MUMBAI - ATTRAZIONI E SUGGERIMENTI PER ESCURSIONI IN AUTONOMIA



MUMBAI - ATTRAZIONI E SUGGERIMENTI PER ESCURSIONI IN AUTONOMIA

Mumbai, sette isole, 22 milioni di abitanti, la più popolosa città dell’India, capitale finanziaria e del Maharashtra. Un insieme di contrasti sovrapposti

Mumbai è una delle città più frenetiche e pazze in cui potresti mai trovarti. È cruda, rumorosa e inquinata. 

Le navi attraccano al Mumbai Port Trust , il Terminal è stato ristrutturato tra il 2018/2019 per offrire servizi di ristorazione e shopping. 

  • Occorre prendere a navetta obbligatoria dallo sbarco nave al terminal. 
  • All'esterno trovate i  taxi. Contrattate perchè vi offriranno di tutto a tutti i prezzi possibili e poi cercheranno di farsi dare qualcosa in più di quanto concordato.  Per due ore ce la potete fare tranquillamente con 10/15 euro al massimo.
Tutte le uscite fanno riferimento a un colore. Cerca di ricordare di che colore è il cancello da cui devi entrare per rientrare nel porto. Se attracchi al terminal passeggeri molto probabilmente utilizzerai l'uscita Green Gates. E sì, i cancelli sono verdi.


Le grandi navi da crociera attraccano al Ballard Pier dove c'è un terminal crociere con alcuni piccoli negozi e un cambio valuta. 
È una breve passeggiata fuori dal porto fino al Green Gate dove puoi prendere un taxi per meno di quelli che aspettano al terminal. Se il molo è occupato, è possibile utilizzare il molo adiacente a nord. 

Tuttavia, per raggiungere a piedi il Cancello Verde sarà necessario attraversare la chiusa e potrebbero essere fornite delle navette che dovranno percorrere tutto il giro del porto per lasciarti allo stesso cancello.

Il terminal è situato a Ballard Pier (BPX) a 5-10 minuti di distanza in auto dal Taj Mahal Hotel, dal museo, dalle gallerie d'arte, dal CBD di Fort, da Colaba Causeway, da Nariman Point e Marine Drive.  

 Il tanto atteso Terminal Crociere Internazionale di Mumbai sarà pronto e reso operativo per accogliere crocieristi da tutto il mondo entro il 2024




Scoprire Mumbai 

Gateway of India 

Il monumento più popolare a Mumbai. La Porta dell'India risale al 1924 e commemora la visita del re Giorgio V e della regina Maria. Il monumento è un simbolo dell'era Raj britannica. Situato a pochi passi dal terminal delle crociere di Mumbai, di fronte al Tower Hotel e al Taj Palace.



 Chhatrapati Shivaji Maharaj Vastu Sangrahalaya

Se ami visitare musei e manufatti del passato della città, allora il Chhatrapati Shivaji Maharaj Vastu Sangrahalaya a Mumbai è assolutamente da visitare. Situato sullo sfondo del sud di Mumbai, molto trafficato e urbano, il Museo riesce a portare i suoi visitatori lontano dal caos circostante. Nel mezzo di un giardino mozzafiato, l'edificio in stile indo-saraceno sembra incantevole.

Costruito all'inizio del XX secolo, il Chhatrapati Shivaji Maharaj Vastu Sangrahalaya fu costruito in onore del re Giorgio V, allora principe di Galles. La prima pietra fu posta dal Principe di Galles l'11 novembre 1905. Ci vollero 9 anni per completare l'edificio, dopodiché fu utilizzato dai militari come ospedale. Fu solo nel 1922 che i locali furono finalmente dichiarati museo e aperti al pubblico.

Il Museo è uno dei più belli del paese e vanta una vasta collezione di manufatti che vanno dalla civiltà della valle dell'Indo alle reliquie di imperi fiorenti come Rastrakutta, Gupta, Maurya, Chaluka e, naturalmente, l'era Mughal.



 Biblioteca David Sassoon

Mumbai è una grande metropoli con una storia che risale a diversi secoli fa. Una lunga passeggiata nel sud di Mumbai ti farà conoscere la brillante combinazione di persone, patrimonio e storia della città. 

Sebbene la città sia piena di edifici in stile urbano, complessi residenziali e grattacieli, ha ancora una buona dose di edifici monumentali, luoghi storici e meraviglie architettoniche. Uno di questi posti che incontrerai mentre esplori la città è la Biblioteca David Sassoon.



Costruito nel 1870, è uno dei tanti siti della città protetti e considerati patrimonio dell'umanità. La Biblioteca è un fantastico edificio in stile gotico veneziano, con un fascino rustico unico che ti riporta all'era del bianco e nero. 

Nel mezzo del trambusto della città, la Biblioteca si distingue per la sua semplicità e il suo aspetto modesto. L'edificio fu costruito dopo aver ricevuto assistenza da un ricco banchiere di nome Sir David Sassoon. Il suo contributo di una somma di Rs. 60.000, ha dato il nome alla Biblioteca. 

Tuttavia, l'idea iniziale della Biblioteca è nata da un gruppo di giovani meccanici e caposquadra, che volevano creare un centro educativo che esponesse vari modelli meccanici. Oggi, oltre alla Biblioteca che ospita una collezione di libri rari, l'edificio vanta anche un museo che vale la pena visitare.


 Hutatma Chowk

Se ami esplorare la diversità culturale e il patrimonio di Mumbai, una di queste aree che vale la pena visitare a piedi è l'Hutatma Chowk.

Conosciuto per il suo passato sanguinoso, l'Hutatma Chowk è stato il terreno fertile per l'idea di uno stato indipendente del Maharashtra. A commemorare questo evento c'è una statua di un martire con una torcia, che ricorda alla gente la sanguinosa lotta del 1960 tra i membri del Samyukta Maharashtra Samiti e il governo indiano, che portò allo stato indipendente del Maharashtra.

Il Chowk è noto anche per un altro monumento, la Flora Fountain. Decorata, immacolata e senza tempo, la fontana Flora domina questo quartiere da oltre due secoli. Costruita nel 1864, la Fontana fu costruita in onore dell'allora governatore di Bombay, Sir Bartle Frere. Scolpita nella pietra, la fontana è stata progettata da Norman Shaw e creata da James Forsythe. Rappresentando Flora, la dea dell'abbondanza, la fontana fu costruita dalla Agri-Horticultural Society of Western India.

A parte la statua e la fontana, l'intera area è piena di edifici e strutture costruite durante la colonizzazione britannica del paese. Assolutamente da visitare quando si è a Mumbai.



Via della moda

Lo shopping a Mumbai è al culmine in Fashion Street. I visitatori possono fare acquisti in uno dei centinaia di stand che vendono abbigliamento, tessuti, gioielli e accessori.

La strada è famosa per gli affari a buon mercato su tutti gli articoli. Anche l'abbigliamento di marca è abbondante. Una cosa che gli acquirenti non troveranno sono i cartellini dei prezzi. Con poche eccezioni, i prezzi vengono quotati con l'aspettativa di contrattazione.

I turisti troveranno anche molto cibo in Fashion Street. Possono fermarsi da un venditore ambulante per uno spuntino o fare un salto in un ristorante per un delizioso pasto a base di cucina locale.

La moda si trova sul Mahatma Gandhi tra Cross Maidan e Azad Maidan. È a pochi passi da numerosi siti turistici famosi come Flora Fountain e la Cattedrale di San Tommaso.

I venditori di Fashion Street aprono i loro stand tutti i giorni alle 11:00. Rimangono aperti fino alle 20:00. Coloro che visitano nei fine settimana condivideranno lo spazio con un gran numero di gente del posto e turisti. Si possono trovare buoni affari indipendentemente da quando visiti.


Victoria Terminus

Il Chhatrapati Shivaji Terminus a Mumbai è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 2004 ed è davvero un'icona della città. Situata nella zona di Bori Bunder è la stazione ferroviaria più trafficata dell'India. 

Il suo edificio, progettato dall'architetto britannico Frederick William Stevens, fu costruito nell'arco di 10 anni a partire dal 1878 e fu inaugurato in occasione del giubileo d'argento dell'imperatrice Vittoria nel 1887. Precedentemente noto come

Victoria Terminus, l'edificio era destinato a ospitare gli uffici amministrativi di la Great Indian Peninsula Railway, ma ora funge da quartier generale delle Ferrovie Centrali. Per onorare il grande guerriero Maratha, Shivaji, il capolinea è stato ribattezzato Chhatrapati Shivaji Terminus dal Ministero delle Ferrovie nel 1996. Il capolinea è utilizzato da oltre 3 milioni di pendolari ogni giorno.

Il capolinea è una miscela perfetta di architettura neogotica indiana e vittoriana all'italiana. Archi a sesto acuto, torrette che ancorano le 4 ali d'angolo, ringhiere ornamentali in ferro e ottone, balaustre per le grandi scalinate, tetto neogotico nell'atrio e una cupola centrale con nervature a coda di rondine sono alcuni dei punti salienti architettonici di questo edificio storico.

In cima al cancello d'ingresso si vede un interessante simbolo della Gran Bretagna e dell'India sotto forma di una scultura in pietra di un leone e una tigre. Un simbolo del progresso è visto sotto forma di una statua alta 4 metri di una figura femminile che tiene una ruota a raggi nella mano sinistra e una torcia nella destra, in cima alla cupola centrale ottagonale a coste con germogli d'acqua a forma di animale.


 Mercato di Crawford

Nessuna visita ad una città è completa senza visitare i suoi mercati più antichi e affollati, e se hai voglia di avventura, non c'è posto come Crawford Market. Situato nel sud di Mumbai, il mercato di Crawford è un luogo pieno di vita e intriso di una miscela propria di panorami, suoni e profumi.

Distribuito su un'area di 22.471 metri quadrati, il mercato è pieno di venditori di frutta e verdura insieme a negozi di lusso che vendono merci importate e animali domestici esotici. È qui che si può veramente apprezzare l'essenza della città e la regolare routine dei suoi abitanti.

Costruito nel 1869, il mercato principale è stato progettato da Lockwood Kipling, padre del famoso romanziere Rudyard Kipling. Vantando uno stile architettonico normanno e fiammingo, l'edificio è una brillante aggiunta di architettura occidentale allo skyline di Mumbai. Un fatto interessante del mercato di Crawford è che è stato il primo edificio in India ad essere illuminato dall'elettricità.

Prende il nome dal primo commissario municipale di Bombay, Arthur Crawford, l'edificio fu donato allo stato da Sir Cowasji Jehangir, 2° baronetto, un ricco industriale indiano. Sii ben preparato, perché questo posto è un mercato in tutti i sensi della parola.


Jumma Masjid 

Il modo perfetto per esplorare qualsiasi città è a piedi e Mumbai non fa eccezione. Il sud di Mumbai, in particolare, è disseminato di monumenti storici e musei che aiutano a comprendere meglio le origini, la complessa storia e cultura della città. Ma per diverse ragioni, solo alcuni di essi hanno raggiunto lo status e sono trattati come monumenti storici. Gli altri sono riusciti a passare in secondo piano, hanno perso la propria identità e di conseguenza si sono confusi con l'ambiente circostante.

Uno di questi posti è il Jumma Masjid. 

Questo antico monumento esiste dal XVIII secolo. Si dice che il Masjid fosse inizialmente situato vicino al mercato di Crawford, ma fu distrutto e costruito a Esplanade solo per essere distrutto ancora una volta su ordine del governatore William Hornby, che non voleva alcun edificio entro 600 metri dall'area del forte. La sede della Moschea fu poi spostata nella sede attuale e la costruzione iniziò nel 1775. Ci vollero quasi 25 anni prima che la moschea fosse completata.

Conosciuta anche come Friday Masjid, la moschea è sotto l'amministrazione della comunità musulmana Kokni di Mumbai. Una visita definitiva quando ti trovi nella città di Mumbai.


Dhobi Ghat

Uno spazio senza tempo, la più grande lavanderia a cielo aperto del mondo.

Dove in otto chilometri quadrati per poche rupie ogni giorno vengono lavati 750.000 capi da circa 8.000 lavoratori, per lo più uomini, che ritirano, lavano e consegnano a mano i panni di privati, alberghi, ospedali, uffici, industrie. 

Alle spalle, i grattacieli del futuro e, tra le baracche, un numero impressionante di vasche, mentre i panni, stesi ovunque, formano una disordinata selva colorata.



Kala Ghoda Art Precinctl

La statua del cavallo nero indica il centro culturale di Mumbai. L'area comprende i migliori musei e gallerie d'arte della città. Evento interessante a febbraio è il Kala Ghoda Arts Festival.


Il quartiere residenziale sulla collina di Malabar, dove vive la crème cittadina, ha lussureggianti giardini pensili e un luogo dove i pharsi porgono agli avvoltoi sulle Torri del Silenzio i cadaveri dei loro cari.



I principali siti religiosi di Mumbai (autoguidati), Mumbai

Le sette isole che costituiscono Mumbai ospitavano originariamente le comunità del popolo Koli di lingua marathi, la cui religione principale è l'induismo. Sotto il dominio imperiale Mughal, Mumbai iniziò ad adottare l'Islam, quindi oggi circa il 20% della popolazione locale è musulmana.

Quando i portoghesi presero il controllo della città nel 1534, applicarono attivamente l'ordine cattolico romano, seguiti successivamente dagli inglesi che continuarono a diffondere il cristianesimo in tutta l'area. Nel 1832, gli ebrei che sfuggivano al processo a Baghdad si stabilirono nella città.

Di conseguenza, oggi a Mumbai diverse religioni convivono pacificamente fianco a fianco. Qui puoi trovare un tempio splendidamente costruito per la dea Mumba Devi, una storica moschea musulmana e una cattedrale cattolica del XVIII secolo, nonché una sinagoga ebraica ortodossa di oltre 130 anni.

 Tempio Mumba Devi

La città di Bombay solo di recente è stata ribattezzata Mumbai. Il nome Mumbai deriva dalla dea Mumba Devi, la dea protettrice della città. Il suo tempio è visitato quotidianamente da molti devoti e turisti interessati alla storia della città.

A prima vista, il tempio non sembra così straordinario. Tuttavia, sono la storia e i racconti legati al luogo a rendere questo tempio davvero speciale. Si ritiene che Mumba Devi sia il principale patrono della tribù Koli, i primi abitanti dell'isola di Bombay. Inizialmente il tempio si trovava nel luogo dove ora si trova il Chhatrapati Shivaji Terminus (precedentemente noto come Victoria Terminus), ma gli fu ordinato di essere spostato a Bhuleshwar, il cuore del mercato dell'abbigliamento e dell'acciaio della città.

A parte la storia del luogo, sono le storie legate al luogo che rendono questo tempio unico nel suo genere. La leggenda narra che gli abitanti della zona fossero tormentati dal demone gigante Mumbaraka, che saccheggiava costantemente la città. Gli abitanti pregarono il Signore Brahma, il Creatore secondo la mitologia indù, che benedisse il villaggio con una dea a otto braccia che sconfisse il demone. Da allora esiste un tempio in onore di Mumba Devi. Si ritiene che l'attuale edificio del tempio sia stato costruito all'inizio del XVII secolo.


Jumma Masjid 

Il modo perfetto per esplorare qualsiasi città è a piedi e Mumbai non fa eccezione. Il sud di Mumbai, in particolare, è disseminato di monumenti storici e musei che aiutano a comprendere meglio le origini, la complessa storia e cultura della città. Ma per diverse ragioni, solo alcuni di essi hanno raggiunto lo status e sono trattati come monumenti storici. Gli altri sono riusciti a passare in secondo piano, hanno perso la propria identità e di conseguenza si sono confusi con l'ambiente circostante.

Uno di questi posti è il Jumma Masjid. Questo antico monumento esiste dal XVIII secolo. Si dice che il Masjid fosse inizialmente situato vicino al mercato di Crawford, ma fu distrutto e costruito a Esplanade solo per essere distrutto ancora una volta su ordine del governatore William Hornby, che non voleva alcun edificio entro 600 metri dall'area del forte. La sede della Moschea fu poi spostata nella sede attuale e la costruzione iniziò nel 1775. Ci vollero quasi 25 anni prima che la moschea fosse completata.

Conosciuta anche come Friday Masjid, la moschea è sotto l'amministrazione della comunità musulmana Kokni di Mumbai. Una visita definitiva quando ti trovi nella città di Mumbai.


 Cattedrale di San Tommaso

La Cattedrale di San Tommaso, situata a Mumbai, è una chiesa cattedrale che esiste da 300 anni. Serve come chiesa principale della diocesi di Mumbai all'interno della Chiesa dell'India settentrionale. La cattedrale è dedicata a San Tommaso Apostolo, che tradizionalmente si ritiene abbia introdotto il cristianesimo in India. 

Situato nell'Horniman Circle, storicamente significativo a Mumbai, è situato vicino a famosi punti di riferimento come Flora Fountain e Bombay House. Questa cattedrale detiene il primato di essere la chiesa più antica di Mumbai ed è affiliata alla Cattedrale e alla John Connon School.

La prima pietra della chiesa fu posta inizialmente nel 1676, anche se fu ufficialmente consacrata al servizio divino solo nel 1718. La Cattedrale di San Tommaso detiene il primato di essere la prima chiesa anglicana a Mumbai, allora conosciuta come Bombay, situata all'interno delle fortificazioni britanniche. insediamento. 

È un punto di riferimento notevole nel sud di Mumbai e si colloca tra le chiese più antiche dell'India. La Cathedral and John Connon School, fondata nel 1860, fu creata principalmente per fornire coristi alla chiesa. La scuola utilizza la cattedrale per vari eventi, tra cui il servizio del Giorno del Fondatore che si tiene il 14 novembre di ogni anno, il servizio natalizio che precede le vacanze di Natale e altre occasioni speciali.

Orari di apertura:
Lunedì - Domenica: 7:00 - 15:00.


Sinagoga Keneseth Eliyahoo

La Knesset Eliyahoo, conosciuta anche come Knesset Eliyahu, è una sinagoga nel centro di Mumbai con legami con l'ebraismo ortodosso. Detiene il primato di essere la seconda sinagoga sefardita più antica della città. La storia della sinagoga risale al 1884 quando fu fondata da Jacob Elias Sassoon. 

Era il figlio di Eliyahoo David Sassoon e il nipote di David Sassoon, che era fuggito dalla persecuzione religiosa a Baghdad nel 1832 e si era stabilito a Mumbai (ex Bombay). La sinagoga è gestita dal Jacob Sassoon Trust, che fonde l'eredità ebraica con le influenze architettoniche coloniali indiane e inglesi.

Il progetto architettonico della sinagoga è stato realizzato dallo studio britannico Gostling & Morris di Bombay. La struttura è caratterizzata da basamento in muratura di pietra e sovrastruttura in muratura di mattoni. 

La facciata esterna della sinagoga è dipinta in un sorprendente colore turchese, che la porta ad essere colloquialmente conosciuta come la "Sinagoga Blu di Mumbai". È interessante notare che originariamente non era blu; la trasformazione al suo colore bianco originale con vivaci bordi indaco è avvenuta durante un progetto di restauro nel 2018-19, supervisionato dall'architetto conservatore Abha Narain Lambah.

All'interno della sinagoga troverai pilastri riccamente decorati e il santuario è orientato a ovest, verso Gerusalemme. La bimah, dove si svolgono letture e cerimonie, è fiancheggiata da strutture in marmo splendidamente scolpite. Sopra di esso c'è un alto arco in vetro colorato che si estende fino al soffitto. 

Le adoratrici prendono posto in una galleria al piano superiore. La sinagoga contiene rotoli della Torah, libri religiosi in custodie d'argento di proprietà della famiglia Sassoon, aule scolastiche e per riunioni e un mikveh (piscina per immersione rituale) al piano terra. L'edificio necessita di restauro della scala, delle finestre, dei balconi in legno, del soffitto, delle pareti e del tetto.


Cattedrale del Santo Nome

La Cattedrale del Santo Nome,, è la sede dell'arcidiocesi cattolica romana di Bombay. È anche la sede dell'arcivescovo di Bombay.

La cattedrale in stile neogotico fu completata nel 1905 dopo tre anni di costruzione. L'interno della cattedrale è adornato da un altare maggiore in marmo con una statua di Gesù a grandezza naturale. Sull'altare c'è anche un'immagine della Vergine Maria.

Le pareti e il soffitto della Cattedrale del Santo Nome sono decorati con affreschi. Sia all'interno che all'esterno si possono ammirare numerose vetrate colorate. La cattedrale offre un campanile con guglie ottagonali alte 130 piedi. La Cattedrale del Santo Nome è stata dichiarata edificio storico nel 1998.

La chiesa può essere visitata in qualsiasi momento, indipendentemente dalla fede religiosa del visitatore. L'ufficio della chiesa è aperto nei giorni feriali dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 18:00.


La collina di Malabar


Malabar Hill è il punto più alto nel sud di Mumbai e la zona residenziale più esclusiva della città, sede di numerose star del cinema e magnati degli affari. È anche la sede di numerose attrazioni importanti.


Tra questi ci sono i giardini pensili, giardini terrazzati arroccati in cima alla collina di Malabar con una splendida vista del tramonto sul Mar Arabico. Il tempio Walkeshwar Mandir è un santuario dedicato al dio indù Shiva. Secondo una leggenda, il carro armato Banganga accanto al tempio fu creato dal dio indù Rama quando scoccò una freccia in questo punto.

Malabar Hill è nota per le viste panoramiche, l'architettura storica e le residenze di lusso. 




L' escursione più bella è senza dubbio quella all’Isola di Elephanta (a circa 30 km da Mumbai)

  • per raggiungerla vi sarà sufficiente prendere il traghetto che partirà dal porto che si trova nelle prossimità dell'Hotel Taj Mahal.
  • Una volta approdati, un trenino sferraglia rumoroso fino all’inizio dei 120 gradini costellati di bancarelle che conducono alle gigantesche grott.
  • Qui, dal 500 al 700 d.C., fu scavato e scolpito, in un blocco di basalto sporgente, un tempio rupestre dedicato a Shiva.

Se decidete di inserire l'isola di Elephanta nel vostro itinerario non potete non essere a conoscenza di un'ultima divertente curiosità.

  • Oltre all'aspetto culturale importante questi luoghi incantevoli, ricchi di storia e religione, sono popolati da piccole specie di scimmie che non hanno alcun timore di entrare in contatto con gli esseri umani.
NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -