CEUTA - MAROCCO - CITTA' IN AUTONOMIA - SUGGERIMENTI PER UNA PASSEGGIATA CON MAPPA E PERCORSI - ALLA SCOPERTA DELLA CITTA'

Situata nell'estremo nord-ovest del continente africano, Ceuta è una bellissima città sullo Stretto di Gibilterra ed era considerata una delle Colonne d'Ercole, dietro le quali finiva il mondo. 

Fondata nel 7. Secolo, Ceuta è stata per secoli un paese di transito per molte civiltà, che ha permesso lo sviluppo di una città vivace e cosmopolita, ricca di monumenti e stili.

La città è piuttosto compatta, quindi puoi raggiungere molti posti a piedi. Per i luoghi fuori dal centro città, come il belvedere di San Antonio e l'escursione intorno alla fortezza di Ceuta sul Monte Hacho, probabilmente dovrai prendere un taxi.



Fai una passeggiata lungo la bellissima cinta muraria reale , costruita nel Medioevo per proteggere la città, insieme ai bastioni Coraza Alta, La Bandera e Mallorquines e alla fortezza di Monte Hacho , il promontorio dominante della città, dove puoi visitare l'eremo di San Antonio.

Visitate la bellissima Cattedrale di Ceuta , costruita sulle antiche rovine della moschea principale, e la meravigliosa basilica tardo romana , ora museo, o il Museo Ravellín , ospitato in un edificio neoclassico del 1900, dove si possono ammirare anfore di epoca punica e romana e bellissime ceramiche ispano-musulmane.

Di seguito specificheremo come raggiungere i singoli luoghi nel nostro itinerario.


Partendo dal Porto di Ceuta, dirigiti verso le Mura Reali di Ceuta (in spagnolo: Murallas Reales de Ceuta ) che sono il sistema di difesa costiera a Ceuta.

Sono completamente gratuiti da visitare, quindi esplora quanto vuoi.

C'è anche un museo che puoi visitare con un piccolo supplemento, e ci sono cartelli lungo le pareti dove puoi leggere di più mentre procedi.



Il tuo prossimo passo sarà raggiungere Plaza de Africa sono solo pochi minuti a piedi dalle mura, il cuore affascinante di Ceuta, con piantagioni tropicali ben curate, una piazza di sentieri di ciottoli appena rinnovati e alcune delle migliori architetture della città.

Muovendosi in senso orario dall'oblungo Commandancia General , un quartier generale militare chiuso ai visitatori, si incontra il suggestivo Santuario de Nuestra Señora de África , il Palacio de la Asamblea del XIX secolo e infine la Cattedrale Santa Maria de la Asunción con il suo museo. Il centro della piazza contiene un memoriale ai soldati persi nella guerra ispano-marocchina del 1860, un conflitto oltre i confini di Ceuta.


L'edificio del comando generale di Ceuta è la sede del quartier generale del comando generale, un organo di supporto per la massima autorità militare della piazza, il comandante generale di Ceuta.



La Vergine d'Africa è la patrona di Ceuta, sindaco e governatore perpetuo della città. La scultura di Santa María de África, Patrona di Ceuta, che si venera nel Santuario omonimo, giunse a Ceuta nel 1418 donata dall'Infante del Portogallo Enrico il Navigatore. L'anno 2018 ha celebrato il 600° anniversario dell'arrivo della Vergine dell'Africa a Ceuta.



Il Palacio de la Asamblea, un edificio dal design sobrio ed elegante fu inaugurato nel 1927 dal re Alfonso XIII e da Doña Victoria Eugenia. 

Al suo interno si trova la Sala del Trono in stile francese, decorata con affreschi dell'artista Mariano Bertuchi. Dispone inoltre di una sala riunioni decorata con mobili in stile rinascimentale spagnolo.



La Cattedrale Santa Maria de la Asunción è stata costruita sulle rovine della Grande Moschea. La progettazione iniziò nel XVII secolo e fu costruita nel XVIII. Fu infine ricostruita tra il 1948 e il 1961.

All'interno immagini e tele del '700 si mescolano a quelle di noti artisti contemporanei, come Castillo Lastrucci e Minarro. Spicca l'immagine della Vergine Capitana del XV secolo di origine portoghese. 

Ha una copertura neoclassica di marmo nero. Il coro si trova nella parte anteriore della navata. Anche la pala d'altare barocca nella cappella del Santíssimo è un'opera di grande bellezza e importanza.


Da Plaza de Africa segui la strada principale ("Gran Via") che sarà sulla tua sinistra se guardi la cattedrale, che unisce la Plaza de África con la Plaza de la Constitución .

Il nome ufficiale della strada è Alcalde Antonio López Sánchez-Prado sebbene sia popolarmente conosciuta come "Gran Vía".

All'inizio della strada si trovano il Palacio Autonómico e l' Hotel Tryp . 

Sul marciapiede di fronte al Palazzo, accanto a una statua in bronzo del sindaco López Sánchez-Prado, opera dei fratelli Pedrajas, si trovano i resti del Convento della Trinità, demolito nel 1912 per costruire padiglioni militari.

Sedici lampioni decorano la Gran Vía di Ceuta. Il suo design modernista è stato ispirato dai lampioni del Paseo de Gracia a Barcellona. 



Dopo pochi minuti lungo questa animata arteria, raggiungerai Plaza de la Constitución sulla tua sinistra. Mentre sei qui, sentiti libero di fare un salto al mercato centrale se vuoi o fai un selfie con la gigantesca statua di Ercole.

L'ampia piazza, presieduta dall'edificio Trujillo e dal Mercato Centrale delle Forniture, è aperta da nord fino al Porto di Ceuta e lo Stretto di Gibilterra.

L'edificio Trujillo è uno degli edifici più emblematici di Ceuta. La sua presenza imponente, esaltata dalla sua posizione smussata, presiede la Plaza de la Constitución .

Opera in stile neobarocco dell'architetto delle Baleari Andrés Galmés Nadal. La costruzione iniziò nel 1925, sul sito occupato dall'antico mercato del pesce, e fu completata nel 1928. All'interno spicca la magnifica scala a chiocciola, coronata da un lucernario a forma di stella, ornato da magnifici stucchi dello scultore Cándido Mata.


Nella piazza c'è un complesso scultoreo allegorico della Costituzione spagnola e sul "ponte" si trova la monumentale statua di Ercole.


È il monumento più fotografato di Ceuta. Le sue grandi dimensioni e la sua posizione sul "ponte" della Piazza impressionano quando si vede la sua figura imponente. Con i suoi sette metri di altezza, è la più grande scultura in bronzo di mitologia classica del mondo.

L'opera si chiama "Le due colonne d'Ercole: Ábyla e Calpe" e in essa si può vedere Ercole che separa i due continenti con le sue mani, Abyla è il nome mitologico di Ceuta e Calpe quello di Gibilterra.



Continua lungo la stessa strada di prima (che ora si è trasformata nel Paseo del Revellín pedonale), superando la "Dragon House" fino a raggiungere Plaza de los Reyes .

Paseo del Revellín è pedonale ed è fiancheggiato da negozi, gioiellerie e bazar.


Plaza de los Reyes è dominata dalla replica dell'antica porta dell'Ospedale Reale di Ceuta si trova in Plaza de los Reyes, nello stesso luogo in cui si trovava l'Ospedale Reale, costruito all'inizio del XVIII secolo e demolito durante la Seconda Repubblica. 

Lo spazio pubblico risultante dalla demolizione si chiama Plaza de los Reyes in onore dei due re che adornavano la porta dell'Ospedale Reale.


Situato all'angolo del Paseo Camoens con Calle Millán Astray e Plaza de los Reyes. È soprannominata "Casa dei Draghi" per le grandi sculture che ne ornano il tetto.

È un edificio storicista a tre piani, opera dell'architetto valenciano Cortina Pérez, costruito dai fratelli Ricardo e Francisco Cerni González. Sulla facciata è visibile un anagramma con le sue iniziali.
Questo edificio era la sede del Casinò africano.


Se giri a sinistra su una qualsiasi delle strade fuori da Plaza de los Reyes e prosegui dritto, ti ritroverai in  Parque Marítimo del Mediterráneo  di piscine di acqua salata incontaminate, abbondante vegetazione e altri divertimenti (inclusi un ristorante e un casinò).



Vai al belvedere di San Antonio e fai un'escursione intorno alla fortezza di Ceuta sul Monte Hacho

Per questa fermata, devi prima arrivare a El Mirador de San Antonio (punto panoramico di San Antonio).



Da Plaza de la Constitución, puoi prendere l'autobus n. 1 (proprio accanto alla fermata dei taxi) fino al capolinea. 

Se prendi l'autobus, dì all'autista dell'autobus "el Mirador de San Antonio" in modo che possa mostrarti quando scendere. Ma anche con l'autobus, dovrai ancora camminare parecchio in salita per raggiungere il belvedere.
La scelta piùconceniente è il taxi da Plaza de la Consitucion a circa 5 euro  per arrivare al belvedere.

Una volta raggiunto il belvedere, guarda dritto attraverso l'acqua per vedere l'Europa e la Gibilterra britannica.



Ora è il momento di salire su quella fortezza. Sfortunatamente, la fortezza è una base militare attiva, quindi non puoi entrare. Ma sicuramente puoi camminare all'esterno.

Una volta usciti dal parcheggio del belvedere, dirigersi a sinistra in salita  verso la collina. Dopo pochi minuti a piedi, vedrai una strada ripida e stretta sulla tua sinistra che si dirige verso qualcosa che sembra un ripetitore per cellulari.

Seguilo su e su e su. Quindi, troverai un sentiero che abbraccia la fortezza.

La fortezza di Monte Hacho, situata a 190 metri sopra l'omonimo monte, è un riferimento visivo costante per gli abitanti di Ceuta perché le sue mura sono visibili praticamente da qualsiasi punto della città e anche dal mare.

La fortezza di Monte HachoL'attuale cinta muraria risale al XVIII secolo, ha forma esagonale irregolare, con un perimetro di circa 1.550 metri e una superficie di 108.291 metri quadrati ed è costituita da un insieme di tratti murari scanditi da 40 torri semicircolari e rinforzati da 5 bastioni in ciascuno dei vertici convessi dell'esagono.
In alcuni tratti le pareti sono alte fino a 26 metri.



Fatti strada lungo le mura della fortezza (accompagnato da alcune meravigliose vedute di Ceuta in basso), fino a trovare una strada asfaltata che inizia a scendere.

Continua a scendere e troverai la strada Calle Recinto Sur – lo trovi tracciato sulla mappa). 
Segui Calle Recinto Sur fino al centro. 

Ci sono delle fantastiche viste sulla costa durante la passeggiata, anche se è un po' lunga.



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -