazioni scandiscono il percorso lungo questo percorso, di cui cinque all'interno della Chiesa del Santo Sepolcro. 

Sebbene chiunque possa percorrere la Via Dolorosa a qualsiasi ora, ogni venerdì intorno alle 15, un gruppo di frati francescani è guidato lungo il percorso, offrendo il modo migliore per vivere la passeggiata. Questa zona può essere molto affollata e i segnali un po' difficili da trovare. In alcuni punti la passeggiata torna un po' indietro e la stazione IX può essere particolarmente difficile da individuare. Alcuni potrebbero trovare le strade rumorose un po' di distrazione mentre cercano un posto tranquillo per pregare o contemplare il significato religioso della zona.

Ci sono state diverse versioni del percorso nel corso della storia; quello attuale risale al 1700 e segue il percorso tracciato dai primi cristiani bizantini. Le stazioni sono contrassegnate con segni rotondi, che riportano numeri romani, che segnano la Via Crucis. Diversi gruppi religiosi iniziano la passeggiata in siti diversi.

Di solito, il viaggio inizia nel luogo in cui Gesù fu processato e condannato, nella parte musulmana della Vecchia Gerusalemme, vicino alla Porta dei Leoni, anche se alcuni possono optare per il Palazzo di Erode alla Porta di Giaffa. Il percorso termina presso la Chiesa del Santo Sepolcro e copre circa 500 metri.

L'ingresso alla Via Dolorosa non è a pagamento. Lungo il percorso ci sono molte chiese da visitare e diversi negozi di souvenir che offrono articoli religiosi. Lungo la Via Dolorosa si tengono spesso rievocazioni, soprattutto nel periodo della Settimana Santa.


 Porta di Damasco (Sichem).

Uno degli ingressi principali alla parte orientale della Vecchia Gerusalemme, questa porta prende il nome dalla capitale siriana che si trova a circa 135 miglia (o 220 chilometri) a nord. La struttura è rimasta praticamente intatta da quando fu costruita, tra il 1537 e il 1542, sotto il regno e la supervisione diretta del sultano ottomano Solimano il Magnifico. 

Le dimensioni della porta, tuttavia, derivavano dal lavoro commissionato secoli prima da un altro sovrano – l’imperatore romano Adriano – ed era una colonna, da cui deriva un altro nome per questa porta, “Bab al-Amud” (Porta di la colonna).

Oggi questo è di gran lunga uno dei luoghi più frequentati e colorati della Città Vecchia. In molti modi, questa porta simboleggia una sorta di apertura verso un microcosmo del mondo palestinese. Qui, i venditori diretti da e verso la Città Vecchia portano le loro merci, e la vita ribolle di attività più o meno come è successo secoli prima.

Un segno della realtà moderna è però la presenza dei soldati israeliani di guardia sui gradini degli edifici vicini. Tuttavia, la zona è dominata principalmente dai venditori che offrono erbe aromatiche, prodotti freschi e altri beni ai passanti. Le donne locali sono particolarmente famose per indossare abiti ricamati che fanno parte della loro dote e identità.



Tour a piedi del quartiere cristiano di Gerusalemme

Uno degli epicentri del cristianesimo mondiale, il quartiere cristiano è il secondo più grande dei quattro quartieri antichi di Gerusalemme. Un luogo affascinante in cui passeggiare, copre la parte nord-occidentale della Città Vecchia, appena oltre la Porta di Giaffa, il tradizionale ingresso dei pellegrini a Gerusalemme e una destinazione privilegiata per la maggior parte dei visitatori.

Con il suo groviglio di strade larghe e vicoli tortuosi e stretti, questa zona ospita uno dei luoghi più sacri per tutti i cristiani: la Chiesa del Santo Sepolcro, un edificio magnifico e logoro costruito su quelli che si ritiene siano i luoghi della crocifissione, della sepoltura e risurrezione di Cristo.

Dominato da questo tempio multiconfessionale, il quartiere ospita anche altri siti importanti, come la chiesa luterana neoromanica del Redentore (sali sul suo campanile per una splendida vista a tutto tondo di Gerusalemme est e ovest!), un colorato esempio di una chiesa ortodossa russa (situata in cima ad affascinanti rovine romane sottostanti), così come il complesso Muristan/Aftimos, pieno di caffè all'aperto, ristoranti e negozi.



La Chiesa di San Giovanni Battista si trova nel quartiere cristiano di Gerusalemme. 

C'è un'altra chiesa con lo stesso nome sul Monte degli Ulivi, quindi non confonderti. 

Questo è quello che ha la bellissima cupola argentata. Fu costruito originariamente intorno al 450 d.C., probabilmente per ospitare le reliquie di Giovanni Battista distribuite in varie città sante.

La chiesa fu distrutta dai Persiani nel 614 e rimase in rovina fino all'XI secolo d.C. A quel tempo la chiesa fu ricostruita sulle sue vecchie fondamenta ed è rimasta sostanzialmente invariata negli ultimi 1.000 anni. Divenne la dimora dei Cavalieri Ospitalieri. 

Qui i cavalieri feriti durante le crociate furono curati e alcuni rimasero per portare avanti l'opera di guarigione dei feriti e proteggere i pellegrini in Terra Santa.

La Chiesa potrebbe essere stata una moschea per un breve periodo di tempo, ma è stata quasi sempre nelle mani della Chiesa greco-ortodossa. 

La cripta che si trova sotto la chiesa un tempo era lasciata in rovina ma fu riscoperta nel XIX secolo. Nella cripta, ora ospitata nel Museo del Patriarcato greco-ortodosso, è stato scoperto un bellissimo reliquiario.

La chiesa non è regolarmente aperta; tuttavia, se c'è un prete del monastero greco-ortodosso, lo aprirà volentieri ai visitatori.


Chiesa del Santo Sepolcro/Tomba di Cristo 

La basilica del Santo Sepolcro contiene due dei luoghi più sacri della Cristianità. Le sue chiavi vengono custodite da una famiglia musulmana che, ogni mattina, apre la porta principale della chiesa. Avendo l'obiettivo di mantenere la pace tra le varie fazioni, questa disposizione è in vigore fin dal VII secolo.

Cuore spirituale del quartiere cristiano di Gerusalemme e meta di pellegrini da tutto il mondo fin dal IV secolo, la Chiesa del Santo Sepolcro (chiamata anche Chiesa della Resurrezione o Chiesa dell'Anastasis dai cristiani orientali) contiene, secondo le tradizioni risalenti risalgono almeno al IV secolo, i due luoghi più sacri del cristianesimo: il luogo in cui Gesù fu crocifisso – in un luogo noto come Calvario o Golgota; e la tomba vuota di Gesù dove si dice che sia stato sepolto e resuscitato.


 Racchiuso da un santuario del XIX secolo chiamato Aedicula, quest'ultimo attira molti fedeli a servizi e cerimonie durante vari momenti della giornata, con il personale che cerca di gestire il numero di visitatori per evitare il sovraffollamento. Pertanto, sii paziente se vuoi vedere la tomba: può volerci un po' di tempo.

La chiesa vera e propria è piuttosto uno strano miscuglio di stili: un mix di umile e semplice in alcuni punti e ornato in altri. Al suo interno si trovano le ultime quattro (o, secondo alcune definizioni, cinque) stazioni della Via Dolorosa, che rappresentano gli episodi finali della Passione di Gesù. 

Le principali denominazioni che condividono la proprietà su parti della chiesa sotto lo Status Quo sono quella cattolica romana, quella greco-ortodossa e quella armena apostolica e, in misura minore, quella copta, siriaca ed etiope ortodossa.

Ci sono numerose cappelle da vedere qui, ognuna con la propria sezione speciale di questo luogo sacro. 

Direttamente sotto il Calvario si trova la Cappella di Adamo, che secondo l'antica tradizione è il luogo in cui fu sepolto il personaggio biblico Adamo, il primo uomo. 

Dietro l'edicola si trova la Cappella Copta dove è visibile la maggior parte della tomba, ma sono aperte alla visita anche la Cappella della Prigione di Cristo, la Cappella di Santa Maria Maddalena e la Cappella del Ritrovamento della Croce.



 Mercati Muristan e Aftimos

Una delle destinazioni turistiche più popolari nel quartiere cristiano è il mercato del Muristan. L'area del Muristan (dal persiano Bimārestān che significa "ospedale") è un complesso di strade e negozi situato tra tre chiese, vale a dire: la Chiesa del Santo Sepolcro (Sepolcro), la Chiesa degli Ospitalieri di San Giovanni Battista e la Chiesa tedesca chiesa del Redentore. La zona un tempo ospitava il primo ospedale dei Cavalieri Ospitalieri, da cui il nome.

Oggi, il Muristan rappresenta uno spaccato di strade piene di caffè all'aperto e altri ristoranti, negozi che vendono souvenir e altri oggetti di artigianato, nonché ostelli e hotel, tutti rivolti a turisti e pellegrini cristiani.

Nel 1903, il Patriarcato greco-ortodosso di Gerusalemme costruì un mercato (suq) nella parte occidentale dell'area precedentemente occupata dai ruderi della chiesa di Santa Maria Maggiore, e lo chiamò Aftimos (Avtimos) in onore di Eutimio, il sagrestano del XIX secolo ( portinaio) della Tuttasanta Chiesa della Resurrezione al Santo Sepolcro, che ha curato progetti di sviluppo nel settore cristiano. 

Quest'ultimo, a sua volta, prese il nome da sant'Eutimio "il Grande" (377-473 d.C.), un monaco vissuto nella zona del Mar Morto. 

Il nome Euthymius si traduce come "buon umore", quindi il mercato di Avtimos, con un buon grado di certezza, può essere considerato un "mercato dell'allegria".



Il Monte degli Ulivi 

Oltre ad offrire splendide viste sulla Città Vecchia, il Monte degli Ulivi ospita una mezza dozzina di importanti siti della fede cristiana insieme al più antico cimitero ebraico del mondo. Considerato da molti un luogo sacro, è associato a numerosi eventi della vita di Gesù, tra cui l'ascesa al cielo e l'insegnamento della preghiera del Signore ai suoi discepoli.

A partire dalla Valle del Cedron dove si possono trovare le tombe di Zaccaria e Benei Hezir, entrambe scavate nella solida roccia e incastonate nel vasto cimitero ebraico , ritenuto da molti locali come il futuro spettacolo della Resurrezione.



Dalla base della montagna ci si dirige verso la Chiesa di tutte le Nazioni (1924), la cui fila di pilastri e il magnifico mosaico della facciata si affacciano direttamente sulla strada. Completata con donazioni provenienti da una dozzina di paesi diversi, l'imponente chiesa presenta enormi affreschi dipinti su pareti a volta e una grande roccia che si ritiene sia il luogo in cui Gesù pregò la notte del suo tradimento e arresto. 

Appena a nord si trova il presunto luogo di riposo della Vergine Maria con un altare sotterraneo molto commovente, mentre il Giardino del Getsemani, dove si dice che Gesù sia stato tradito da Giuda, è accessibile da un vicolo vicino.



Più in alto sulla collina, adiacente al Vecchio Cimitero Ebraico, la chiesa francescana Dominus Flevit (1954), con la sua cupola a forma di lacrima, sorge su un luogo considerato sacro già nell'età del bronzo; la Chiesa del Pater Noster è famosa per le sue 140 iscrizioni del Padre Nostro in diverse lingue; e, infine, la Cappella dell'Ascensione segna il punto in cui si dice che Gesù sia salito al cielo 40 giorni dopo la sua risurrezione.


Il Quartiere Ebraico

Interamente ricostruito negli anni '80 dopo essere stato in gran parte distrutto durante la guerra del 1948, il quartiere ebraico è abbastanza distinto dal resto della Città Vecchia. 

Una buona segnaletica, passaggi spaziosi, gallerie d'arte e un'atmosfera un po' meno vivace rendono la zona un luogo rilassante dove trascorrere del tempo.

Con i suoi edifici residenziali ricostruiti, alcuni considerano questa zona quasi la “Nuova Gerusalemme”; tuttavia, mentre si è qui, si è circondati da siti religiosi, archeologici, culturali e storici, in ognuno dei quali si potrebbero trascorrere ore o addirittura giorni.

Mentre, senza dubbio, la sinagoga più imponente del quartiere è la Hurva, tre volte ricostruita, due delle quattro sinagoghe sefardite risalgono addirittura all'inizio del XVII secolo. Contengono tutte molte decorazioni elaborate e sono così vicine tra loro che quando ne lasci una, la stessa porta ti porta direttamente a quella successiva. 



Curiosamente, si ritiene che l'adiacente Sinagoga Ramban, la seconda più antica del suo genere nella Città Vecchia, sia stata costruita sul Monte Sion e poi trasferita lì nel XIV secolo.

Vale anche la pena notare che le strade odierne della Città Vecchia seguono ancora ampiamente lo schema tracciato dai romani, come dimostrato dal Cardo, una sezione scavata e parzialmente ricostruita della strada principale della Gerusalemme di epoca bizantina. 




NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -