ETRETAT - NORMANDIA - CITTA' IN AUTONOMIA - SUGGERIMENTI PER UNA PASSEGGIATA CON MAPPA E PERCORSI -

Teatro romantico aperto sulla Manica, Étretat ha ispirato gli artisti più illustri. 

Bastano pochi istanti sul posto per capire perché... La singolare forma delle sue scogliere, che si tratti della Manneporte, della Courtine o dell'Aiguille, invita all'immaginazione.


Una visita a Etretat ti permette di stare dove si trovava Monet quando dipingeva i suoi capolavori. 

Circondata da imponenti scogliere a monte ea valle, la spiaggia di Etretat è senza dubbio una delle spiagge più belle della Normandia. Siediti di fronte al mare e ascolta il rumore delle onde sui ciottoli. 
In estate, la spiaggia è rapidamente presa d'assalto. Un trampolino galleggiante è una delizia per gli adolescenti. I genitori si rilassano mentre i bambini fanno il bagno o smistano i sassolini alla ricerca del più scintillante.

Ma la spiaggia di Etretat è apprezzata anche con il brutto tempo, quando le onde sono impressionanti. Per osservare lo spettacolo, il lungomare è l'ideale. Accomodatevi sulla terrazza e contemplate l'opera di Madre Natura!


La cittadina si trova in una valle tra due formazioni rocciose. Inizialmente un modesto villaggio di pescatori, Etretat divenne una destinazione alla moda nel XIX secolo dove sfilava l'intera Parigi . Lo testimoniano diverse residenze di personaggi illustri: la Villa Orphéed'Offenbach, il Château des Aygues (residenza di villeggiatura delle Regine di Spagna) e naturalmente il Clos Arsène Lupin , dimora di Maurice Leblanc, “padre” del ladro gentiluomo. 

Alle due estremità della spiaggia ci sono formazioni rocciose che si protendono nel mare. Ognuna è punteggiata da un arco naturale, consumato dal battito del mare. 

Le scogliere e l'Aiguille Creuse hanno reso la città di Etretat famosa nel mondo. Meraviglie naturali, questi giganti che culminano a quasi 90 metri sono testimoni antichissimi dell'evoluzione della costa normanna. 

Attenzione , questi spazi sono fragili e soggetti ai capricci della marea: non raccogliere i ciottoli, non lasciare rifiuti sui siti e avventurarsi ai piedi delle scogliere solo negli orari di marea appropriati (affissi sulla spiaggia, al pronto soccorso) e ad una distanza ragionevole dalla falesia ancora soggetta al rischio di frane.

  

All'estremità opposta della spiaggia c'è Porte d'Amont, che è anche oggetto di diversi dipinti di Monet.

Le imponenti scogliere di gesso sono state scolpite dal mare e dal vento. Camminare sotto di loro può essere fonte di timore. 
Tuttavia, per la maggior parte dei turisti, è solo un luogo piacevole dove sdraiarsi in riva al mare, pescare o chiacchierare con gli amici. 



Il passo essenziale: la spiaggia ovviamente! Ma non perdetevi Le Clos Lupin , la casa di Maurice Leblanc che offre un percorso originale alla scoperta del ladro gentiluomo, la Cappella di Notre-Dame de la Garde , il Monumento a Nugesser e Coli, il Museo del patrimonio di Etretat , il castello di Aygues , l'antica residenza estiva delle regine di Spagna, il mercato coperto che ospita numerosi negozi di souvenir e il Parc des Roches, un'area ricreativa per famiglie nel centro della città. 

A pochi passi dal centro del paese, rimarrai stupito dalla maestosità e dalle dimensioni della chiesa di Notre-Dame de l'Assomption , un tesoro architettonico romanico e gotico, costruito a partire dal XII secolo sotto il patronato degli abati di Fécamp. I soldati britannici della prima guerra mondiale sono sepolti nel cimitero che lo circonda. 




Una terra di leggende

Come tutte le città marittime d'arte e di cultura, Etretat ha le sue leggende, una più misteriosa e divertente dell'altra. Eccone una delle tante, la leggenda della Fontana dell'Olivo . Fu nel momento in cui i pagani invasero la Francia. Una donna di rara bellezza di nome Olive stava lavando i suoi panni nelle acque della fontana sulla spiaggia quando si vide circondata da una nuvola di "Sarrains" (termine per gli stranieri, era Vichinghi). Solo un miracolo potrebbe salvare Olive.

Tuttavia, pregò Dio di strapparla dalle mani di queste persone crudeli e fece voto di costruire una bella chiesa a Étretat. Dio gli rispose sollevando una terribile tempesta che spinse al largo le barche saracene. Olive decise subito di costruire la chiesa in riva al mare. . Seguendo un sogno, Olive finì per costruire la chiesa dove la vediamo oggi.



NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -