PATMOS - GRECIA - IL PORTO CROCIERE - PUNTI SALIENTI PER ESCURSIONI IN AUTONOMIA - CON MAPPA

L'isola greca di Patmos è considerata un'isola religiosa biblica, soprannominata Gerusalemme del Mar Egeo e " Isola Sacra della Cristianità ". 

Questo perché nell'anno 95 d.C., l'apostolo Giovanni il Teologo vi rimase per almeno 18 mesi e scrisse L'Apocalisse, l'ultimo libro del Nuovo Testamento  che fu scritto in quella che oggi è conosciuta come la Grotta dell'Apocalisse.

Chora, la capitale dell'isola, ospita il monastero di San Giovanni il Teologo dell'XI secolo. Qui si può avere uno scorcio della vita monastica e assorbire la storia senza tempo attraverso i magnifici manufatti ecclesiastici del suo museo. 

Ecco alcuni suggerimenti per muoversi in autonomia





 Le navi da crociera più grandi attraccano nella baia di Skala, e si viene portati in tender al porto di Skala. 
Le navi più piccole possono attraccare direttamente al molo. 
La città principale dell'isola, Chora (chiamata anche Hora o città di Patmos), dista scarsi 4 km dal porto di Skala.

Puoi fare una passeggiata lungo il lungomare di Skala e avvistare barche da pesca, traghetti e yacht. Vedrai anche i resti del fonte battesimale originale usato da San Giovanni per battezzare la gente di Patmos. Di fronte al fonte battesimale c'è una piccola chiesa imbiancata decorata con un mosaico del Santo.

Gli autobus e i taxi sono proprio al porto. Puoi prendere un autobus locale per Chora e il Monastero di San Giovanni, costa 1,30 euro a tratta 
Iin cima alla collina troverai sia la cittadina  di Chora che il Monastero di San Giovanni. La vista dall'alto e poi dalla cima su Skala è incredibile. 
Ti suggerisco di visitare prima il Monastero di San Giovanni, poi di proseguire verso Chora e le strade secondarie imbiancate dove c'è una bella piazza con taverne per uno spuntino o un drink. 


Gli autobus e i taxi per Chora si fermano tutti alla fine della strada asfaltata e poi si inizia a salire per la cittadina di Chora ed il Monastero di San Giovanni.  Il sentiero che porta a Chora ha una pendenza piuttosto angolata e non ha panchine, prenditi solo il tuo tempo e fai molte fermate per goderti il ​​panorama. 

Per vivere una piccola fetta della vita di Patmos, una passeggiata per Chora è d'obbligo. Le pittoresche case imbiancate separate da strade strette e tranquille piazze ombreggiate risalgono al Medioevo. Goditi una visita in un autentico negozio greco o in una tarverna, oppure allontanati per dare un'occhiata da vicino ai mulini a vento purtroppo senza vele.

Puoi decidere di scendere dalla collina seguendo l'antica strada dei Pellegrini, passerai la Grotta dell'Apocalisse che è ben segnalata. Da lì puoi vedere e accedere al sentiero pedonale per il porto. 
 La vista è incredibile per tutto il percorso. 
Se scegli di non camminare, di solito ci sono autobus e taxi in cima che aspettano coloro che tornano al porto.

NOTA - Tieni presente che non sono consentite fotografie nella Grotta dell'Apocalisse o nel Monastero di San Giovanni.

Appena a nord del molo dei traghetti, troverete la spiaggia di Skala Town , una stretta striscia di ciottoli ombreggiata da alcuni alberi, un'ombra gradita in una giornata calda. Gran parte della spiaggia è occupata da diverse taverne, ma c'è anche molto spazio per prendere il sole o nuotare.

Oppure fate una passeggiata fino alla deliziosa spiaggia di Psili Ammos vicino a Chora. Con una distesa di sabbia e acque limpide, è più isolata, per coloro che cercano un po' di privacy.

Per agevolare la tua passeggiata in autonomia, sotto troverai una mappa di tutti i luoghi citati in questa guida.





Il monastero di San Giovanni il Teologo fu fondato da Hosios Christodoulos nel 1088. 

È un magnifico e imponente edificio fortificato, che sorge in cima a una collina, fiancheggiato dalla città di Chora. 
All'interno delle spesse mura troverete due cappelle, una tesoreria, una biblioteca e gli alloggi per i monaci decorati con affreschi e mosaici, insieme a numerose reliquie, preziose croci, sacre coppe della comunione e antiche mitre. 

Il monastero di San Giovanni fu costruito nell'XI secolo. Sulla collina sottostante c'è una grotta molto visitata che si pensa sia il luogo in cui San Giovanni andava a pregare e meditare. Si pensa che qui forse scrisse il Libro dell'Apocalisse che dettò al suo scriba Procoro.


Grotta dell'Apocalisse

Quando San Giovanni il Divino fu esiliato a Patmos dall'imperatore romano Domiziano nel 95 d.C., visse nella Grotta dell'Apocalisse . 

Fu qui che ricevette la rivelazione da Dio, che dettò al suo discepolo Protorio, scrivendo così il Libro dell'Apocalisse, o Apocalisse, l'ultimo libro della Bibbia. 

(Per citare dal 1° capitolo dell'Apocalisse – “Io Giovanni, che sono anche tuo fratello e compagno nella tribolazione e nel regno e nella pazienza di Gesù Cristo, ero nell'isola chiamata Patmos, a motivo della parola di Dio, e per la testimonianza di Gesù Cristo”). 

La grotta ora si trova al livello più basso di un grande monastero, il Monastero dell'Apocalisse. La Grotta dell'Apocalisse si trova a metà strada lungo la strada da Skala a Chora, riparata dagli alberi.



Magari puoi contattarla per avere maggiori informazioni.

Ecco la mappa di Patmos con i luoghi citati in questa guida






NOTA - Puoi scaricare qui il post in PDF - Per portarlo con te in viaggio - anche senza connessione - Oppure salva una copia dal menù del tuo Browser da utilizzare fuori linea -