ZANZIBAR - TANZANIA - IL PORTO CROCIERE - Tutto quello che devi sapere per organizzare una visita a Stone Town a Zanzibar

Il nome stesso di Zanzibar evoca immagini esotiche. E quest'isola tropicale al largo della costa dell'Africa orientale è all'altezza di questa fama con spiagge circondate da palme, villaggi imbiancati, gustosa cucina asiatico-africana e tradizioni che risalgono a centinaia di anni fa.

"Questo è il posto più bello che abbia mai conosciuto in tutta l'Africa", ha detto David Livingstone. L’esploratore vittoriano parlava di Zanzibar, l’arcipelago tropicale situato al largo della costa della Tanzania. 

Gli ultimi 150 anni hanno portato molti cambiamenti, con l'apertura di decine di hotel di lusso e boutique per soddisfare i vacanzieri. Ma uno sguardo ai dhow arabi sulle acque dell'Oceano Indiano ti dirà che c'è ancora molto da scoprire !

Si attracca al porto di Zanzibar, il centro città - Zanzibar Town -  dista 15 minuti a piedi. Al porto troverai i dala dalas (camion a cielo aperto) che offrono il modo più economico per spostarsi a Zanzibar  con una media di 1.500 scellini tanzaniani (circa 50 centesimi) a corsa. La corsa dal porto a Stone Town verrà circa 20 euro. 

Ci sono molti tuk tuk (conosciuti localmente come Bajaj)  ospitano 2-3 persone e possono essere un’alternativa economica a un taxi per brevi distanze.

Qui la gente del posto ti accoglie con un grido  jambo! ("ciao" in swahili) !!

Zanzibar è la capitale dell'isola di Zanzibar ma vale la pena visitarne solo una parte: Stone Town

Le stradine dell'antica Stone Town sono solo alcune delle testimonianze vive della lunga e movimentata storia dell'isola. È un posto affascinante in cui passeggiare e perdersi.

Qui, nella sala da tè sul tetto, puoi sederti sui cuscini sul pavimento  per ammirare la vista panoramica sull'oceano. 

Cerca lo storico forte arabo, risalente al XVII secolo. Ma non tutta la storia locale è antica: Stone Town è stata il luogo di nascita di Freddie Mercury, e i fans dei Queen possono vedere la casa d'infanzia del loro eroe (c'è anche un negozio di souvenir e un ristorante dedicati). 

Jaws Corner è una famosa piazza situata nel cuore di Stone Town. La piazza prende il nome da un residente locale, Mohamed Abdulrahman "Jaws", che era solito vendere tè e snack nella zona. Nel corso del tempo, la piazza è diventata un luogo d'incontro popolare per la gente del posto e per i turisti.

Jaws Corner è noto per le sue bancarelle di cibo di strada che aprono la sera e offrono una varietà di prelibatezze locali come la pizza di Zanzibar, i frutti di mare alla griglia e il succo di canna da zucchero. L'atmosfera è vivace e movimentata, con persone che chiacchierano, giocano a giochi da tavolo e fumano pipe di shisha.

Oltre che per il cibo, Jaws Corner è famosa anche per i suoi murales colorati e l'arte di strada, che contribuiscono all'atmosfera vibrante della zona. La piazza è diventata una destinazione popolare per fotografi e Instagrammers che vogliono catturare il suo fascino unico.

L’Unesco nel 2000 ha inserito Stone Town nel prestigioso elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità. Questo riconoscimento è dovuto all’importanza storica, artistica ed architettonica di quella che un tempo era una delle più importanti città africane nell’ambito del commercio tra Oriente ed Occidente.

Di seguito è riportata la mappa completa di Stone Town, fare clic per ingrandire

La colonna sonora di Zanzibar è il taarab , un mix inquietante di poesia classica Swahili , ritmo percussivo e melodia , con influenze provenienti dal Medio Oriente , India, Africa ed Occidente.

Uno dei posti migliori per comprendere il  taarab e altri stili di musica di Zanzibar è al Dhow Paesi Music Academy, un grande edificio sul lungomare Mizingani . (350 metri dall'uscita del porto).

Sabbia fine come borotalco è all'ordine del giorno sulle scintillanti spiagge di Zanzibar. Le spiagge più belle includono Nungwi ( a circa 60 km dal porto ) e Kendwa  ( quasi 55 km dal porto) sulla punta settentrionale dell'isola, e Kiwengwa ( 36 km dal porto ) e Bwejuu  ( circa 53 km dal porto ) sulla costa orientale.

L'animata Malindi ( 6 minuti a piedi dal porto ) ospita l'Old Dispensary, un edificio storico del 1890 con balconi in legno  che si affacciano sul lungomare. 

I tour operator organizzano gite in barca all'isola di Changu, nota per il santuario delle tartarughe e lo snorkeling, e il vicino Zanzibar Ferry Terminal di Zanzibar offre servizi per Dar es Salaam - il traghetto veloce impiega quasi 1.30 -



Molto tempo fa, Dar es Salaam era semplicemente un villaggio di pescatori, ma oggi la città è una vivace metropoli che continua ad espandersi, così come ad aumentare la densità di popolazione, ed è inclusa nell'elenco delle città in più rapida crescita al mondo. 

Mentre gli edifici storici nel centro cittadino riflettono il passato coloniale, i grattacieli sparsi in modo caotico e i nuovi quartieri che stanno sorgendo indicano il rapido sviluppo della città.

La visita della città comincia vicino al porto, dopo aver superato grandi costruzioni governative con relativi giardini più o meno curati dalla chiesa luterana di Azania Front. Costruita alla fine dell’ottocento dai missionari tedeschi, è una delle non moltissime testimonianze dell’epoca coloniale. 

La parte interessante di Dar es Salaam è la salita sull’alto campanile con visita del grande organo, dell’ingranaggio dell’orologio e delle campane (con bella vista sulla città).

Le spezie sono la linfa vitale delle isole di Zanzibar e una visita guidata di una piantagione offre uno sguardo affascinante sulla coltivazione della cannella, dei chiodi di garofano, della noce moscata. Big Body & Tatata Spice Farm è una delle tante piantagioni che offrono escursioni.

Le spezie sono intrinseche alla cultura di Zanzibar ma anche il caffè ( kahwa ) è altrettanto vitale. Zanzibar Coffee House sorge all’interno di un antico palazzo arabo molto suggestivo ed atmosferico. Il caffè qui è di prim’ordine e viene prodotto da un team di Zanzibar tutto al femminile.


Stone Town, anche conosciuta come Mji Mkongwe (in Swahili: “città vecchia”), è la parte antica di Zanzibar 

Data la sua antica funzione di porto commerciale, Stone Town presenta un assetto architettonico nato e plasmato nel corso dei secoli dalla compresenza di culture e popoli diversi. Le sue architetture, in gran parte riconducibili al XIX secolo, riflettono questa convergenza storica e culturale e la esplicitano grazie alla presenza di elementi Swahili, Arabi, Persiani, Indiani ed Europei.

Stone Town è nota per le sue strade strette e tortuose, piene di storia e di fascino in cui non dovete fare altro che perdervi. Ecco cosa potete aspettarvi di vedere e trovare esplorando le stradine:

Per orientarsi a Stone Town, è bene iniziare a dirigersi verso il lungomare, facile da individuare. Una volta arrivati sul lungomare, potete usarlo come punto di riferimento e orientarvi tra le stradine.

In alternativa, potete ingaggiare una guida locale che vi accompagni in un tour a piedi della città e vi mostri le principali attrazioni e punti di riferimento. Assicuratevi di indossare scarpe comode e di portare con voi molta acqua, poiché Stone Town può essere calda e umida.




Le attrazioni turistiche da non perdere a Stone Town sono numerose. C’è per esempio il cosiddetto “Palazzo delle meraviglie”, o “Beit-al-Ajaib”, che attualmente ospita il “Museo della cultura Zanzibari e Swahili” ma che in passato fu residenza ufficiale del Sultano che regnava sul Paese.



Proprio nei pressi del Palazzo ci sono anche il Forte della città, o “Ngome Kongwe”, risalente al XVII secolo, il Palazzo del Sultano e le due Cattedrali di Stone Town (una cattolica e una anglicana).

Palazzo del Sultano
Il Museo del Palazzo, noto anche come Palazzo del Sultano, è un bellissimo edificio che un tempo era la residenza dei sultani di Zanzibar. 

Fu costruito alla fine del XIX secolo e presenta una miscela di stili architettonici arabi, indiani ed europei. Il museo espone mostre sulla storia dei sultani, le loro insegne reali e altri manufatti che riflettono la cultura e lo stile di vita dei sultani.




Cattedrale anglicana di Christ Church
La cattedrale anglicana di Christ Church è un importante punto di riferimento a Stone Town. È stato costruito sul sito dell'ex mercato degli schiavi e funge da potente promemoria del passato oscuro della città.

La cattedrale presenta bellissime vetrate colorate, una guglia imponente e un memoriale per le vittime della tratta degli schiavi. È una tappa obbligata per chiunque sia interessato alla storia di Zanzibar e all'abolizione della schiavitù.




Mercato Derajani
Il mercato di Darajani è il mercato più grande e frequentato di Stone Town. È un luogo vivace e colorato che vende un'ampia varietà di prodotti, tra cui prodotti freschi, spezie, abbigliamento e souvenir. La parte più suggestiva è probabilmente la zona dove si vende il pesce e la carne.




Qui potete esplorare gli stretti vicoli e le bancarelle del mercato, contrattare con i venditori e assaggiare alcuni degli snack e del cibo di strada locali. Se volete fare delle foto chiedete sempre prima il permesso.



Museo del mercato degli schiavi

Il Museo degli schiavi di Stone Town serve a ricordare l'oscura storia dell'isola della tratta degli schiavi. Il museo si trova in un ex mercato di schiavi ed espone manufatti e reperti che descrivono in dettaglio le brutali condizioni del commercio, comprese le anguste celle di detenzione in cui venivano tenuti gli schiavi prima di essere venduti.

Il museo evidenzia anche gli sforzi degli abolizionisti e include informazioni sulla lotta in corso contro la schiavitù moderna.


Tempio Indu

Da uno dei tetti di Stone Town, per esempio dalla terrazza del The Swahili hotel, potrete vedere un curioso tempio Indu. A Stone town infatti potete trovare, e visitare un tempio indu posizionato proprio nella storica area di Stone Town .

Il tempio fu costruito all'inizio del XIX secolo ed è dedicato a Lord Shiva, una delle principali divinità dell'induismo. Presenta intricate sculture in pietra e una miscela unica di stili architettonici indiani e dell'Africa orientale. 

Il tempio funge da centro religioso e culturale per la comunità indiana locale e attira anche visitatori da tutto il mondo interessati ad esplorare la ricca storia e il patrimonio culturale di Zanzibar.


Museo di Freddy Mercury

Il Freddy Mercury Museum, noto anche come Zanzibar Museum of History and Culture, si trova a Stone Town, Zanzibar, ed è dedicato alla vita e all'eredità della famosa rockstar Freddie Mercury.

Mercury è nato a Zanzibar e vi ha trascorso l'infanzia prima di trasferirsi in Inghilterra con la famiglia. Il museo è stato aperto nel 1999 per onorare l'eredità di Mercury e per mostrare la ricca storia e cultura di Zanzibar.

All'interno del museo troverete una serie di reperti e manufatti relativi alla vita di Mercury, tra cui fotografie, album, abiti e oggetti personali.

Sono inoltre presenti display interattivi e presentazioni multimediali che esplorano la carriera musicale di Mercury e il suo impatto sul mondo della musica. Oltre alle mostre su Mercury, il museo ospita anche esposizioni sulla storia e la cultura di Zanzibar, tra cui quelle sul passato coloniale dell'isola e sul suo ruolo nel commercio nell'Oceano Indiano.

Una delle mostre più popolari del museo è la replica della camera da letto dell'infanzia di Mercury, ricreata proprio come quando viveva a Zanzibar. In questa casa potrete farvi un'idea di come fosse la vita del giovane musicista prima di diventare famoso.


Le porte

La grandiosità delle porte intagliate di Stone Town vi stupirà. Molte di queste sono costellate di punte in ottone e incise con scene del corano. Le porte di ogni casa indicavano la ricchezza e lo status sociale del proprietario.




Il panorama

Vagare senza meta nei grovigli di vicoli  di Stone Town è uno dei piaceri dell’isola ma anche vedere la città dall’alto è un vero piacere. 
Il Tower Restaurant Top è il miglior punto di osservazione della città , nel ristorante , che viene addobbato con travi in legno , tappeti persiani e tende di seta fluttuanti , si ci può rilassare sui cuscini sorseggiando una birra fredda ed ascoltando musica dal vivo mentre si osserva il tramonto .



Cosa mangiare a Zanzibar

Zanzibar è rinomata per il suo commercio di spezie e per la fusione unica di culture arabe, indiane e africane. L'isola è una delizia gastronomica, che offre una vasta gamma di piatti deliziosi ed esotici che riflettono la sua ricca storia e le diverse tradizioni culinarie. Se è la vostra prima volta in Tanzania e volete provare alcuni piatti tipici assicuratevi di provare questi:

Biryani di Zanzibar: Uno dei piatti più popolari a Zanzibar è il Biryani. È un piatto di riso ricco e speziato che viene spesso servito con carne o verdure. Zanzibari Biryani è una variante unica di questo piatto che utilizza una miscela di spezie come cardamomo, cannella, chiodi di garofano, cumino e curcuma. Di solito è fatto con pollo o manzo e servito con un contorno di insalata o chutney.

Curry di polpo: Zanzibar è famosa per i suoi frutti di mare e uno dei modi migliori per gustarli è provare il curry di polpo. Il piatto è realizzato con polpo fresco che viene marinato in una miscela di spezie e poi cotto nel latte di cocco. Il risultato è un delizioso curry cremoso che viene spesso servito con riso o pane.

Ugali: L'ugali è un alimento base nell'Africa orientale ed è assolutamente da provare a Zanzibar. È un tipo di porridge di farina di mais che viene cotto fino a ottenere una consistenza densa e pastosa. Viene spesso servito con un contorno di carne, verdure o fagioli. L'ugali è un piatto sostanzioso e nutriente, perfetto per chi vuole provare qualcosa di autentico e tradizionale.

Pizza zanzibarina: Se stai cercando qualcosa di unico e delizioso, allora dovresti provare Zanzibari Pizza. È uno street food fatto con una base sottile e croccante e condito con una varietà di ingredienti come formaggio, pomodoro, carne e verdure. La pizza viene cotta in un forno di argilla, conferendole un sapore e una consistenza distinti che sono diversi dalla tradizionale pizza italiana.

Chapati: Chapati è un tipo di focaccia popolare in molti paesi dell'Africa orientale e dell'Asia meridionale. È fatto con farina di frumento, acqua e olio, e poi cotto su una piastra calda. A Zanzibar, Chapati è spesso servito come contorno con curry o stufati.

Zuppa di Zanzibar: La zuppa di Zanzibar è una zuppa deliziosa e nutriente preparata con una varietà di verdure, lenticchie e spezie. Viene spesso servito come antipasto nei ristoranti ed è un ottimo modo per riscaldarsi in una serata fredda. La zuppa è anche un'ottima opzione vegetariana per chi vuole provare qualcosa di saporito e salutare.

Tè di Zanzibar: Infine, non puoi lasciare Zanzibar senza aver provato il loro famoso tè speziato. Il tè è fatto con una miscela di foglie di tè nero, latte e una miscela di spezie come cardamomo, cannella e zenzero. Di solito viene servito con zucchero o miele ed è un ottimo modo per concludere un pasto o riscaldarsi in una giornata fredda.

Zanzibar è un paradiso per gli amanti del cibo, con una serie di piatti deliziosi ed esotici che riflettono la sua ricca storia e le diverse tradizioni culinarie. Dai curry piccanti ai frutti di mare freschi e ai piatti tradizionali come Ugali e Chapati, ce n'è per tutti i gusti.


Prison Island Tour

La breve distanza in barca da Stone Town si trova Prison Island, un tempo utilizzata come centro di detenzione per gli schiavi. 

Oggi l'isola è una riserva naturale dove è possibile vedere tartarughe giganti e godersi le acque cristalline dell'Oceano Indiano. Potete anche fare una visita guidata alla storia dell'isola e vedere le rovine della vecchia prigione.


Il sale della vita: piantagioni di Zanzibar

Non puoi venire in quest'isola delle spezie e non visitare almeno una piantagione. 

Fai un giro in bicicletta (lovezanzibar.com) nelle fattorie di spezie attive e intreccerai palme e alberi di cocco: un altro motivo per indossare il casco da ciclista! – dove aromi di vaniglia, citronella, cardamomo e chiodi di garofano profumano l’aria.




Visitare l'isola di Pemba

Circa 30 miglia a nord dell'isola principale si trova Pemba, un mosaico di lagune e foreste primordiali complete di piantagioni di cocco, mango e chiodi di garofano. 

I dhow salpano ancora da qui verso il Kenya e il Mozambico, proprio come facevano secoli fa.

 Dopo una visita al Museo Pemba, ospitato in un forte arabo del XVIII secolo nella capitale, Chake Chake, dirigiti alla distilleria di olio di chiodi di garofano ZSTC, dove potrai fare scorta di oli essenziali di citronella e cannella.

Pemba è l'ideale per i subacquei, grazie al Canale di Pemba, che raggiunge una profondità di oltre 2.000 metri. I ricchi giardini di corallo della costa occidentale sono il posto migliore per incontrare labridi dai colori vivaci, gorgonie, mante e squali pinna argentata in pattuglia (lunghi da 6 a 10 piedi e molto curiosi, ma non temuti dai subacquei più esperti).

Vumawimbi, a nord della riserva forestale Ngezi di Pemba, è una delle spiagge di sabbia bianca più lunghe dell'Africa orientale.



Mafia Island: spiagge bianche, pesca e immersioni con gli squali balena

Non lasciarti scoraggiare dal nome. L'isola di Mafia, 120 miglia a sud di Unguja, è semplicemente un'isola semi deserta.




Questa base commerciale, un tempo trafficata, ora attira solo un rivolo di visitatori, attratti dalla sua serie di spiagge bianche. Senza strade asfaltate, il modo per spostarsi è con un taxi 4×4, un tuk-tuk o un montacarichi su una moto.

Mafia è il centro della più grande area marina protetta dell'Oceano Indiano: un paradiso sottomarino di 317 miglia quadrate, dotato di 400 specie di pesci e 48 tipi di coralli. 



Squali nutrice e razze frequentano queste acque e troverai anche pesci pappagallo gobba, pesci pipistrello giganti, anemoni di mare e coralli molli. 

A poche centinaia di metri dalla costa, vicino al porto di Kilindoni, puoi fare snorkeling con gli squali balena da ottobre a marzo, mentre le megattere migrano qui ad agosto.







NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -