CEUTA - IL MAROCCO SPAGNOLO - SCOPRIRE CEUTA IN UN GIORNO DI SCALO -

Proprio come la Gran Bretagna ha Gibilterra, il suo avamposto di lunga data sul Mediterraneo, la Spagna ha la sua enclave, Ceuta (pronuncia SAY-oo-ta), a poche miglia nautiche a sud attraverso lo Stretto di Gibilterra sulla costa marocchina. 


L'arrivo a Ceuta è affascinante, con montagne su entrambi i lati della città, antiche fortezze, mura e viste panoramiche.

Il porto di Ceuta ha 2 terminal crociere: il molo Espana e il molo de Penitent, con informazioni turistiche e taxi. Il terminal del molo Espana si trova a 100 metri dal centro della città.

Sbarcati dalla nave, dirigetevi verso il centro storico di Ceuta. Proprio all'ingresso della città e vicino alle mura, nel Baluarte de los Mallorquines, c'è l'Ufficio del Turismo, dove puoi prendere  una mappa della città .

A pochi passi si trovano le mura di Ceuta, con il suo fossato , navigabile. Le mura servivano a difendere la penisola di Ceuta dall'area di Campo Esterno. 

Furono costruiti al tempo della dominazione portoghese, anche se furono ampliati quando passò alla corona spagnola. Sono stati costruiti su un precedente muro arabo.




Ceuta ha una ventina di chilometri di costa che costituiscono uno spazio meraviglioso per gli amanti del mare e del sole. 
 La maggior parte delle spiagge di Ceuta sono certificate con la bandiera blu. La migliore delle quali, se preferisci l'acqua più calda, è Playa de la Ribera.

Ci sono diverse spiagge che si possono trovare a Ceuta. Lungo la baia meridionale di Ceuta si trovano la spiaggia di La Ribera e la spiaggia di El Chorrillo, entrambe situate vicino al centro della città e sono spiagge certificate bandiera blu per qualità e sicurezza. 

La spiaggia di Benzu e la spiaggia di Calamocarro si trovano nella baia settentrionale e hanno acque più fresche e spiagge di ghiaia più ruvida. La spiaggia di Benitez è popolare tra le persone che vivono nelle vicinanze e ha un misto di sabbia e ciottoli. 

Ceuta è una delle città spagnole più sconosciute. La sua particolare posizione, nel continente africano , la rende una città davvero interessante. In esso, le culture cristiana, musulmana, ebraica e indù si fondono in perfetta armonia. Inoltre, è una città incredibilmente bella.



Fare acquisti a Ceuta


Lo shopping è uno dei motivi principali per cui le persone visitano Ceuta, soprattutto venendo dal Marocco. Ceuta è una zona franca! Mentre la Spagna continentale ha un'IVA del 21% sulle merci a Ceuta, l'IVA non si applica e invece la loro tassa locale è solo del 5-10% a seconda del prodotto. 

Attraverso il centro della città Calle Camoens Street è una strada pedonale con negozi di marca di tutti i tipi. Troverai anche negozi come il gigante dei grandi magazzini spagnoli El Corte Ingles e Carrefour a Ceuta. 

Consiglio - Fai attenzione al roaming mobile e dati. In alcuni punti di Ceuta, il cellulare può connettersi, grazie alla sua vicinanza, a una rete mobile marocchina . Se non desideri un supplemento a sorpresa disattiva il roaming dati.




Il Museo delle Mura Reali di Ceuta si trova all'interno del Revellín de San Ignacio. La visita è gratuita.



Porta Califfale


Si tratta di una porta che risale al X secolo e che era l'accesso alla medina della città in epoca musulmana. Faceva parte del grande muro degli Omayyadi. La tua visita è gratuita, ma devi prenotarli in anticipo presso l'Ufficio del Turismo. Ci è rimasta la voglia di visitarlo, ma quando eravamo all'Ufficio del Turismo, non avevano più posti per quello stesso giorno.

Piazza Africa


Dopo aver visitato le mura, entra nel centro storico e la prima cosa che atroverai è la Plaza de África, che è una delle piazze più importanti di Ceuta e dove si trovano il Consiglio Comunale Autonomo, il Comando Militare, il Monumento ai Caduti, il Cattedrale di Ceuta, il Santuario di Nostra Signora d'Africa e il Parador de Ceuta.


Il Municipio si trova nel Palazzo delle Assemblee , un bellissimo edificio dell'inizio del XX secolo, inaugurato dal re Alfonso XII nel 1927.

La Cattedrale di Ceuta si trova su quella che era la Grande Moschea di Ceuta, un tempio che fu trasformato in tempio cristiano dopo la conquista della città nel 1415. L'attuale edificio è classicista e fu completato nel XVIII secolo.

A pochi passi dalla cattedrale si trova il Santuario di Nostra Signora d'Africa , un edificio del XVIII secolo che ospita Santa María de África, la patrona di Ceuta.


Gran Via

Ci spostiamo verso la Plaza de la Constitución lungo il viale Alcaldes Sánchez Prados, sindaco repubblicano di Ceuta dal 1931 al 1936, ma che è meglio conosciuto come Gran Vía, proprio all'inizio del viale c'è una statua in onore di questo assessore .

Percorrendo questo viale, in una via che incrocia la via Queipo de Llano, si trova la Basilica tardo romana, che risale al IV secolo. Oltre a vedere i resti della basilica, in città c'è anche un piccolo museo archeologico.





Piazza della Costituzione

Questa piazza si trova sul vecchio fossato di Almina e da qui si gode di una splendida vista sul porto di Ceuta, sulla baia settentrionale, su Gibilterra e sulla costa di Cadice.

Anche qui si trova una delle due sculture dedicate al dio romano Ercole a Ceuta. Sono fatti di bronzo e sono alti 7 metri. Quello in Plaza de la Constitución simboleggia Ercole che separa Ceuta e Gibilterra, mentre quello nel porto di Ceuta, sul molo La Puntilla, rappresenta Ercole che cerca di unire ciò che era separato.

Nella piazza possiamo anche vedere un monumento dedicato alla Costituzione Spagnola e diverse sculture in marmo di Carrara, che rappresentano la Pace, l'Africa, l'Industria, le Arti, il Commercio e il Lavoro.




Casa dei Draghi

 
Questo edificio fu completato nel 1905 e potrebbe essere uno degli edifici più riconoscibili di Ceuta grazie ai draghi di bronzo che fiancheggiano l'esterno. È conosciuto come un grande esempio di architettura eclettica . I draghi originali furono rimossi nel 1925 e persi e fu solo nel 2006 che furono installati nuovi draghi. 


Mercato centrale

Come in tutte le città spagnole, il mercato centrale è una parte importante della vita quotidiana. Il mercato apre alle 8:00 e chiude alle 15:00, quindi è meglio visitarlo al mattino. Questo è un ottimo video (in spagnolo) sul mercato, anche se non capisci lo spagnolo le immagini sono fantastiche.

Paseo Camoens termina in Plaza de los Reyes, dove possiamo vedere una riproduzione della porta del vecchio Ospedale Reale che si trovava in questa piazza e fu demolito durante la Seconda Repubblica.

Deposito di Huerta Rufino


All'interno della biblioteca municipale di Adolfo Suárez si trova il sito archeologico di Huerta Rufino. La tua visita è gratuita. Si tratta di un gruppo di case a patio, articolate intorno a strade ortogonali, e risalenti al XIV secolo.

Bagni Arabi


I bagni arabi di Ceuta, del XII-XIII secolo d.C. C., sono costituiti da quattro vani. Si trovano nella zona di Almina, in quella che era una delle periferie della medina islamica, chiamata da Al Bakri (XI secolo). 

Li abbiamo trovati chiusi e non abbiamo visto nessun cartello indicante gli orari per visitarli, quindi ci siamo dovuti accontentare di vederli dall'esterno.



Chiese indù, moschee, sinagoghe e templi


Una particolarità di Ceuta è che diverse religioni coesistono in armonia nella città autonoma. Pertanto, è facile trovare chiese cattoliche, moschee, sinagoghe e templi indù in un piccolo spazio e le celebrazioni di tutte sono mescolate.




NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -