CASABLANCA - MARRAKECH - PUNTI SALIENTI DELLA CITTÀ ROSSA

 Splendide moschee e giardini, una medina splendidamente conservata, il deserto del Sahara a pochi passi di distanza... 

Marrakech non è solo il principale centro culturale del Marocco, ma è anche diventata una delle destinazioni più popolari del paese.


Marrakech fu fondata per la prima volta nel 1062 da Yusuf ibn Tashfin, leader dell'impero Almoravide e una delle figure più importanti del Marocco. Non solo stabilì Marrakech come capitale del paese, ma diffuse anche la religione islamica in tutto il Maghreb e nella Spagna musulmana. 

Nel 1147, un nuovo movimento religioso chiamato Almohadi e formato da berberi provenienti dall'Alto Atlante, si impadronì della città comandata dal califfo Abd al-Mu'min. Ordinò la costruzione di due moschee, poiché sosteneva che le moschee di Marrakech non erano orientate correttamente. Una di queste moschee è la famosa Moschea Koutoubia, ispirata all'architettura di Al-Andalus nell'odierna Spagna meridionale. 

La città fu dimenticata durante la dinastia Marinide nel 13° secolo, quando la capitale fu trasferita a Fes per oltre due secoli. Fu solo nel XVI secolo che i Saadiani restituirono la capitale a Marrakech e la città fiorì ancora una volta con la costruzione della Moschea Bab Doukkala, della Madrasa di Ben Youssef e delle Tombe Saadiane. 

La città divenne un centro di interesse nel corso del 20° secolo, quando francesi, spagnoli e portoghesi presero il controllo del Marocco grazie alla sua posizione privilegiata come porta verso l'Africa. La città passò di mano più volte finché il paese non ottenne l'indipendenza nel 1956. 

Nel 1911 la capitale fu nuovamente trasferita, questa volta a Rabat. Tuttavia, Marrakech rimane una delle città più importanti del paese, soprattutto grazie alla sua forza economica e turistica. 



La Medina (il vecchio quartiere arabo), è il posto migliore per iniziare ad esplorare la città. La prima tappa della giornata è  Piazza Jemaa el-Fna , il principale centro di attività della città.

L'ampiezza della piazza è davvero affascinante. Piena di bancarelle di cibo e frutta, ristoranti con terrazze che si affacciano sulla piazza, venditori ambulanti, incantatori di serpenti e quasi tutto ciò che puoi immaginare, la piazza è sempre piena di vita.

Ma è di notte che Jemaa el-Fna si sveglia davvero. Tutta la gente del posto si reca in piazza dopo il tramonto per gustare qualcosa da mangiare insieme. La piazza è anche uno dei principali punti d'incontro per la gente del posto, quindi puoi sentirti davvero immerso nella cultura marocchina mentre passeggi per la piazza.

Se hai paura dei serpenti o non sei un grande fan delle scimmie, sii molto vigile!



Su uno dei lati di Jemaa el-Fna e non troppo lontano vedrai la Moschea Koutoubia , la più grande moschea della città. 

La piazza e la moschea sono collegate da un'ampia strada piena di carrozze a cavalli che cercheranno insistentemente di portarvi a fare un giro. Consiglierei di evitare di camminare in mezzo se si vuole evitare gente del posto molto insistente e un odore di cavallo non proprio gradevole.




Chiusa ai turisti, la moschea è uno dei principali punti religiosi di Marrakech. La sua torre minareto di 77 metri, ispirata ad altri edifici come la Giralda di Siviglia (Spagna), risalta nei giardini circostanti. La moschea è riccamente decorata con curve, archi e ceramiche in tipico stile moresco.

La moschea è costruita sulle rovine della fortezza di Abu Bakr ibn Umar , costruita nel 1070. Parte di queste rovine sono ancora visibili oggi, insieme a parte della monumentale porta in pietra del palazzo di Ali ibn Yusuf , costruito nel 1226 e successivamente distrutto dagli Almohadi. quando iniziarono a costruire la nuova moschea.


Dirigiti per le strade tortuose della medina fino a raggiungere Place Moulay el Yazid , un tempo piazza reale almohade prima che fosse presa dai Saadiani e dagli Alaouiti. 

La moschea situata nella piazza risale alla fine del XII secolo. Restaurata più volte nel XVI secolo, poi nel XVIII e ancora all'alba del XXI secolo, rivaleggia in bellezza con la Moschea Koutoubia. 

La moschea è notevole per il suo design a forma di T, il cortile e i cortili all'aperto, il minareto ornato e il bellissimo pulpito. Come tutte le moschee del Marocco, non è aperta ai turisti.




Dietro l'angolo della Moschea Moulay El Yazid, nella parte settentrionale del quartiere Almohad Kasbah, si raggiungono le Tombe Saadiane . Il biglietto d'ingresso costa 70 dirham (circa 7 €)

L'accesso principale a questa necropoli della famiglia reale saadiana avveniva attraverso la moschea adiacente, ma nel 1917 fu aperto un nuovo ingresso nell'angolo sud-ovest, che conduceva ad uno spazio all'aperto occupato da un cimitero e da un giardino, chiuso a est e a sud da un muro interno fiancheggiato da torri.

Il nucleo di questa necropoli fu eretto dal sultano Abdallaah Al-Ghalib nel 1557 per ospitare la tomba di suo padre Muhammad Shaykh, il fondatore della dinastia Saadiana. 



La sala centrale, conosciuta come Camera delle Dodici Colonne , è un'elaborata sala sotto una cupola poggiante su quattro gruppi di tre pilastri in marmo di Carrara. Sostengono un soffitto in legno di cedro scolpito, decorato con grandi archi muqarna il cui design ricorda il padiglione orientale della madrasa Qarawayyin a Fes, probabilmente costruita nello stesso periodo. 



Il primo insieme si completa con la Camera delle Tre Nicchie , coperta da un soffitto in legno di cedro intagliato.

Questo capolavoro di architettura funeraria attinge indiscutibilmente alle necropoli delle dinastie precedenti, in particolare quelle dei Merinidi a Fes e Chellah. 

Inoltre, l'artigianato in tutto il complesso, come si vede negli stucchi, nelle ceramiche e nel soffitto in legno di cedro intagliato, è molto simile allo stile ispano-maghrebino, in particolare all'arte Nasride immortalata nell'Alhambra di Granada. 



Costruito dal sultano saadiano Ahmed el Mansour nel corso del suo regno (1578-1603), il Palazzo El Badi è un altro incomparabile punto di interesse di Marrakech. Il biglietto costa 70 dirham (circa 7€)

Destinato alle festività e alle udienze ufficiali con il sovrano, ospitò innumerevoli ambasciatori stranieri, visitatori illustri, saggi e poeti. 

Tutti rimasero colpiti dall'altezza e dallo spessore delle sue mura, dalla sontuosità dei suoi arredi, dalla grandezza delle sue piscine e dalla rigogliosa vegetazione. Intorno al suo immenso cortile, quattro grandi padiglioni sono sostenuti da colonne di marmo e ornati con piastrelle a mosaico, intonaco scolpito e legno finemente dipinto. 

Purtroppo lo stato di conservazione attuale è piuttosto scadente e la maggior parte degli edifici all’interno di Palazzo Badi sono piuttosto decadenti. Se hai poco tempo, personalmente non consiglierei una visita all'interno.



Contrariamente al Palazzo Badi, che ho trovato piuttosto deludente, il Palazzo Bahia è stata una delle costruzioni più impressionanti che ho visto a Marrakech. Il biglietto d'ingresso costa solo 10 dirham (circa 1 €).

Il palazzo contiene una collezione di cortili, giardini, saloni e annessi, tutti uguali nella loro bellezza, splendore architettonico e ambiente circostante. Puoi facilmente passare qualche ora all'interno!




Il suo nome significa “magnifico”, e lo è davvero. Con i suoi quasi due ettari, è uno dei palazzi più grandi della medina. Fu costruito dal gran visir Ahmed Ben Moussa, noto come Ba Hmad, che ne ordinò la costruzione dal 1894 al 1900. 


Il palazzo è composto da un ampio cortile d'ingresso con enormi alberi, un piccolo riad (abitazione tradizionale) circondato da stanze e nicchie, un piccolo cortile all'aperto con stanze che ospitano gli alloggi padronali, nonché il cortile principale e la sua magnifica sala riunioni .

Il palazzo è interamente decorato con zellij (mosaico) e intonaco e legno finemente scolpiti e dipinti. 


Puoi concludere la giornata di visite turistiche visitando la Madrasa di Ben Youssef , situata non troppo lontano dal Palazzo Bahia. Il biglietto d'ingresso costa 60 dirham (circa 6 €).  

La madrasa è un'ex scuola islamica che oggi funziona solo come sito storico. La scuola fu fondata durante la dinastia Marinide, ma l'edificio attuale fu costruito nel XVI secolo. 

Serviva come un importante centro di apprendimento e di culto, essendo la scuola più grande dell'epoca. Oltre 800 studenti frequentavano la scuola per imparare la legge coranica e islamica, nonché la letteratura, la storia e la scienza.

La madrasa venne chiusa nel 1960, quando divenne un sito storico


Ma sulla via del ritorno puoi ancora goderti una delle mie parti preferite dell'esplorazione di Marrakech: perdermi nella Medina. Strade tortuose, mercati che riempiono l'aria di spezie e profumi locali... tutti i tuoi sensi esploderanno mentre passeggi per il centro storico!

La medina di Marrakech è molto meglio conservata che in molte altre città del Marocco, con strade asfaltate molto più pulite rispetto a Fes o Tangeri. Sono sicuro che esplorare la medina sarà un'avventura affascinante che non dimenticherai mai!



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -