KOPER - CAPODISTRIA -COSA VEDERE E FARE IN UN GIORNO - CONSIGLI UTILI PER VISITARLA

Capodistria, in Slovenia, è la città più grande sulla costa soleggiata e ricca di fascino, vicino al confine italiano e alla città italiana di Trieste.

Non appena attraverserai la Porta Muda di Capodistria (un antico ingresso della città), sarai deliziato da un'esplosione di architettura slovena, arte, gustose specialità culinarie e quartieri vivaci pieni di vita.

Capodistria è una vetrina di architettura veneziana, edifici storici, frutti di mare appena sbarcati, l'affascinante Palazzo Pretorio e altro ancora, tutti in attesa di essere scoperti durante la tua visita a questa deliziosa destinazione.

Sotto troverai una mappa dei luoghi citati in questo articolo e la posizione del Molo di attracco nave.




Oltre alle attraenti strade acciottolate, alle piazze, agli accoglienti caffè, ai ristoranti e ai piatti di pesce alla griglia di Capodistria, qui è esposta un'abbondanza di diversi stili architettonici, tra cui il barocco, il gotico, il rinascimentale e il veneziano.

Capodistria è anche il punto di partenza perfetto per esplorare le città vicine e gli scenari panoramici, come Pirano, la capitale, Lubiana o il Lago di Bled, tutti a meno di due ore di auto dalla città portuale. 

Capodistria, in Slovenia, un tempo era un centro vitale per l'impero marittimo della Repubblica di Venezia. Prima e dopo quel periodo Capodistria fu un luogo strategico per diversi governanti.

Originariamente costruita su un'isola, Capodistria era un possedimento greco chiamato Aegida. Sotto il dominio romano, il porto era conosciuto come Capris, poi denominato Iustinopolis quando l'impero bizantino controllava la zona durante i secoli VI, VII e VIII, periodo che coincide, più o meno, con l'arrivo degli slavi.

Nel corso del XII secolo la penisola istriana, su cui si trova Capodistria, era nominalmente sotto il dominio del patriarca aquileiese, una circoscrizione ecclesiastica o “sede” con sede nella città romana di Aquileia.

La Repubblica di Venezia prese il controllo di Capodistria, che chiamarono "Istria", e ne fece il capoluogo della regione dalla fine del XIII secolo fino alla fine del XVIII secolo. L'architettura in stile veneziano è ancora chiaramente evidente nei numerosi edifici storici della città.

Tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo si registrarono numerose invasioni turche nell'Istria, che devastarono l'economia e la popolazione locale. Alla fine del 1700 Napoleone occupò l'Istria per un certo periodo e all'inizio del 1800 l'Austria governò sull'Istria. L'Italia ottenne il controllo dell'area dopo la fine della Prima Guerra Mondiale.

Dopo la seconda guerra mondiale l'influenza italiana nella regione diminuì. La penisola istriana e Capodistria divennero infine parte della Jugoslavia. Dopo la dissoluzione della Jugoslavia, Capodistria divenne il porto principale della Repubblica di Slovenia, fondata all'inizio degli anni '90.




Consigli per visitare  kKoper - Capodistria

Passeggia per Piazza Tito a Capodistria

Per certi aspetti Capodistria è depositaria dei diversi motivi architettonici che hanno definito le varie civiltà che qui hanno conquistato o governato.

Piazza Tito è un posto meraviglioso per incontrarsi con gli amici, iniziare la passeggiata in città e ammirare la confluenza dei numerosi stili architettonici di Capodistria.

La Titov Trg , come è conosciuta la piazza in sloveno, in stile veneziano , conserva ancora il titolo del suo omonimo, Josip Broz Tito, leader dell'ex Jugoslavia.

La vivace piazza principale di Capodistria ospita anche il Palazzo Pretorio, la Cattedrale di Capodistria e il vicino campanile cittadino alto 57 metri, che attualmente ospita la campana funzionante più antica della Slovenia, la campana di San Nazario. 

La piattaforma panoramica della torre sopra la piazza, raggiungibile salendo 204 gradini, offre una magnifica vista sui tetti.




Visita al Palazzo Pretorio veneziano

Il Palazzo Pretorio del XV secolo, nei pressi di Piazza Tito, è un ottimo esempio di stile edilizio tardo gotico veneziano e rinascimentale.

Il maestoso edificio a due piani, completo di scala esterna, balaustra decorata al secondo piano e due torri su entrambi i lati, ora ospita una farmacia, un centro di informazioni turistiche, una sala per matrimoni, un'università e funge anche da città di Capodistria. sala.

Puoi organizzare tu stesso una visita guidata all'interno di questo palazzo culturalmente significativo o semplicemente apprezzarne la bellezza dall'esterno.




Ammira la Cattedrale dell'Assunzione della Beata Vergine ( Stolnica Marijinega vnebovzetja )

La Cattedrale dell'Assunzione della Beata Vergine, o Cattedrale di Capodistria, risale all'XI secolo, anche se prima di allora in questo luogo sorgevano altre chiese.

A causa dei vari rifacimenti avvenuti nel corso dei secoli, la grande cattedrale, che prende anche il nome di Cattedrale di San Nazario, vanta oggi un mix di tecniche costruttive e facciate gotiche e rinascimentali.

La messa, alla quale puoi assistere, si tiene nella cattedrale in orari diversi durante la giornata, sette giorni su sette.

All'interno del notevole edificio troverete dipinti dell'artista veneziano Vittore Carpaccio, nonché un organo sinfonico da 16 tonnellate con più di 5.500 canne, che è uno dei più grandi organi in Slovenia.




Fai un salto alla Casa e alla Piazza Carpaccio di Capodistria ( Carpacciov trg )

Per una piccola finestra sulla lunga storia di Capodistria, fate un salto alla Casa e alla Piazza Carpaccio di Capodistria, vicino al vecchio porto.

La Colonna di San Giustiniano e il pozzo centrale importato da Venezia negli anni '30 sono gli elementi più importanti di Piazza Carpaccio. La colonna commemora la battaglia di Lepanto, quando la Lega Santa sconfisse l'Impero Ottomano in una battaglia navale nel 1571.

Si dice che la rossa Casa Carpaccio in stile gotico-veneziano, situata sulla piazza, abbia dato i natali al pittore Vittore Carpaccio, ma più probabilmente servì come residenza per suo figlio, Benedetto Carpaccio, durante il XVI secolo.

La Taverna Koper, o Magazzino di San Marco, sul lato occidentale della piazza, vicino al porto turistico, un tempo era un deposito del sale veneziano. Oggigiorno, gli archi in pietra della Taverna fungono da sede per eventi dal vivo.




Dirigiti sottoterra al Parco delle Grotte di Postumia

A meno di un'ora di macchina a nord-est di Capodistria incontrerai il Parco delle Grotte di Postumia, un paese delle meraviglie sotterraneo.

Con quasi 17 miglia di spaziose grotte carsiche, l'imponente stalagmite "Brillante", oltre a un treno turistico sotterraneo a doppio binario che si estende per più di due miglia, le Grotte di Postumia ti regaleranno uno scrigno di tesori di affascinanti stalattiti, stalagmiti e pietre dalla forma strana pilastri su cui guardare.

Assicurati di dare un'occhiata anche ai "cuccioli di drago" residenti nella caverna, chiamati "olmi". Si tratta di salamandre acquatiche rosate che possono restare senza cibo per diversi anni e vivere fino a un secolo.




Esplora il lago nebbioso di Bled

Nelle rigogliose Alpi Giulie troverai la magica città di Bled e il nebbioso (soprattutto al mattino) Lago di Bled, uno dei migliori laghi d'Europa , che ti offrirà un tipo di ambiente naturale molto diverso rispetto a quello La scena adriatica permea Capodistria.

I punti salienti di Bled includono la pittoresca isola di Bled, che puoi visitare con una Pletna a fondo piatto simile a una gondola , la piccola chiesa di Santa Maria dell'isola e il castello di Bled (il più antico castello in Slovenia), costruito in cima a un'imponente scogliera che domina la città.

La passeggiata della gola di Vintgar nel Parco nazionale del Triglav, vicino al cristallino fiume Radovna, arriva a circa un miglio di lunghezza. Questo breve trekking, lungo una passerella sospesa sopra il fiume impetuoso, è un'esperienza esaltante vicino a Bled da non perdere neanche tu.




Visita la pittoresca Pirano

Pirano è un'altra città adriatica da cartolina, leggermente a ovest di Capodistria, che dovresti visitare se il tempo lo consente. Pirano, con le sue influenze architettoniche veneziane e italiane, è stata costruita su una sottile fetta di penisola protesa nel mare.

Parti dell'antica fortificazione cittadina, le Mura di Pirano, incombono ancora sulla città. Semplicemente passeggiare nel labirinto di graziose stradine o dirigersi verso la cima della collina della chiesa di San Giorgio è un vero piacere.

Vicino a Pirano troverai anche l'affascinante città istriana di Padna, famosa per le sue viste panoramiche sulla baia di Pirano e per gli uliveti collinari che circondano il villaggio.

Se sei alla ricerca di olio d'oliva locale di prima qualità, Padna dovrebbe essere sicuramente aggiunta alla tua lista di destinazioni da visitare lungo la riviera slovena.




Dirigiti a Lubiana

Lubiana, a poco più di un'ora di macchina nell'entroterra da Capodistria, è la piccola capitale della Slovenia (per gli standard europei), ricca di architettura barocca, come la celebre Fontana Robba.

La capitale si estende su entrambi i lati del fiume Ljubljanica e, nonostante le sue dimensioni relativamente ridotte, ha molto da fare e da vedere.

Alcune delle migliori scelte di Lubiana includono il bellissimo Ponte Triplo in pietra calcarea e cemento (tre ponti pedonali raggruppati insieme) sulla Ljubljanica, che collega il centro storico con la moderna Lubiana.

I sentieri, insieme alla funicolare fino al Castello di Lubiana, in cima alla collina, ti offriranno la possibilità di visitare uno dei migliori castelli medievali d'Europa , insieme a tante viste maestose della verde Lubiana sottostante.





Un altro luogo poetico da visitare a Lubiana è Prešernov trg , o Piazza Prešeren, che è un punto d'incontro centrale esclusivamente pedonale nel centro storico medievale. La piazza stupisce con la sua disposizione imponente, per non parlare della statua in bronzo dell'amato poeta nazionale France Prešeren.




Per quanto riguarda cibo e bevande, Capodistria è il luogo ideale per riempirsi la pancia con pesce fresco, accompagnare vini eccezionali come il Refosco rosso e la Malvasia bianca e immergersi nei piatti sloveni più sostanziosi preparati con olio d'oliva di produzione locale, come la frittata Frtalja. , un invitante mix di uova montate, tartufo, asparagi, salsicce e prosciutto.

Mentre gironzoli per Capodistria, puoi provare la pasta fuži istriana con carboidrati e salsa alla crema di tartufo. Anche le cozze alla Buzara, cotte nel pangrattato, aglio e vino, sono molto diffuse in questa città dell'Europa orientale , così come i calamari alla griglia e gli stufati di pesce.

Istrska Klet Slavček è un posto a prezzi ragionevoli in città per un pasto veloce se sei in movimento, inclusi calamari fritti e gulasch di pesce.




Qui la mappa dei luoghi ed attrazioni citate nell'articolo








NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione -