USHUAIA - ARGENTINA - IL PORTO CROCIERA - ESCUSIONI DA NON PERDERE -

Ushuaia si trova alla fine della Patagonia meridionale, è la punta meridionale dell'Argentina, la fine del mondo o come alcuni lo chiamano: l'inizio di tutto. 


Il porto di Ushuaia conduce direttamente al quartiere dello shopping del centro, dove la colorata architettura in stile europeo crea un luminoso momento di sollievo visivo contro le circostanti Montagne Martial. 

La prima tappa per chi naviga verso l'Antartide dovrebbe essere il centro informazioni turistiche, non per opuscoli o portachiavi con pinguini, ma per i timbri sui passaporti che confermano le visite al Continente Bianco. 

Oltre il centro informazioni, cammina per un isolato fino al Paseo de los Artesanos, un mercato coperto e un laboratorio dove gli artigiani locali espongono gioielli fatti a mano, indumenti di lana e le tradizionali zucche yerba maté. 

Passeggia nell'affollata Avenida San Martín sulla strada per il Museo Marittimo , situato all'interno dell'ex prigione di questa ex colonia penale. Una galleria di dipinti argentini illustra i legami della regione con il mare, mentre una canoa di corteccia Yámana ricostruita rende omaggio al popolo che per primo chiamò casa la provincia. 

Modellini di navi e filati da pesca creano l'atmosfera per il banchetto di frutti di mare della giornata: Ingrid Borgas, una virtuosa consulente di viaggio con sede a Perth che ha visitato Ushuaia due volte, consiglia la paella dell'accogliente Casa de los Mariscos , un negozio rosa brillante sulla via principale dello shopping.




Il Parco Nazionale della Terra del Fuoco

Navette, taxi e locomotive d'epoca collegano a intervalli regolari al parco, sede dell'ufficio postale alla fine del mondo. La capanna composta da una sola stanza, riscaldata da una stufa a legna nelle giornate fresche, vende cartoline e francobolli come certificazione di arrivo nel Canale di Beagle.

Più all'interno del parco, nei punti panoramici dal Lago Acigami e dalla Baia di Lapataia – che è anche il capolinea della Panamericana di quasi 19.000 miglia – le torbiere e i boschi di faggi battuti dal vento ricordano i boschi spogli del nord Europa. 

I frutti di mare del Canale di Beagle sono i protagonisti del Kaupé Restaurant , a conduzione familiare , un locale con tovaglie bianche in cima a una collina con vista spettacolare sulla baia. Lo chef Ernesto Vivian realizza preparazioni semplici accentuate da colate di viognier Lagarde di Mendoza. Scegli il menu degustazione per assaggiare entrambi i piatti imperdibili di Ushuaia: granchio reale, servito con limone e pomodoro, e branzino della Patagonia al cartoccio . 

SUGGERIMENTI: Per belle foto della baia, vai all'Aeroclub di Ushuaia, a sud attraverso la baia dal molo delle navi da crociera, o vai al cartello Ushuaia sul lato occidentale di Bahia Encerrada nel centro di Ushuaia .







Ushuaia si trova al 55º parallelo Sud, nell’emisfero australe, dove le stagioni sono invertite rispetto alle nostre. Al contrario delle zone artiche, nei giorni vicini al solstizio d’inverno durante la notte il Sole non scende mai più di 12 gradi sotto l’orizzonte. Questo significa che è possibile intravedere un po’ di luce durante la notte e le giornate sono davvero molto lunghe. Di contro, in inverno le giornate sono molto corte e buie.

Essendo la capitale della provincia della Terra del Fuoco, dell'Antartide e delle Isole dell'Atlantico meridionale, Ushuaia non offre solo paesaggi di valli glaciali, torbiere e antiche foreste. La città ti offre tour urbani e luoghi per goderti la cultura, la gastronomia e così approfondire la storia di questo mitico angolo del mondo.

Il ghiacciaio Martial è un esempio dell'immediatezza degli ambienti naturali in città. In meno di 10 minuti si arriva a un sentiero di montagna, sulla sponda di un piccolo ruscello: sembra un paesaggio uscito da un racconto. La natura lì è unica.

Situato proprio alla base della città, si trova il porto delle crociere che in realtà ha solo un molo, tuttavia, incredibilmente occupato. Questa è una bellissima baia da attraversare in crociera con splendide montagne innevate come sfondo. Ci sono molti piccoli fari su diverse piccole isole della baia. Questa baia permette alle navi di attraccare direttamente in città.



Ushuaia è una città davvero molto piccola e la si può visitare tranquillamente  passeggiando tra le sue viuzze e lungo la strada principale, Calle San Martin, dove si trovano tutte le maggiori attrazioni. 

È una destinazione ideale per le attività all'aria aperta e l'osservazione della vita selvaggia nella sua forma più pura, pesca, sci, passeggiate, ciclismo e degustazione delle sue delizie gastronomiche. I granchi di grandi dimensioni vengono serviti nei ristoranti di tutta la città.


Visitare la città

Esci a fare una passeggiata per il centro città e Ushuaia non smette mai di sorprenderti.

Il lungomare è una tranquilla passeggiata dove passeggiare, andare in bicicletta e, nel frattempo, imparare qualcosa in più sulla fine del mondo. A partire dalla Riserva Naturale Urbana di Bahía Encerrada, uno spazio naturale, storico, culturale e ambiente di nidificazione degli uccelli, ti sentirai molto vicino alla natura. 

Se attraversi la passerella che racchiude la baia e le dà il nome, potrai ammirare la cartolina di Ushuaia da un'altra prospettiva. Di fronte c'è il Paseo de Antiguos Pobladores che contiene vecchie case diventate musei, un centro per mostre culturali e mostre itineranti che ci trasportano in altri tempi a Ushuaia.

Tra le curiosità che si trovano sul lungomare c'è il San Cristoforo, un'emblematica nave arenata sulla costa del Beagle; il Memoriale delle Isole Malvinas in omaggio ai caduti in guerra; la Passeggiata delle Rose; la passeggiata degli artigiani e il mitico segno che accoglie la città alla fine del mondo. 

Alla fine di questo tour lungo il litorale arriverai al molo commerciale e all'Antarctic Pioneers Walk.


Passeggiando lungo la via principale o nelle vicinanze si possono trovare case che mantengono la facciata originaria e sono state dichiarate monumento storico; Sono esempi del patrimonio culturale della città. Alcuni di loro offrono servizi diversi, trasportandoti in tempi lontani.

Se preferisci, puoi visitare questi e altri punti di interesse con un tour della città, insieme alle guide turistiche che accompagneranno il tour con il loro racconto, sia in auto che a piedi.

La via principale, chiamata San Martìn, concentra il maggior numero di esercizi commerciali di ogni genere: ristoranti, agenzie, souvenir e altro ancora. Lì troverete la Open Sky Gallery, che si compone di 4 blocchi a circolazione veicolare senza possibilità di parcheggio. È un giro di shopping con tutti i tipi di offerte.

A circa 15 isolati dal centro si trova l'unico centro commerciale della città, raggiungibile in macchina o a piedi lungo un percorso pedonale che inizia dalle vie Maipú e Yaganes.



Museo della Città

Conosciuto anche come Casa Pena, questo museo fa parte di quella che è conosciuta come la vecchia passeggiata dei coloni, situata sul lungomare.

Costruito nel 1928, situato in Av. Maipú 263. Appartenente alla famiglia Pena come casa privata. Composto da 84 mq coperti, disponeva di soggiorno, cucina-pranzo e due camere da letto. La sua struttura in legno e rivestimento in impiallacciatura.

Nel 1958 Carlos Luis Pena vendette la proprietà a Esteban Filipovich.

Funzionava come una casa di famiglia intorno agli anni 70. Da quel periodo in poi iniziarono a funzionare il tribunale di pace e la dogana. Successivamente la proprietà passò alla compagnia di trasporti El Pampeano e, a causa del suo fallimento, fu venduta giudizialmente nel 1999.

Il suo nuovo proprietario Sian Zon Li decide di donarlo al comune di Ushuaia, viene inaugurato il 13 ottobre 2009 come Museo della Città.



Lo spazio pensante delle Malvinas

La storia e la vicinanza legano Ushuaia alle Isole Malvinas in modo molto forte. La città offre diversi tour per conoscere meglio la rivendicazione di sovranità argentina sulle Isole Malvinas.

Nello spazio Pensar Malvinas sono esposti oggetti, lettere e ritagli di giornale sugli eroi che combatterono nel 1982. Fotografie, documentazione relativa al primo avvistamento dell'isola, al Trattato di Tordesillas, alle invasioni britanniche, agli sforzi presso l'ONU: tutto esposto in questa vecchia casa che ti trasporta agli inizi della città di Ushuaia.

Se percorrete circa 700 metri lungo il lungomare, raggiungerete Plaza Islas Malvinas circondati da una passeggiata fotografica. 

Il monumento ai caduti e la fiamma del fuoco eterno sono davvero commoventi e offrono uno spazio di riflessione e di memoria.


Casa Beban

Questo edificio è uno dei maggiori esponenti del patrimonio architettonico locale. Dichiarato Patrimonio Culturale della Città di Ushuaia con Risoluzione del Consiglio Deliberativo (09/10/96). In questo luogo hanno avuto luogo innumerevoli eventi sociali significativi per la popolazione di Ushuaia. 

Apparteneva a Tomás Bebán (figlio di un immigrato di origine croata), che quando decise di sposarsi ordinò alla Svezia i pannelli per la sua futura casa. Portarono la casa smontata e la installarono tra il 1911 e il 1913.

Fu utilizzato come residenza familiare fino alla morte di Tomás nel 1963 (aveva sposato Paula Amanda Arias e avevano otto figli). Successivamente funzionarono una clinica e l'hotel Las Goletas. Successivamente i discendenti della famiglia lo vendettero.

A causa del degrado che presentava, il Comune di Ushuaia ha deciso di recuperare l'edificio e spostarlo dal luogo in cui è stato costruito (su Av. Maipú 857) alla sua attuale ubicazione sul Paseo de los Antiguos Pobladores. 

Successivamente, altri due vecchi edifici dello stesso settore - le case Pena e Torres - furono spostati , secondo un progetto “Città Vecchia” del Comune di Ushuaia, per salvare il patrimonio storico-architettonico della città.

Il 4 novembre 1994 la casa Beban è stata inaugurata come Centro Culturale ed Espositivo.



Museo Marittimo ed ex prigione di Ushuaia

Nei padiglioni dell'ex carcere di Ushuaia si trovano il Museo Marittimo, il Museo dell'Antartide e il Museo d'Arte Marinara. Questo luogo racchiude la storia di famosi naufragi e canoisti nativi, spedizioni in Antartide e leggende sui detenuti della prigione di Ushuaia.

All'interno del museo c'è una galleria d'arte con mostre itineranti, un negozio di libri e souvenir e una pasticceria nella sala centrale che funge anche da spazio per eventi. Se uscite in uno dei cortili interni, tra i padiglioni, troverete l'antico panificio dove sono stati proiettati numerosi film e sviluppati spettacoli teatrali.

Percorrere questi corridoi significa respirare la storia di quello che un tempo era un angolo inospitale, visitato da pochi avventurieri o da coloro che venivano mandati a scontare la propria pena alla Fine del Mondo.

L'ex prigione fa parte delle origini e dello sviluppo della comunità fuegina. Costruito dagli stessi prigionieri, è un pezzo vivo del cammino che ha intrapreso l'isola della Terra del Fuoco e, in particolare, la città di Ushuaia.

Il museo propone varie tipologie di visite guidate ad orari prestabiliti. Oggi ne è disponibile solo uno.

-La visita convenzionale che percorre il museo raccontando una parte della storia. In questo tour potrai vedere la replica esatta del faro della Fine del Mondo che si trova sull'Isola degli Stati.

Gli orari della visita guidata sono: 11:30, 16:30 e 18:30.



Museo della fine del mondo

Il Museo della Fine del Mondo è un pezzo vivo della nostra storia: oltre alla conservazione di elementi della storia e della cultura della Terra del Fuoco, i due edifici che lo compongono sono testimoni antichi e pezzi fondamentali nello sviluppo della città.

L'edificio principale situato in Avenida Maipú 173 fu completato nel 1915 con l'idea di servire come residenza dell'allora Segretario degli Interni e poi governatore Manuel Fernandez Valdez; 

Tuttavia, l'edificio è noto per essere stato la sede del Banco Nación per più di 60 anni. Si trattava di una delle prime costruzioni in pietra, realizzate da coloro che scontavano la pena in carcere. Nel 1999 è stato dichiarato Patrimonio Culturale della Città di Ushuaia.


L'altro edificio che fa parte del museo è l'antico Palazzo del Governo, situato in Avenida Maipú 465. È uno dei più importanti per le sue caratteristiche architettoniche e la sua età. Fu costruito tra il 1886 e il 1890 e fungeva da residenza del governatore, sede del governo e anche da legislatura territoriale e poi provinciale. Nel 1983 è stato dichiarato Monumento Storico Nazionale.

Nel museo troverai la storia dei primi indigeni dell'isola, gli elementi che utilizzavano e le loro usanze. Ci sono anche mostre sulla fauna locale e su alcuni dei naufragi avvenuti vicino all'isola.

Acquistando il biglietto si ha accesso per tre giorni al museo, sia all'edificio dell'ex Banco Nación che all'Antico Palazzo del Governo e, inoltre, la possibilità di effettuare visite guidate ad entrambi gli edifici, ad orari prestabiliti.


Galleria tematica “Piccola storia della Terra del Fuoco”

In questo spazio troverai scene della storia della Terra del Fuoco ricreate con figure di grandi dimensioni. La qualità artistica delle scene fa sì che il tour diventi un viaggio nella storia e nei segreti della Terra del Fuoco.

La storia dei nativi della Terra del Fuoco -Yámanas, Selknam e Haush-; gli esordi di Ushuaia con la creazione del carcere e la sua importanza per la popolazione; e le avventure marittime del XIX e XX secolo rappresentate da personaggi come Fitz Roy, il capitano HSM Beagle, ed Ernest Shackleton, simbolo delle prime spedizioni antartiche. Questo e altro ancora, in 36 scene accompagnate da un'audioguida in diverse lingue.

La galleria dispone anche di un patio interno e di diverse scene in cui scattare foto. Nei pomeriggi estivi potrete assistere ai concerti d'opera che si svolgono sul balcone che si affaccia sulla strada.

Prima o dopo la passeggiata potrete approfittare per mangiare o semplicemente prendere qualcosa presso il ristorante situato nello stesso edificio; E, nel caso in cui non sai cosa portare in regalo ai tuoi cari, al piano terra troverai un negozio di souvenir con innumerevoli opzioni.



Naviga attraverso il Canale di Beagle


Uccelli, leoni marini, il faro di Les Eclaireurs e l'arcipelago del sud circondato da maestose montagne: navigare attraverso il Canale di Beagle è un'esperienza imperdibile. 

Puoi fare brevi tour delle Isole degli Uccelli e dell'Isola dei Lupi, oppure intraprendere un viaggio di diverse ore che ti porterà sulla costa orientale per conoscere la storia di un antico ranch e vedere da vicino una colonia di pinguini di Magellano.  


I diversi circuiti offrono magnifiche viste sulla città di Ushuaia, sulla catena montuosa, sul Monte Olivia e sui ranch Harberton e Túnel, situati a est del canale.  

Escursione marittima classica : Questa navigazione copre l'Isola degli Uccelli e l'Isola dei Lupi, luoghi dove potrete osservare uccelli come l'albatro, il cormorano, gli Stercorari, i gabbiani, le procellarie e i leoni marini a uno e due capelli. Quindi si raggiunge il faro di Les Eclaireurs , un punto popolare del percorso per scattare fotografie. 

Il faro, il cui nome in francese significa “gli esploratori”, fu costruito nel 1920 ed ha un'altezza di 11 metri. È stato erroneamente chiamato “il faro della fine del mondo”, dal romanzo omonimo di Jules Verne, tuttavia l'ispirazione dello scrittore viene dal faro di San Juan de Salvamento , situato sull'Isla de los Unidos .




L'escursione classica dura circa tre ore in totale e il ritorno in città avviene navigando tra l'Arcipelago dei Ponti e Paso Chico. 

Escursione Marittima con Passeggiata: Ha un itinerario simile al precedente, con l'aggiunta di una breve discesa sull'Isola Karelo o Isola H , dove potrete fare una passeggiata e godere di una vista panoramica a 360º sul Canale di Beagle.

Questa passeggiata è di bassa difficoltà (circa 10-15 minuti), lungo un sentiero di 160 metri, in cui è possibile osservare la flora e l'avifauna della zona e resti archeologici come i boschetti di conchiglie di Yámanas.

Dopo aver percorso il sentiero, il Canale di Beagle e il Belvedere delle Ande Fueguinos hanno dei cartelli che ti permettono di conoscere in dettaglio la catena montuosa che può essere vista a nord, est e ovest. Inoltre il visitatore potrà ottenere maggiori informazioni attraverso il QR code presente sui cartelli informativi.

Pinguinera e Estancia Harberton: questo tour comprende i classici punti della Manica (Isla de los Pájaros, Isla de los Lobos e Faro di Les Eclaireurs) e poi prosegue verso est, verso Isla Martillo, dove si può vedere una colonia di pinguini di Magellano . 

Questi uccelli si trovano sull'isola di Martillo dall'inizio di ottobre fino al mese di aprile, ma il maggior numero di esemplari si può osservare tra i mesi di novembre e febbraio. 

Infine, la barca arriva all'Harberton Estancia, dove i passeggeri possono sbarcare e fare un tour guidato del centro storico dell'Estancia e visitare il Museo degli uccelli e dei mammiferi marini “Acatushun”. 

Escursioni combinate:   questa opzione offre la possibilità di viaggiare attraverso la valle del fiume Pipo fino al Parco Nazionale a bordo del Treno della Fine del Mondo. Nella baia di Lapataia, i passeggeri salgono a bordo di un catamarano per navigare verso est lungo il Canale di Beagle, visitando l'Isla de los Lobos, l'Isla de los Pájaros e il faro di Les Eclaireurs.

Isla Redonda:  All'interno del Parco Nazionale, la navigazione parte dal molo situato a Bahía Ensenada. L'escursione si effettua su imbarcazioni semirigide che sbarcano all'Isola Redonda, dove il visitatore può esplorare il luogo camminando lungo sentieri segnalati. Da questa posizione si gode una vista panoramica unica sul Canale di Beagle e sulla costa del Parco Nazionale. 

Una particolare attrazione di questa piccola isola è l'ufficio postale che vi operava anni fa, quando marinai e marinai lo utilizzavano per spedire lettere e cartoline. Attualmente l'ufficio postale si trova a Bahía Ensenada. 

Traversate per Puerto Williams (Cile):  Un modo per vedere il Canale di Beagle da un'altra prospettiva è attraversare il settore cileno dell'isola, fino alla città di Puerto Williams. 



Visita al Parco Nazionale

A pochi chilometri da Ushuaia si trova il Parco Nazionale della Terra del Fuoco, una riserva naturale di 63.000 ettari di paesaggio subantartico, con profonde vallate, foreste secolari, torbiere, coste e un magnifico lago situato tra due catene montuose. 



Il Parco Nazionale Terra del Fuoco (PNTDF) si trova a 12 chilometri a ovest di Ushuaia, percorrendo la Strada Nazionale N° 3. Creato nel 1960, è l'unico parco nazionale dell'Argentina situato tra le montagne e il mare, poiché una delle sue estremità confina con la costa sud-occidentale del Canale di Beagle. 

Questa riserva meridionale ospita specie autoctone come la volpe rossa e uccelli come la caranca, l'oca di mare, l'albatro dai sopraccigli neri, l'anatra vaporiera del sud, il picchio gigante e il tordo della Patagonia, tra gli altri. Le fitte foreste sono costituite da lengas, amarene, cannella e ñires. Durante l'autunno, le chiome di questi alberi regalano una cartolina indimenticabile dai colori rossastri, ocra e verdi. 

La sua particolare geografia, che combina l'ambiente marittimo con la catena montuosa andina, offre scenari affascinanti. 

La serena bellezza del  Lago Roca , chiamato Acigami dai nativi dell'isola, ci invita a sederci sulle sue sponde e goderci le calme onde delle sue acque. 

Accanto al lago c'è l'area attrezzata per il campeggio e, sulla sponda destra, si apre il sentiero che porta al  Miglio XXIV, che segna il limite territoriale con il Cile. Un altro punto panoramico è Bahía Lapataia , dove si trova il cartello che segna la fine della Strada Nazionale N°3 . 



Le attività consentite in questa riserva sono il trekking, la canoa guidata e la pesca.  Per gli amanti del trekking il Parco è un'opzione ideale, poiché dispone di una rete di sentieri segnalati di circa 40 chilometri  che variano per lunghezza e grado di difficoltà. Di seguito ve ne proponiamo un dettaglio: 

Escursioni a bassa difficoltà

Paseo de la Isla: questo percorso costeggia le coste dei fiumi Lapataia e Ovando, da dove si può vedere l'Arcipelago delle Cormoranes. Lunghezza approssimativa 800 metri. 

Paseo del Mirador: Attraversando il Parco attraverso la foresta di lenga e coihue, si costeggia il fondo della baia di Lapataia fino a raggiungere il Canale di Beagle. La vista panoramica è splendida.

Paseo de la Castorera: Vi si accede tramite l'itinerario n° 3, risalendo il corso del torrente Los Castores sulla sua sponda destra. In quest'area è possibile osservare l'impatto causato da questa specie sull'ambiente. 

Paseo del Turbal: Semplice sentiero di circa 400 metri di lunghezza fino a Bahía Lapataia. Sulla strada attraverso la foresta di lenga e coihue, c'è un allevamento di castori abbandonato che denota anche l'impatto di questa specie. 

Passeggiata alla Laguna Nera: Un facile sentiero che conduce ad una laguna all'interno di una torbiera, si trova a sud del Lago Roca e il suo nome deriva dal colore scuro delle sue acque dovuto alla torba.

Sentiero del Faro: A Bahía Lapataia si apre un bivio su questo sentiero. Dopo un breve percorso al confine del bosco si raggiunge un allevamento di castori e poi il viaggio si conclude al faro situato al confine della Riserva Naturale.

Passeggiate di media difficoltà

Sentiero costiero: inizia a Bahía Ensenada, costeggia la costa del Canale di Beagle e culmina all'incrocio della Strada 3 che porta al Lago Roca. Il percorso ha un'estensione di 8 chilometri. Per maggiori informazioni, clicca qui

Sentiero Hito XXIV:   questo sentiero costeggia la costa settentrionale del Lago Roca e conduce al confine internazionale con il Cile. Il percorso attraversa fitte foreste di lenga e dalla riva del lago si gode una magnifica vista sulle montagne circostanti. 



Escursioni ad alta difficoltà

Sentiero Pampa Alta:  inizia nella zona del fiume Pipo, vicino ai binari del treno della Fine del Mondo, e attraversa una fitta foresta che conduce a Pampa Alta, dove si può vedere il Canale di Beagle. Vi si accede dal campeggio Bahia Ensenada risalendo il ruscello Piloto (opzione lunga: 4,9 km) o dalla Strada Nazionale N° 3 (opzione breve 3,7 km) e scendendo per il sentiero che si collega con la strada per Río Pipo . 

Cerro Guanaco: dalla cima di questa montagna (970 metri) si godono magnifiche viste panoramiche sulla catena montuosa della Terra del Fuoco e sul Canale di Beagle. Vi si accede dal sentiero per Hito XXIV, dove il cartello indica l'inizio del sentiero. 

Questo risale il versante boscoso della collina, attraversando terreni ripidi e zone di terreno torboso. La lunghezza totale è di 8 chilometri (andata e ritorno) e,  a causa del grado di difficoltà che presenta, è obbligatorio registrarsi presso il Centro Visitatori e l'Amministrazione del Parco Nazionale prima di intraprendere questa passeggiata.  Questo percorso è abilitato solo durante la stagione estiva (da novembre a marzo). Maggiori informazioni entrano QUI

Affinché tu possa vivere appieno la tua esperienza in quest'area protetta, ti invitiamo a pianificare la tua uscita e a prendere le precauzioni necessarie affinché la tua visita non abbia un impatto negativo sull'ambiente naturale. 

Per accedere alle informazioni su servizi, tariffe, orari e consigli per i visitatori del Parco Nazionale Terra del Fuoco, vai QUI . 

IMPORTANTE: sono in vigore il piano di riapertura graduale del Parco Nazionale Terra del Fuoco (fase II-fase II), le informazioni sui siti e le attività consentite e le aree di campeggio e diurno . Maggiori informazioni QUI


Il clima nella Terra del Fuoco

L'isola della Terra del Fuoco ha un clima subpolare. Tuttavia, le temperature nella regione non sono così basse come a latitudini simili nell’emisfero settentrionale, a causa dell’effetto moderatore della massa oceanica circostante. Il freddo e il vento prevalgono durante tutto l'anno, con una temperatura media di 6º C. Nella stessa giornata si possono verificare momenti di sole, pioggia e anche neve.

A causa dell'instabilità del clima, la soluzione migliore per godersi qualsiasi stagione nella Terra del Fuoco è vestirsi a strati. 

Abbigliamento e calzature impermeabili sono fondamentali per proteggersi da pioggia e neve improvvise, sia in città che durante le escursioni. Oltre ad avere una giacca o un giubbotto caldo, è consigliabile indossare magliette, calzamaglie e calzini termici, felpe e giacche di pile o cotone. Per quanto riguarda le calzature, è molto importante pianificare l'attività che si vuole svolgere e in quale stagione.

In estate è consigliabile indossare scarpe o scarponcini da trekking, impermeabili e con una suola che permetta una buona aderenza durante le passeggiate. Il terreno nelle foreste e nelle valli della Terra del Fuoco è difficile e la torba, le radici e le pietre sciolte possono causare gravi incidenti se non si hanno le calzature adeguate.

Durante l' inverno , gli stivali sono una parte essenziale per muoversi in città e dintorni.

Per quanto riguarda gli accessori, è sempre consigliabile avere un buon paio di guanti, sciarpe e cappelli, e occhiali da sole con protezione UV.

Sia in estate che in inverno è consigliabile l'uso di una protezione solare , con fattore elevato (superiore a 30), poiché la Terra del Fuoco è colpita dalle radiazioni ultraviolette, prodotto del buco dell'ozono che si estende dall'Antartide fino alla punta meridionale del Patagonia.


Un po’ di storia!

I primi uomini a raggiungere la Terra del Fuoco furono gli indiani Selknam, chiamati anche Ona, circa 10.000 anni fa. Gli indigeni della zona erano divisi in due gruppi e il gruppo meridionale, gli Yaghan (conosciuti anche come Yámana), occupava quella che oggi è Ushuaia, vivendo in continuo conflitto con gli abitanti del nord dell’isola.

Il Canale di Beagle fu esplorato per la prima volta il 29 Gennaio 1833 dalla nave britannica HMS Beagle, sotto il comando del capitano Robert FitzRoy durante il suo viaggio alla scoperta della Terra del Fuoco. 

Per gran parte della seconda metà del XIX secolo, la parte orientale della Terra del Fuoco era abitata da una maggioranza di cittadini che non erano argentini, tra cui molti britannici. Le prime testimonianze di Ushuaia appaiono per la prima volta nelle lettere e rapporti della South American Mission Society. 

Il primo europeo a vivere ad Ushuaia fu il missionario britannico Waite Hockin Stirling che, nel 1869, visse per circa 9 mesi insieme al popolo Yámana. L’anno successivo, nel 1870, arrivarono in città altri missionari britannici che iniziarono a costruire i primi edifici del nuovo insediamento.



La prima casa che venne costruita ad Ushuaia fu Casa Stirling, una casa prefabbricata di 3 locali costruita sulle Isole Falkland nel 1870 per il reverendo Thomas Bridges, il fondatore della prima Missione di Ushuaia. 

La casa era composta da 3 stanze, di cui una destinata alla famiglia Bridges, una ad una coppia Yámana e una fungeva da cappella. Thomas Bridges imparò la lingua Yaghan e passò la vita ad aiutare questo popolo. 

Trascrisse la loro lingua in un dizionario, il cui manoscritto originale si trova nel British Museum. Fu pubblicato da Natalie Goodall nel 1987, la quale fornì anche preziose informazioni sulla storia e sul lavoro del missionario.



Nel 1896 Julio Argentino Roca, che successivamente divenne due volte presidente argentino, avviò la creazione di una colonia penale. All’epoca Ushuaia contava 113 uomini e 36 donne. Lo stesso anno la prigione ricevette i suoi primi detenuti, principalmente prigionieri pericolosi trasferiti da Buenos Aires, ma anche alcuni prigionieri politici. 

Durante la prima metà del XX secolo la città abitata maggiormente dai detenuti della prigione, costruita dal governo argentino per aumentare la popolazione argentina di Ushuaia e garantire la sovranità argentina sulla Terra del Fuoco. La prigione rimase in funzione fino al 1947, quando il presidente Juan Perón la chiuse per ordine esecutivo in risposta alle numerose segnalazioni di abusi e pratiche pericolose. 

Dopo la sua chiusura, la prigione divenne parte della Base Naval Ushuaia, servendo come deposito e uffici fino agli inizi degli anni ’90. Successivamente fu convertito nell’attuale Museo Maritimo de Ushuaia.

Successivamente alla chiusura della prigione ad Ushuaia iniziarono ad arrivare i primi abitanti, rendendola la città che è attualmente.








NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -