BARCELLONA - IL QUARTIERE DI MONTJUIC - ESCURSIONE IN AUTONOMIA -

Con i suoi 173 metri di altezza e di fronte al mare, il monte Montjuïc è uno dei luoghi più belli di Barcellona. 


Attualmente la montagna è visitata in gran parte dai turisti ma anche dai barcellonesi, che sono attratti dal gran numero di musei , giardini , punti panoramici , impianti sportivi , attrazioni turistiche e un'infinità di incanti che popolano ciascuno dei suoi angoli. 


Situata a ridosso del mare e del centro città, la collina del Montjuïc domina Barcellona con panorami mozzafiato, incantevoli giardini e una serie di importanti musei e attrazioni.

In occasione dell'Esposizione Universale di Barcellona del 1929, sulla collina furono costruiti palazzi, padiglioni, parchi, giardini botanici, stadi sportivi e spazi espositivi. Alcuni di questi edifici sono sopravvissuti e ora fungono da museo. 

Dalla Fontana Magica si ha una vista sull'Avinguda Reina Maria Cristina e sulle scale mobili fino alla montagna, con in cima il Palau Nacional, dove si trova il Museu d'Art de Catalunya (MNAC).
Lo stadio olimpico originale esisteva già nel 1929, ma è stato ristrutturato e adattato per ospitare 70.000 persone in occasione dei Giochi del 1992. La facciata è bellissima e non lascia trapelare la presenza di uno stadio alle sue spalle.



Come raggiungere il quartiere di Montjuic?

In funivia - Port Cable Car - Port Station Telefèric del Port - Da Port Vell, il 'Porto Vecchio', che è la parte più antica del porto di Barcellona. La Funivia collega il Porto di Barceloneta con ai giardini di Miramar, sul Montjuïc. dal Monumento di Colombo sono circa 2 km.  QUI TROVI LA MAPPA  - OPZIONI A PIEDI E BUS.

La prenotazione online è altamente consigliata. Le cabine sono piccole e d’estate si formano lunghe code per salire dal Porto (che evitate con il biglietto online a fascia oraria). Al ritorno invece in genere non c’è coda.

 Il viaggio da Port Vell a Montjuic dura 10 minuti e supera un'altitudine di 70 metri. Da questa funivia si ha una delle viste più spettacolari sul porto e su Barcellona!


BUS 150Con il bus 150 da Plaça Espanya potete raggiungere comodamente le varie attrazioni del Montjuïc, fino al Castello in cima. Potete prendere la stessa linea anche per il ritorno, il tragitto è del tutto simile con qualche deviazione per i sensi unici.

A PIEDIRaggiungere il Montjuïc a piedi anche è possibile, salendo da Plaza España oppure con una passeggiata di una ventina di minuti partendo dalla fine della Rambla, passando per Passeig de Montjuïc. 

Ad ogni modo si tratta di un percorso in salita che vi sconsiglio: riservate le energie per scoprire le meraviglie del Montjuïc!

In fondo all'articolo trovate  pratica mappa - MAPPA DEL MONTJUÏC -  dove potete trovare riepilogati i vari punti di interesse e attrazioni del Montjuic. Sono segnati anche i belvedere più belli e le stazioni di arrivo di teleferica e funivia.



Cosa vedere e fare sulla collina di Montjuïc?

IL CASTELLO DEL MONTJUÏC

Proprio in cima al Montjuïc, nella parte più in alto, si trova lo splendido Castello del Montjuic.

Questa antica fortezza è ben tenuta e ristrutturata, oggi di proprietà municipale e visitabile all’interno. Ospita una mostra permanente sulla storia della collina del Montjuïc e del Castello stesso, in più si tengono mostre temporanee durante tutto l’anno.

La cosa più bella da vedere è però senza dubbio la vista panoramica a 360° su Barcellona e sul mare.



Con un piccolo sovrapprezzo sono disponibili anche delle visite guidate, su prenotazione, in inglese, spagnolo e francese. Il tour guidato vi porterà in luoghi solitamente non aperti al pubblico, come le prigioni, la torre e le cisterne.

Se vi interessa avere qualche nozione storica sul Castello del Montjuic, dovete sapere che inizialmente si trattava di una semplice torre di avvistamento. In seguito, nel 1640, divenne una vera e propria fortezza per difendersi contro le truppe di Filippo il Grande.

Dopo la guerra di secessione spagnola il Castello cadde in mano ai Borboni ed assunse più o meno la struttura attuale (siamo attorno al 1750-1770). In seguito fu utilizzato come una prigione e sotto la dittatura del generale Franco diventò triste teatro di torture ed esecuzioni.

Fino al 2007 nel Castello si poteva visitare il museo militare, oggi chiuso con l’obiettivo di ospitare invece un Centro per la Pace. Sulla stessa linea, si è deciso anche di smettere di celebrarvi la messa annuale per i caduti della rivolta del 1936.

BIGLIETTI PER IL CASTELLO
Prezzo: € 9 – Ridotto € 6 – Gratis per i minori di 8 anni
Gratis la domenica dopo le 15 e ogni prima domenica del mese

 La visita al castello comprende praticamente tutto quello che c’è all’interno delle mura del castello, quindi anche le zone all’aperto e la terrazza da cui si gode di una bella vista a 360° su Barcellona. Anche all’esterno comunque ci sono dei bei punti panoramici, tipo il Mirador de Montjuïc con la possibilità di camminare sul lato esterno delle mura del Castello, oppure il Mirador de l’Alcalde



I GIARDINI DEL MONTJUÏC

Il Montjuïc è considerato il polmone verde di Barcellona, non a caso chiamato anche “Parco del Montjuic”.

La zona è verde e rigogliosa, sulla collina si susseguono tanti giardini pubblici, molto curati e molto belli, con splendidi belvedere sulla città.
Sono stati progettati quasi tutti per l’Esposizione Internazionale del 1929, ognuno con le proprie caratteristiche distintive che lo differenziano dagli altri.

Difficile quindi consigliarvi quale visitare, sono davvero tutti molto belli.
Forse vi direi il Giardini di Mossen i Costa i Llobera, particolare perché tutto dedicato ai cactus. Da evitare però con il sole a picco o se fa tanto caldo, non c’è ombra! In questi casi, meglio scegliere un bel giardino ricco di alberi e vegetazione, come i Giardini di Laribal.

Da non perdere i belvedere (o mirador) che intervallano i vari giardini. Nella mappa a fondo pagina trovate segnati i più belli.

In definitiva, il Montjuïc è uno dei più bei parchi di Barcellona, perché passeggiando potete visitare tanti spazi verdi con vegetazione e stili differenti.


GIARDINI DI MIRAMAR

Questi giardini sono famosi soprattutto per i loro belvedere. Da qui avrete una vista panoramica magnifica sul mare e sul Porto di Barcellona.
Comodi da visitare se arrivate con la Funivia dal Porto di Barcellona, la stazione di arrivo è proprio attaccata.

GIARDINI TEATRE GREC
Come dice il nome, questi giardini circondano il Teatre Grec del Montjuïc.
Anche se a prima vista sembra qualcosa di storico, si tratta di una fedele ricostruzione di un teatro greco che ha preso il posto della cava da cui si estraeva la pietra del Montjuïc (con cui sono stati costruiti molti edifici storici della città, come la Cattedrale del Mare). Il Teatro Greco è conosciuto per il Festival Grec, durante il quale ospita numerosi spettacoli teatrali e musicali. Il resto dell’anno resta praticamente inutilizzato.
Molto bello il pergolato bianco e il belvedere. Anche se non siete molto in alto, da qui avete una bella prospettiva sulla Serra del Collserola, la collina a Nord di Barcellona.

GIARDINI DI LARIBAL

I Giardini di Laribal sono a detta di molti i più belli del Montjuïc e tra i migliori spazi verdi di tutta Barcellona.

Si strutturano su diversi livelli, uniti da cascate d’acqua e scalinate. La vegetazione è prettamente mediterranea, con un’ampia varietà di fiori, alberi da frutto e piante decorative. I giardini sono eleganti e magnificamente decorati, con fontane, pergolati, panchine, sculture femminili.

Tra questi elementi decorativi, vi segnalo la Font del Gat, una fontana così chiamata perchè l’acqua sgorga dalla bocca di un gatto. Non è niente di che, ma era un punto di incontro e lo è ancora oggi dato che nei pressi c’è un bar ristorante con tavoli all’aperto.



GIARDINI DI JOAN MARAGALL

Se volete visitare dei magnifici giardini senza troppa gente, scegliete i Giardini di Joan Maragall. I giardini fanno da ornamento al Palau Albéniz, residenza reale, lo stile è molto classico: grandi viali alberati, sculture e fontane monumentali. Belli, eleganti e sempre molto curati, sono certa che vi piaceranno.
L’orario di apertura è ridotto: solo sabato e domenica, dalle 10 alle 15. Il Palazzo Albéniz non è invece visitabile se non in occasioni particolari.

GIARDINI DI JOAN BROSSA

A differenza degli altri giardini che sono stati quasi tutti inaugurati per l’Esposizione Universale del 1929, i Giardini di Joan Brossa sono più recenti, del 2003. Per questo motivo la vegetazione non è così folta e non sono fra i più belli del Montjuïc.
Sono perfetti se cercate un po’ di tranquillità e c’è anche un’area giochi attrezzata dove i vostri figli possono sfogarsi mentre voi riposate un momento.
Proprio sopra i Giardini di Joan Brossa passa la Teleferica del Montjuïc, regalando una prospettiva molto interessante per dei bei scatti fotografici.

GIARDINO BOTANICO

Oltre ai giardini ornamentali, sul Montjuïc si trova anche il Giardino Botanico di Barcellona, una vasta superficie (14 ettari) con una flora rigogliosa, proveniente da ogni parte del mondo che condivide delle condizioni climatiche simili all’ambiente mediterraneo.
Le piante sono raggruppate per Paese d’origine, in un interessante viaggio virtuale intorno al mondo.
L’ingresso a differenza degli altri giardini è a pagamento. Il prezzo del biglietto intero è di € 3,50 (sono previste riduzioni e i minori di 16 anni entrano gratis).

GIARDINI DI MOSSÈN COSTA I LLOBERA

I Giardini di Mossen i Costa i Llobera sono insoliti e caratteristici perché interamente dedicati ai cactus e alle piante grasse. Fa da sfondo un bellissimo panorama sul mare e sul porto di Barcellona.
Non è fra i giardini più frequentati, anche perchè molto caldi e assolati. Meglio andarci verso il tardo pomeriggio/sera, soprattutto d’estate. Non temete comunque c’è anche un pergolato dove proteggersi un po’ dai raggi del sole.



FONDAZIONE MIRÓ

La Fondazione Mirò ospita un’importante collezione permanente di dipinti, disegni e sculture dell’artista catalano. I colori accessi e le forme fantasiose dell’artista rendono la visita piacevole anche per chi non è un appassionato d’arte o per bambini e ragazzi. Ve lo consiglio!



Questo spazio è stato voluto e ideato dallo stesso Joan Mirò per diffondere l’arte contemporanea. Ancora oggi si tengono mostre temporanee dedicate ad altri artisti.



MNAC (MUSEO NACIONAL D’ARTE DI CATALUNYA)

Il MNAC è il museo più importante di Barcellona, con una vastissima collezione di reperti storici, arte romanica, gotica e soprattutto arte catalana.




E’ un classico museo, importante perché interamente dedicato a Barcellona e alla regione della Catalogna.

Il MNAC si trova all’interno del Palau Nacional, imponente edificio anche questo costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1929.




FONTANA MAGICA

Ormai tappa fissa degli itinerari turistici di Barcellona, la Fontana Magica è una maestosa fontana ai piedi del Montjuïc, di fronte a Palazzo Nazionale del MNAC.




Ogni sera viene illuminata da spettacolari giochi d’acqua, con luci e colori, a ritmo di musica, attirando una folla di visitatori e turisti.



POBLE ESPANYOL

Il Poble Espanyol è un museo a cielo aperto. Un interessante viaggio attraverso un finto villaggio ricostruito, in cui si ripercorrono gli stili e gli elementi caratteristici delle varie regioni della Spagna.



L’ingresso è a pagamento e ci trovate botteghe, artigiani, ristoranti e persino locali dove ballare o dove assistere a uno spettacolo di Flamenco.


CIMITERO DI MONTJUÏC

Ok, inserire un cimitero tra le cose da vedere sul Montjuïc fa un certo che, ma qui potete rendere omaggio alla memoria di importanti artisti come Joan Miró e altri personaggi famosi spagnoli.
Toccante la visita al Fossar de La Pedrera, una fossa comune che accoglie circa 4000 vittime del periodo franchista.



ANELLO OLIMPICO

Oltre all’Esposizione Universale del 1929, un altro importante evento che ha cambiato il profilo del Montjuïc sono state le Olimpiadi di Barcellona del 1992. Per questa occasione sono stati realizzati una serie di impianti sportivi, tutti concentrati in una zona del Montjuïc che è diventata nota come Anello Olimpico (Anella Olímpica in catalano).



All’interno dell’Anello Olimpico si trova lo Stadio Olimpico Lluis Companys, ristrutturato e ampliato per le Olimpiadi, conservando però la facciata originale, le piscine olimpioniche per i tuffi e il Palau Sant Jordi, il palazzetto dello sport, che ospita eventi sportivi e concerti.


Caratteristica poi la Torre di Calatrava, opera dell’architetto catalano che rappresenta la fiaccola olimpica e funge da torre delle telecomunicazioni.




MAPPA DEL MONTJUÏC

In questa pratica mappa potete trovare riepilogati i vari punti di interesse e attrazioni del Montjuic. Sono segnati anche i belvedere più belli e le stazioni di arrivo di teleferica e funivia.


Da dove deriva il nome Montjuïc?

La teoria più diffusa sul significato della parola “Montjuïc” è che questo nome derivi dalla locuzione “Mont dels jueus” (monte degli ebrei in inglese), che è dovuta all'esistenza di un originale cimitero ebraico medievale che era situato sulla montagna.

Altri storici difendono la tesi secondo cui il vero nome di “Montjuïc” sarebbe un derivato di “Monte Jovis” (Monte Giove in catalano), riferendosi all'esistenza di un ipotetico tempio romano che sarebbe stato consacrato al dio Giove. 


NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -